Stress Lavoro Correlato e Shiatsu - tesi Sergio Palandri

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO
SCUOLA DI MEDICINA DI TORINO
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLE
PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE DIAGNOSTICHE
PRESIDENTE: Prof.ssa Anna Maria CUFFINI
TESI DI LAUREA
STRESS LAVORO-CORRELATO:
UN EVIDENTE PROBLEMA DI GRANDE IMPATTO
UMANO E ECONOMICO-GESTIONALE.
QUALI LE POSSIBILI SOLUZIONI?
(L’esempio dello Shiatsu)
WORK RELATED STRESS :
A UNDENIABLE PROBLEM WITH BIG HUMANE,
ECONOMICAL AND MANAGMENT EFFECTS.
WHAT ARE THE SOLUTIONS?
(EXAMPLE OF SHIATSU)
RELATORE
Chiar.ma Prof.ssa Anna Maria CUFFINI
CANDIDATO
Sergio PALANDRI
Anno Accademico 2012-13
1
“Si ricorda che la proprietà intellettuale
dell’opera è esclusiva dell’Autore, mentre la
proprietà fisica della stessa è esclusiva
dell’Università degli Studi di Torino – Scuola di
Medicina. Ogni riproduzione totale o parziale è
vietata e ogni riferimento a parte o a tutta
l’opera in qualunque altro documento, articolo o
pubblicazione, deve essere corredato della
citazione completa dell’autore, del titolo
dell’opera e dell’Università degli Studi di Torino
– Scuola di Medicina, secondo le norme e gli usi
vigenti in materia”
2
ABSTRACT
Lo stress lavoro-correlato è un fenomeno dall’innegabile evidenza, con
risvolti sia umani che socio-economici; la sua risoluzione e prevenzione,
risultano quindi un obiettivo di primaria importanza.
Il presente lavoro non vuole ridefinire un argomento già molto dibattuto,
quanto piuttosto stimolare la costruzione di uno studio per validare una
metodologia in grado di poter fornire una possibile soluzione, efficace e a
basso impatto economico.
L’obiettivo seppur apparentemente ambizioso in quanto porterebbe a
dialogare due mondi distanti per antonomasia come la cultura occidentale e
la cultura orientale, è in realtà più a portata di mano di quanto possa
sembrare
KEY WORDS
stress, managment, shiatsu
NOTE DELL’AUTORE
La personale esperienza nell’ambiente sanitario e come Operatore Shiatsu
Professionista hanno ispirato questo lavoro, con l’intento di unire risorse
per ottenere un benessere comune.
3
RINGRAZIAMENTI
L’argomento particolare e inedito di quest’opera richiedevano
necessariamente l’appoggio di menti aperte, con una profonda condivisione
degli ideali e degli intenti dell’Università. Averla potuta realizzare implica,
quindi, averle trovate.
Per questo lo Scrivente sente di dover porgere ii più vivi ringraziamenti
alla Professoressa Anna Maria Cuffini e al Professor Gianni Bisi, non solo
per il loro sostegno, ma anche per i suggerimenti e l’attenzione prestati al di
lè dei doveri istituzionali.
4
INDICE
INTRODUZIONE e SCOPO
Pag. 4
COSA E’ LO STRESS 7
COSA E’ LO STRESS LAVORO-CORRELATO 10
LETTERATURA DI SUPPORTO 13
NORMATIVA DI SUPPORTO 17
LE DIMENSIONI DEL FENOMENO 19
LE IMPLICAIZONI DEL FENOMENO 21
I COSTI 24
UNA POSSIBILE STRATEGIA 26
CONSIDERAZIONI ETICHE 31
CONCLUSIONI 33
BIBLIOGRAFIA 35
5
INTRODUZIONE
Ogni
processo di
trasformazione in grado di
coinvolgere
completamente la struttura sociale di un periodo storico, come lo fu
nella seconda metà del 1700 la prima rivoluzione industriale e in
seguito le due successive, porta con sé, fin dalla sua nascita, risvolti,
problematiche e anche nuove patologie sconosciuti e inimmaginabili
al momento del suo esordio.
Questi fattori collaterali iniziano in modo silente, crescendo
parallelamente al fenomeno principale fino a manifestarsi in tutta la
loro importanza, sia come dimensione, sia come rilevanza,
divenendo di conseguenza oggetto di studio da parte della comunità
scientifica che tende a porvi rimedio.
Esempio evidente di quanto ora descritto, è fornito dallo stress e
dalla sua correlazione con il lavoro: il fenomeno, sconosciuto alla
fine del 1700, ha subito nel tempo una progressiva trasformazione
crescendo in dimensioni e passando dall’iniziale coinvolgimento del
solo aspetto fisico del lavoratore, all’assumere anche una
connotazione psicologica, come attestano i primi lavori in merito,
rilevati in letteratura [1], [2].
Tale trasformazione, complice la concomitante espansione del
progresso industriale e tecnologico, ha portato il fenomeno a varcare
i confini del suo settore di nascita per interessare altri settori
dell’attività umana, proprio in forza del numero crescente di soggetti
coinvolti e della sua poliedricità.
Lo stress lavoro-correlato diventa così non più un solo problema del
6
mondo industriale e della medicina, ma anche del mondo economico
in virtù dei costi ad esso associabili e del mondo gestionale,
rappresentando, specie negli ultimi tempi, un problema con il quale
ogni manager sa di doversi confrontare a causa degli aspetti sociali e
organizzativi che da esso derivano.
Non può quindi sorprendere il moltiplicarsi degli studi in diversi
settori, teso a capirne i meccanismi di insorgenza e di sviluppo, per
adottare strategie atte a fronteggiarlo in modo efficace e efficiente,
come si agirebbe nei confronti di una qualunque altra patologia.
Paradossalmente, però, una possibile e promettente fonte di aiuto,
risulta non considerata adeguatamente, in quanto non validata da
studi scientifici per altro mai intrapresi, forse perché tale fonte è
originaria di un mondo il cui modo di pensare e la cui cultura sono
molto distanti dal modo di pensare e dalla cultura occidentale, madre
dell’attuale metodologia scientifica.
Ma forse i tempi sono maturi per una sinergia di competenze al di là
degli sterili schieramenti di parte, per verificare nuove strategie dai
vantaggi impensabili e per scoprire infine, banalmente, che la
Scienza e il Sapere non hanno bandiere se non quelle della mente
umana.
SCOPO
L’obiettivo principale del presente lavoro è di promuovere la
collaborazione e la cooperazione tra due mondi scientifici e culturali
differenti, come quello occidentale e quello orientale, finalizzate a
fornire un possibile contributo nella gestione e, per certi aspetti, alla
7
soluzione, di un problema di ampie proporzioni come lo stress
lavoro-correlato.
Basandosi su quanto esistente in letteratura a documentazione di un
già presente interscambio tra questi due mondi, si vuole promuovere
lo sviluppo di studi specifici nel settore indicato nel precedente
paragrafo, circoscrivendolo al solo ambito sanitario.
Tali studi si prefiggeranno di verificare l’efficacia dello Shiatsu,
disciplina bio-naturale di origine orientale, nella prevenzione e
nell’annullamento degli effetti prodotti dall’eccesso di stress
nell’ambiente lavorativo di tutte le figure professionali sanitarie.
Si ritiene fondamentale precisare, onde evitare equivoci, che
l’espressione “dell’eccesso di stress”, non è stata utilizzata per un
vezzo stilistico, ma con un preciso intento e significato, che
diventeranno chiari nel corso della trattazione.
Per il raggiungimento dell’obiettivo prefissato, verrà prima effettuata
una sintesi del fenomeno stress lavoro-correlato, unendo
le
conoscenze attuali dai punti di vista più sensibili e verrà poi illustrata
un’ipotesi di studio con i suoi punti di forza e di debolezza per una
sua possibile implementazione in una realtà lavorativa.
Implicitamente quindi, il presente lavoro si pone come obiettivo
successivo quello di poter costruire in un prossimo futuro (e per
tanto al di fuori dei suoi tempi di competenza accademica) uno
studio in grado di verificare, nella prevenzione e nell’annullamento
degli effetti prodotti dall’eccesso di stress lavoro-correlato, la validità
dell’impiego dei trattamenti Shiatsu, la cui efficacia rimane a
tutt’oggi nota e verificabile solo agli Operatori Shiatsu Professionisti
e a chi ne ha goduto i benefici.
8
COSA E’ LO STRESS?
Etimologicamente la parola stress è di origine inglese e deriva
attraverso il francese antico, dal latino “districtia”: si può
letteralmente tradurre con i termini spinta, sforzo, pressione [3] ed è
possibile riconoscerle un intrinseco concetto di angustia, di stretta
delineandone così i contorni di una causa.
Nel tempo il suo significato si è drasticamente modificato, passando
dall’indicare l’accento dato alle parole o all’enfasi nel pronunciarle
(XIII secolo), a riferirsi alla tensione o la pressione fisica su un
oggetto materiale (XIX secolo) fino al sovraccarico di un organo
(XX secolo) [3], quest’ultimo evidentemente più vicino a delineare
l’orientamento a un effetto.
Linguistico, fisico o medico che fosse, il suo significato è rimasto
comunque legato per la maggior parte della sua esistenza alla sfera
materiale, avvicinandosi solo negli ultimi ottanta anni ad acquisire
parallelamente un significato anche nella sfera psico-emotiva, grazie
in particolare all’opera di Hans Selye nel suo articolo pubblicato su
Nature nel 1936 [4] e solo quest’ultima accezione verrà considerata
nel presente lavoro.
Selye descrisse l’esperimento condotto sui ratti evidenziando tre fasi
distinte: una prima di allarme in cui l’organismo subisce l’attacco di
agenti nocivi esterni di non specifica natura (dall’intervento
chirurgico a sostanze tossiche in dosi sub-letali, a condizioni
ambientali o di prolungato sforzo fisico), una seconda di reazione,
nella quale l’organismo si adatta e risponde all’attacco e verso la fine
della quale, se gli stimoli aggressivi sono diminuiti o terminati,
l’organismo stesso prevale ritornando alla normalità e una terza fase
9
nella quale l’organismo soccombe esaurendosi a fronte di stimoli
mantenuti costanti, la fase appunto di esaurimento. L’autore arrivò
così a configurare una sindrome da adattamento.
L’importanza del lavoro e delle conclusioni di Selye, motivo per il
quale gli viene attribuita la paternità della prima descrizione del
fenomeno, si riscontra nel fatto che ancora oggi resta un riferimento
fondamentale nella definizione dello stress, come testimonia l’opera
Clinical psychology recentemente pubblicata (2013) [5].
Dalle osservazioni di Selye emerge inoltre un altro importante e
fondamentale aspetto: di per sé lo stress non è un fattore negativo, in
quanto può permettere all’organismo di adattarsi a una nuova
situazione e quindi potenzialmente di ottenere dei vantaggi, senza
averne un danno. Esso è dunque “buono” ed è parte della vita
quotidiana: pensare di poterlo eliminare completamente, oltre a
costituire un’impresa di impossibile realizzazione, sarebbe sopratutto
un danneggiamento della specie, privandola di un efficiente
strumento di crescita, condannandola all’estinzione.
Il vero problema nasce quindi, quando dalla fase due descritta da
Selye, l’organismo passa alla fase tre, o per un perdurare degli stimoli
esterni o per una propria incapacità a ritornare allo stato di quiete
dopo l’adattamento. Espresso in altre parole si può affermare che lo
stress diventa nocivo solo quando supera la soglia della reazione, o il
soggetto non risulta in grado di scaricarne l’eccesso, per ritornare allo
stato di normalità.
Questo concetto viene ripreso e affermato chiaramente nella linea
guida che il Royal College of Nursing (RCN) ha redatto nel 2009 [6]
sullo stress lavoro-correlato, sottolineando il messaggio che l’ente
britannico Health and Safety Executive (HSE) ha voluto divulgare
10
con la sua definizione di stress (2007), riportata nel documento del
RCN, concepita in chiave moderna: “stress è la reazione avversa che
la gente ha all’eccessiva pressione o ad altri tipi di richieste che
pesano su di lei”.
La linea guida del RCN evidenzia inoltre un secondo aspetto dello
stress spesso misconosciuto se non del tutto ignorato: anche una
pressione
esterna
inferiore
alle
risorse
disponibili
può
paradossalmente essere causa di un eccesso di stress, come descrive
il grafico riportato in fig.1 [6], noto come “curva dello stress”:
Fig. 1
L’osservazione del grafico richiama necessariamente a una
riflessione: lo stress è legato intimamente al concetto di equilibrio, in
11
quanto la mancanza di questo tra risorse e richieste porta a renderlo
dannoso.
Questa visione più ampia sul concetto di stress si poteva già trovare
nella definizione data dalla Commissione Europea (2002), riportata
nella linea guida del RCN [6], che di seguito viene richiamata:
“la reazione emotiva, cognitiva, comportamentale e psicologica ad
aspetti avversi e nocivi del lavoro dell’ambiente di lavoro e
dell’organizzazione del lavoro. E’ uno stato caratterizzato da alti
livelli di veglia e di angoscia e spesso di sentirsi inadeguati,
incapaci a sostenere il peso della situazione”
Da queste prime definizioni emerge come al termine “stress” sia
sottesa un’ambiguità che necessità di essere risolta: poiché si è
constatato che lo stress può assumere una veste sia di fattore positivo
che di fattore negativo, l’utilizzo dello stesso vocabolo diventa
insufficiente e inadatto.
Questa ambiguità era già stata osservata dallo stesso Selye che in un
suo articolo del 1975 [7] introdusse il termine “eustress” in
riferimento a uno stress positivo, mentre riservò al termine “distress”
il significato negativo del termine, notazione che è rimasta tutt’oggi
come ne è esempio l’articolo di Chipas et al. del 2012 [8].
Come evitare o recuperare la transizione dall’eustress al distress sarà
il punto dove la presente trattazione vuole portare l’attenzione.
COSA E’ LO STRESS LAVORO-CORRELATO?
Dal capitolo precedente si è potuto apprendere come il concetto di
12
stress sia
legato, in una accezione moderna, a un sostanziale
squilibrio, sia reale che percepito dal soggetto, tra le istanze a lui
poste e le sue risorse.
Nella declinazione di questo concetto nell’ambiente lavorativo, si
trovano ancora, naturalmente, gli stessi fondamenti, come sancisce la
European Agency for Safety and Health at Work, nel Factsheet 22
del maggio 2002 [9]:
“si ha esperienza di stress lavoro-correlato quando le richieste
dell’ambiente di lavoro vanno oltre le capacità del dipendente di
superarle o controllarle”.
Il carattere assolutamente generale di questa definizione, la rende
applicabile a qualsiasi settore dell’attività umana, qualunque esso sia
e per quanto disparato possa essere. Indubbiamente però, all’interno
dell’ampio spettro degli impieghi dell’uomo, alcuni di questi risultano
particolarmente esposti al rischio di stress lavoro-correlato. E le
professioni sanitarie sono ragionevolmente un valido esempio.
Nel definire il fenomeno “stress lavro-correlato”, si ritiene
fondamentale evidenziarne alcuni aspetti
per una maggiore
chiarezza concettuale e espositiva.
Anzitutto una caratteristica dello stress e conseguentemente dello
stress lavoro-correlato, è di avere una forte componente soggettiva
che ne complica notevolmente la gestione e la rilevazione. E’ infatti
il singolo individuo a percepire o meno uno squilibrio tra quanto
l’ambiente gli richiede e quanto le sue capacità sono in grado di
fornire. A seconda quindi della propria personalità, della propria
esperienza e dei propri vissuti, un soggetto potrà sentirsi vittima
dello stress correlato al lavoro, mentre a parità di condizioni, un altro
soggetto potrà non manifestare alcun disagio e tutto questo senza
13
effettuare
un’oggettivazione
delle
competenze
professionali
specifiche possedute da ciascuno dei due soggetti menzionati.
Analogamente un altro individuo, potrà manifestare disagio, anche in
forma evidente, in quanto, al contrario, percepisce la pressione
lavorativa insufficiente, rendendolo così insoddisfatto.
Un interessante esempio a riprova di quanto ora esposto, si riscontra
già in uno dei primi articoli riportati in letteratura pubblicato da
Dutton et al. nel 1978 [10], dove gli autori, tramite misure oggettive,
dimostrano come la percezione dello stress tra personale sanitario e
vigili del fuoco sia notevolmente diversa.
Un altro aspetto utile da ricordare è di natura semantica: con il
termine “stress lavoro-correlato” si intende il distress direttamente
causato dall’ambiente di lavoro e non genericamente manifestato
“nel” ambiente di lavoro, stress quest’ultimo che potrebbe avere
origini e cause ben diverse, come ribadito dalla European Agency for
Safety and Health at Work [9].
Un terzo aspetto rilevante è che lo stress lavoro-correlato non è di per
sé un qualche cosa di negativo, ma al contrario, di assolutamente
fisiologico e utile. Non è, analogamente a quanto già appreso, né
possibile né saggio pensare di eliminarlo.
L’obiettivo deve essere
quindi, non quello di eliminarlo in toto, ma piuttosto quello di
eliminare la parte oltre soglia che lo rende pericoloso.
Questi aspetti, seppur presenti tra le righe delle autorevoli definizioni
proposte, corrono il rischio di essere non adeguatamente considerati
se non esplicitamente richiamati, aumentando così la probabilità di
equivoci interpretativi e grossolani errori di valutazione.
E una corretta valutazione del rischio da stress legato all’ambiente
lavorativo, ossia quella capace di fornire risultati oggettivi partendo
14
dall’analisi di dati soggettivi, è l’imprescindibile base della quale la
presente trattazione ha bisogno, anche se l’analisi delle metodologie
di valutazione del rischio non rientra nei suoi obiettivi.
Si vuole infine ricordare che lo stress lavoro-correlato è uno degli
elementi che concorrono a formare il clima organizzativo e per tanto
ogni azione sul primo, deve collocarsi nel più ampio contesto di
azioni di miglioramento del secondo, condizione ben chiara e
condivisa dalla presente trattazione.
LETTERATURA DI SUPPORTO
L’intersezione tra il mondo della cultura scientifica occidentale e il
mondo delle discipline bio-naturali, più tipicamente di origine
orientale, non è esattamente rappresentato dall’insieme vuoto.
Questo appariva già evidente nel 2008 dai risultati di un’analisi
condotta nell’ambito di una tesi di master in Comunicazione
Bio-sanitaria dell’Università di Pisa, in collaborazione con il Centro
Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute
(DoRS) di Torino [11].
Interrogando la banca dati Pubmed, con le parole chiave indicate in
tabella 1 si ottennero i risultati riportati:
15
2008
articoli revisioni
Shiatsu 463 93
Acupressure 277 43
Acupressure <5aa 139 1
Tabella 1
Per una migliore comprensibilità dei dati riportati, si ricorda che il
termine Shiatsu non è incluso nei descrittori di PubMed (MeSH
terms) e non è stato posto tra doppi apici. Esso rappresenta quindi
una ricerca libera, pertanto molto probabilmente sovrastimata.
Acupressure è invece un termine MeSH, il più aderente possibile, da
un punto di vista concettuale, a quello di Shiatsu e distinto dal
termine “agopuntura” (acupuncture), seppur con una minima
incertezza residua nella perfetta corrispondenza tra i due vocaboli.
La voce “acupressure <5aa”, restringe il campo ad articoli e
revisioni comparsi nei cinque anni precedenti il 2008.
Con gli stessi limiti e le stesse considerazioni, è stata ripetuta una
nuova ricerca nell'anno corrente, appoggiandosi naturalmente alla
stessa banca dati (ricerca effettuata il 17/07/13, filtro inserito
Human, come nella precedente ricerca).
I risultati ottenuti sono riportati nella seguente tabella 2
2013
articoli revisioni
Shiatsu 630 136
Acupressure 605 132
Acupressure <5aa 186 44
Tabella 2
16
Il confronto tra le due tabelle precedenti rende evidente come il
numero di articoli e di revisioni si sia moltiplicato a testimonianza,
quanto meno, di una maggior attenzione all'argomento in
conseguenza a una maggiore diffusione dell'applicazione delle
discipline orientali nell'ambiente medico-scientifico occidentale.
Utilizzando ancora la banca dati di PubMed, si è voluto realizzare
una seconda ricerca, i cui risultati sono riportati in tabella 3, per
valutare, almeno a grandi linee, quanto dell'aumento della letteratura
precedentemente riscontrato, si fosse rivolto allo studio specifico
della possibilità di applicazione di una disciplina bio-naturale come
lo Shiatsu nel trattamento degli effetti del distress lavoro-correlato.
La ricerca è stata effettuata il 17/07/13.
Le condizioni e i limiti sono le stesse dichiarate in precedenza.
2013
articoli revisioni
(work-related 0 0
stress)
AND (acupressure)
“work-related 0 0
stress”
AND “acupressure”
(work-related stress) 1 0
AND (shiatsu)
“work-related stress” 0 0
AND “shiatsu”
Tabella 3
esposti in tabella
Raffrontando
i
risultati
3
con
quelli
precedentemente ottenuti, si nota come il legame tra le discipline
bio-naturali di origine orientale e la cultura medico-scientifica
occidentale, in crescita in senso generale, sia sostanzialmente
inesistente quando si parli di impiego nel trattamento del distress
17
lavoro-correlato.
Per trovare sostegno a questa ipotesi, è stata condotta un'ulteriore
ricerca utilizzando sempre la banca dati PubMed. Questa ricerca,
compiuta in data 19/07/13, ha trovato gli articoli pubblicati relativi a
studi clinici effettuati negli ultimi cinque anni, a partire da quello
corrente, inerenti il MeSH Term acupressure (stringa di ricerca:
("acupressure"[MeSH Terms] OR "acupressure"[All Fields]) AND
(Clinical
Trial[ptyp]
AND
"2008/07/23"[PDat]
:
"2013/07/21"[PDat] AND "humans"[MeSH Terms])).
La ricerca ha prodotto 91 articoli che sono stati analizzati
singolarmente per identificarne il settore di appartenenza. Il risultato
ottenuto è riportato in tabella 4.
SETTORE DI APPLICAZIONE
N° DI
ARTICOLI
RELATIVI
Patologie del capo-collo 15
Patologie toraco-addominali 4
Patologie uro-genitali 8
Patologie osteo.articolari 5
Patologie del sistema endocrino 2
Disturbi dell'umore (ansia, insonnia) 10
Controllo del dolore 13
Controllo
conseguenze
vomito, prurito)
(nausea,
19
Controllo dell'obesità 8
Stress managment 4
Altro 3
Tabella 4
Alla luce dei risultati esposti nella tabella precedente, l'ipotesi di
18
partenza trova conferma: effettivamente l'utilizzo di pratiche legate
alla sfera delle discipline bio-naturali di origine orientale nel
contrasto al distress lavoro-correlato, sembra essere non incluso
negli interessi della cultura medico-scientifica occidentale che, al
contrario, ha una notevole partnership con queste, quando trattasi di
patologie o del controllo di effetti negativi sull'intero organismo.
In sintesi si potrebbe affermare che, sulla base delle sperimentazioni
già eseguite nell'impiego di discipline bio-naturali di origine
orientale, sarebbe largamente sostenibile una loro sperimentazione
nel contrasto degli effetti del distress lavoro-correlato, settore al
momento privo di riscontri.
NORMATIVA DI SUPPORTO
Il mondo legislativo arrivò a interessarsi dello stress lavoro-correlato
ben più tardi rispetto a quanto fece il mondo scientifico.
Nel documento della European Agency for Safety and Health at
Work [9], viene richiamato un primo riferimento normativo a mano
dell'allora Comunità Economica Europea. Con la Direttiva 89/391
del 1989 [12], infatti, si iniziano a definire i primi principi
fondamentali di sicurezza e prevenzione dei rischi nell'ambiente di
lavoro, in particolare quello di “valutazione dei rischi”, con lo scopo
“di attuare misure volte a promuovere il miglioramento della
sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro”, anche se
non si parla esplicitamente di stress lavoro-correlato.
Sempre a livello europeo, un ulteriore impulso nella direzione
19
indicata dalla direttiva 89/391, venne dato nel 2004 dall'accordo
siglato a Bruxelles l'8 ottobre (Accordo Europeo 8 ottobre 2004
[13]), dove si trova il richiamo in particolare alla prevenzione e
all'importanza
di
questo
aspetto
nel
contrasto
al
distress
lavoro-correlato.
In Italia esistevano già diverse leggi inerenti alla sicurezza sul
lavoro, alcune anche del 1930, tra loro però non coordinate e
organizzate. In questo contesto la direttiva della CEE del 1989 venne
recepita solo nel 1994 con la promulgazione del Decreto Legislativo
n. 626 (D.lgs.626/94 [14]), che nonostante le forti innovazioni in
materia, ancora non parlava di stress lavoro-correlato.
Soltanto nel 2008 il Decreto Legislativo n.81 (D.lgs. 81/08 [15]),
partendo dal D.lgs. 626/94, riassunse e riorganizzò la giurisprudenza
esistente fino a quel momento, dando vita a un testo unico dove, per
la prima volta, si parlò esplicitamente di stress lavoro-correlato, da
considerarsi secondo il decreto legislativo, al pari di ogni altro
rischio (art.28 D.lgs.81/08), nella valutazione che ogni Datore di
Lavoro veniva obbligato a stilare all'interno della propria azienda,
estendendo l'applicabilità di tale decreto rispetto al precedente del
1994.
Uno dei punti essenziali del D.lgs. 81/08, oltre naturalmente a quanto
evidenziato in precedenza, è insito nell'obbligo, da parte del Datore
di Lavoro, non solo di effettuare una corretta valutazione dei rischi,
includendovi lo stress lavoro-correlato, ma anche di predisporre,
come per tutti gli altri tipi di rischio, le necessarie e opportune azioni
volte alla prevenzione e alla eliminazione del rischio stesso. Ed è
questo aspetto che costituisce un tassello fondamentale nell'ambito
della presente trattazione.
20
LE DIMENSIONI DEL FENOMENO
La normativa precedentemente esposta inquadra inderogabilmente lo
stress lavoro-correlato nella categoria dei rischi, imponendone di
conseguenza un analogo trattamento.
Basandosi, pertanto, sui principi di un comune strumento di analisi
dei rischi, come la FMEA [16], si può, in generale, decidere di
occuparsi o meno di un rischio a seconda che la sua frequenza, ossia
la dimensione corrispondente del fenomeno o le sue conseguenze,
siano trascurabili o addirittura nulle.
In questo capitolo si cercherà di fornire la dimensione del rischio
“stress lavoro-correlato”, mentre il secondo aspetto, le sue
implicazioni, sarà oggetto del capitolo seguente.
Secondo una recente ricerca della European Agency for Safety and
Health at Work, pubblicata nel maggio del 2013 [17], oltre la metà dei
lavoratori in Europa (51%), afferma che lo stress lavoro-correlato è
un fattore comune nei loro posti di lavoro. In Slovenia, Grecia e
Cipro, questa percentuale sale al 77%, all'81% e all'88%
rispettivamente. Di contro, sempre stando alla stessa ricerca, solo il
45% dei lavoratori ritiene che lo stress lavoro-correlato sia un evento
raro.
A parte le diversificazioni per sesso ed età, che vedono le donne più
sensibili al fenomeno, come la fascia di età 15-54 anni, dalla ricerca si
evince in modo evidente come la percezione dello stress
lavoro-correlato sia nettamente maggiore nei lavoratori del settore
21
sanitario (61%).
Sempre dalla stessa ricerca emerge anche che la maggioranza dei
lavoratori asserisce che lo stress lavoro-correlato è ben gestito nel
loro luogo di lavoro (54%), ma questo dato deve essere filtrato con le
dimensioni dell'azienda di cui fanno parte. Infatti ciò risulta realistico
solo quando l'ambiente di lavoro è popolato da 10 lavoratori o meno
(60%).
Come ultima notazione interessante, dalla ricerca emerge inoltre che
esiste un legame tra la percezione della diffusione dello stress
lavoro-correlato e la sua gestione: dove è ben gestito, la percezione
globale del problema è minore.
Un confronto con un'analoga ricerca condotta dalla stessa Agenzia nel
2012 [18],
pone in evidenza una dimensione trasversale del
problema: infatti il 77% dei lavoratori, era convinto che nei 5 anni
successivi il numero delle persone sofferenti a causa del distress
lavoro-correlato, sarebbe aumentato, con una percentuale di
“pessimisti” (forte aumento) ben al di sopra di quella degli “ottimisti”
(aumento moderato), come dimostra il valore della percentuale del
49% dei primi contro il 28% dei secondi.
Rimanendo nel contesto europeo, si ritiene utile citare l'European
Risk Observatory Report, pubblicato sempre dalla European Agency
for Safety and Health at Work nel 2009 [19], proprio perché i dati
riportati si riferiscono a un'indagine condotta nel 2005. Infatti la
media europea di lavoratori affetti da distress lavoro-correlato, era
allora del 22%. Questo dato acquista un significato particolare se
confrontato con quello dell'indagine del 2013 [17] (51%): in un arco
di tempo di otto anni il valore è più che raddoppiato.
In Italia, il dato relativo all'indagine pubblicata nel 2009 [19], si
22
mantiene leggermente al di sopra della media europea (27% contro un
22% europeo) e risulta sostanzialmente allineato nel 2012 [18] (73%
contro il 77% europeo).
I dati esposti suggeriscono una crescita del fenomeno stress
lavoro-correlato, anche nei prossimi anni che per tanto non può certo
essere trascurato come dimensione. Di qui l'importanza di attuare
strategie per affrontare il distress lavoro-correlato e ricerche che
forniscano nuovi strumenti efficaci ed economicamente efficienti.
LE IMPLICAZIONI DEL FENOMENO
In questo capitolo vengono valutate le implicazioni del rischio “stress
lavoro-correlato”: in altri termini, secondo la logica della già citato
strumento FMEA, si cercherà di valutare quanto grave possa essere il
danno che il distress lavoro-correlato è in grado di produrre.
A complicare l'analisi interviene non tanto la definizione delle singole
implicazioni, quanto piuttosto il loro isolamento, in quanto esse
risultano tra loro in stretta interdipendenza e consequenzialità.
Nell'intento di agevolare la comprensibilità dell'esposizione, si può
pensare di dividerle in due gruppi: quelle direttamente dipendenti dal
distress lavoro-correlato e quelle indirettamente dipendenti, derivate
invece dalle precedenti.
Una prima implicazione diretta è la malattia che colpisce l'Operatore
come risultato di un prolungato periodo di stress. Questo comporta
normalmente un'assenza dal luogo di lavoro e quindi conseguenze
nell'organizzazione dell'attività lavorativa del reparto di appartenenza
23
dell'Operatore (come si riprenderà più avanti, implicazione derivata).
Altra implicazione diretta è la configurazione della malattia a un
livello più profondo di quello fisico, coinvolgendo la sfera
psicologica ed emozionale, fino a diventare burn-out, come descritto
da Kapfhammer nel 2012 [20].
Interessante è osservare come il meccanismo sia analogo in settori
anche profondamente diversi da quello sanitario, come testimonia
l'articolo di Kingdom e Smith del 2012 [21], riguardante i guardia
coste britannici.
Un'altra implicazione diretta trova riscontro nell'articolo pubblicato
nel 2012 da Garofano et al. [22], dove gli autori evidenziano come il
distress lavoro-correlato
possa produrre oltre la malattia diversi
aspetti negativi, uno dei quali è l'assenteismo. (la terza implicazione
diretta). Questo può essere visto come una sorta di “profilassi” messa
in atto dall'Operatore quale estrema ratio, nel tentativo, a volte probo,
a volte meno, di evitare la malattia in un ambito di crescente
pressione lavorativa.
Indipendentemente dalla causa, malattia reale o assenteismo, il
problema organizzativo si pone allo stesso modo specie nel caso di
una ristrettezza di organico, nervo scoperto, in questi ultimi tempi, di
molte Aziende Sanitarie. Ciò impone un aumento dell'onere
organizzativo (primo esempio di implicazione indiretta) sia per
risolvere il problema nel breve periodo (copertura del turno, garanzia
della continuità del servizio), sia per trovare una soluzione a lungo
termine, in grado di garantire il mancato ripresentarsi del fenomeno,
concetto riscontrabile anche nel lavoro di Willert, Thulstrup e Bonde
del 2009 [23].
Supportati dal solo ragionamento logico, si può affermare che un
24
aumento dello stress lavoro-correlato, possa anche impattare
sull'attenzione dell'Operatore, quantomeno intaccandola. Questo
indubbiamente espone a un aumento del rischio di infortuni (seconda
implicazione indiretta), con le conseguenze organizzative che si
ripropongono equivalenti a quelle di una malattia.
Per quanto questo aspetto dovrebbe essere consolidato e ben noto, i
risultati del lavoro di Kortum, Leka e Cox del 2011 [24], riportano
una situazione, generale non specifica per l'ambito sanitario, diversa,
arrivando a concludere la necessità di interventi proprio nel settore
dello stress lavoro-correlato.
Il rischio di cui al precedente paragrafo diventa ancora più rilevante
se
un
aspetto,
forse
precedentemente
sconosciuto,
rilevato
dall'indagine descritta da Wu et al. nel lavoro del 2011 [25], trovasse
riscontri futuri. Gli autori osservavano una correlazione tra il distress
lavorativo e l'abbandono della professione nelle giovani future
infermiere. Come sottolineato dagli autori, un fenomeno di questo
tipo avrebbe effetti economici e assistenziali di notevole portata.
Inoltre la perdita di assistenza (terza implicazione indiretta) si
avrebbe non solo sul fronte della qualità dovuto al personale in forza
lavoro, ma anche su quello della quantità, dovuto alla diminuzione di
nuovi operatori formati allo scopo.
E' qui importante sottolineare come gli aspetti organizzativi siano
comunque implicazioni notevoli del distress lavoro-correlato e
richiedano un notevole dispendio di energie.
I costi di esercizio (quarta implicazione indiretta) sono, infine, un
aspetto di non secondaria importanza.
La descrizione fornita nelle righe precedenti è solo una estrema
sintesi di quelli che si sono individuati come le principali
25
ripercussioni del distress legato all'attività lavorativa, ma sono
senz'altro sufficienti a dimostrare come anche la gravità del rischio
“stress lavoro-correlato”, non possa e non debba essere trascurata, e
come interventi mirati alla soluzione o al contenimento del distress,
di qualsivoglia natura siano, purché efficaci e efficienti, abbiano
ampia giustificazione da un punto di vista gestionale e altrettanto
giustificati siano anche nuovi studi che possano portare a essi.
I COSTI
Quantificare la spesa relativa a un determinato prodotto consumato
in un anno e quindi, conseguenzialmente, il suo costo , è
ragionevolmente semplice: a ogni acquisto deve corrispondere una
fattura, dove vengono indicati prezzo e quantità; la somma di tutti gli
importi di tutte le fatture relative a quel prodotto, pagate in un anno,
fornisce risposta alla domanda iniziale.
Questo naturalmente vale quando il prodotto è ben identificabile
materialmente, quando costituisce un bene “solido”, ma risulta assai
più difficile se il “prodotto” è costituito da qualcosa di meno
tangibile e non specificatamente definito.
Lo stress lavoro-correlato appartiene a questa categoria: non esiste
una specifica voce di spesa biunivocamente legata ai danni da
distress, così il costo di un'assenza per un'influenza stagionale risulta
assolutamente identico al costo di un'assenza causata da distress
correlato al lavoro e analogamente i costi relativi a un infortunio
saranno visti allo stesso modo, indipendentemente dal fatto che la
26
causa sia un imprevedibile evento o una disattenzione causata da uno
stato di stress oltre soglia.
Forse per questo, e altri motivi, il capitolo dei costi risulta scarno di
dati. Tuttavia queste stime, se di conteggi veri e propri non si voglia
parlare, sono state eseguite e nel 2002 Callaghan B. [26], allora
presidente della Health and Safety Executive (HSE) (UK), rendeva
noto che, da solo, il distress lavoro-correlato costava all'anno agli
imprenditori 400 milioni di sterline, tradotto
in termini sociali
equivalevano a 4 miliardi di sterline.
Purtroppo nel 2010 in un suo intervento [27] alla Universities Safety
and Health Association, Hackitt J. presidente in carica della HSE,
ribadisce gli stessi dati, traducendoli anche in giornate lavorative
perse, sempre in un anno: 13 milioni.
A livello europeo i numeri fornivano un quadro sostanzialmente
identico.
Nel 2002 in una sua pubblicazione in occasione della “European
Week for Safety and Health at Work”, la European Agency for Safety
and Health at Work [28] affermava che il distress lavoro-correlato
costava
agli
allora
Stati
Membri
un
importo
valutabile
complessivamente intorno ai 20 miliardi di Euro all'anno.
La stessa European Agency for Safety and Health at Work, nella sua
pubblicazione del 2012 [29] “Motivation for employers to carry out
workplace health promotion” rendeva noto che una stima prudente
dei costi in Europa legati allo stress lavoro-correlato era
rappresentata da un importo ancora pari a 20 miliardi di Euro (notare
la distanza temporale di 10 anni tra gli ultimi due dati riportati [28]
[29]).
Gli importi indicati descrivono una preoccupante situazione, con
27
valori confrontabili con quelli del PIL di un piccolo Stato o di una
manovra finanziaria, senza contare che si tratta di “perdite” a cui
dovrebbero essere sommati i mancati guadagni.
Anche questi dati concorrono a sottolineare l'importanza e la
giustificazione dell'implementazione di strategie e ricerche per
affrontare concretamente e, possibilmente, in modo definitivo il
distress lavoro-corelato.
UNA POSSIBILE STRATEGIA
Ogni soggetto umano, in risposta a una situazione di distress, mette
in gioco diverse strategie per contrastarlo o, più genericamente, per
cercare di compensare la nuova condizione spaziando dalla musica
alla lettura, dall'attività fisica intensa alla camminata e basando la
scelta sulla propria esperienza, la propria cultura e i propri vissuti.
Tutte queste strategie hanno però in comune il punto debole di venire
poste in essere dal soggetto stesso, dimostrando così un'acquisita
capacità di gestione dello stress.
La situazione diventa più problematica quando il soggetto non è più
in grado di compiere questo passo autonomamente e necessita di un
aiuto esterno. Ricollegandosi agli studi di Selye [4], si può pensare di
essere sul confine tra la fase due e la fase tre, oppure, caso
estremamente positivo, il soggetto stesso, in fase due, decide di
utilizzare una strategia esterna a se stesso.
In questi casi lo Shiatsu può essere uno strumento adeguato ed
efficiente.
28
Ai fini della trattazione occorre inquadrare lo Shiatsu almeno nei
tratti principali, per capire con che cosa si avrà a che fare.
Lo Shiatsu, il cui significato letterale è “pressione con le dita” (Shi=
dito, atsu= pressione), è un'arte per il benessere psico-fisico delle
persone, inclusa nelle discipline bio-naturali di origine orientale, con
radici antichissime che si affondano nella Medicina Tradizionale
Cinese (più di 2000 anni or sono) e esistenza molto giovane, in
quanto riconosciuta come tale in Giappone nel 1911.
Le linee di pensiero e filosofiche sulle quali si basa lo Shiatsu sono
quelle relative alle due scuole originarie che a oggi sono ancora (a
parere dello Scrivente lungi dall'essere giudizio di merito) le uniche e
sole da considerare, poiché le molte neonate scuole sembrano più
ispirate da un carattere commerciale che dall'effettiva volontà di
evoluzione del pensiero dei Maestri fondatori, e che per questo
motivo non verranno citate nella presente trattazione.
La prima scuola si deve al fondatore dello Shiatsu, il Maestro
Tokujiro Namikoshi, scuola molto rigorosa basata fondamentalmente
su una tecnica rigida e su una continua ricerca della perfezione
applicativa.
La seconda nasce da un collaboratore del Maestro Namikoshi, il
Maestro Shizuto Masunaga, laureato in psicologia all'Università di
Kyoto, che filtrò le sue conoscenze di Medicina Tradizionale Cinese,
con quanto appreso in ambito accademico, dando vita a uno Shiatsu
più olistico, avente come centro la persona e l'obiettivo di
ricostituirne l'equilibrio psico-fisico senza scindere l'uno dall'altro
questi due aspetti, ma considerandoli, come è reale, nella loro
coesistenza. I suoi studi, basati su dati oggettivi provenienti dai
trattamenti effettuati alle persone che a lui e ai suoi collaboratori si
29
rivolgevano, portarono a una tecnica essenziale seppur rigorosa, un
ampliamento della visione della Medicina Tradizionale Cinese e ad
un approccio centrato sulla persona, dove l'Operatore ha solo la
funzione di un facilitatore o, per usare termini più vicini al mondo
scientifico occidentale, di “catalizzatore”. Da questa ultima
affermazione ne deriva direttamente un'altra fondamentale: lo Shiatsu
non “cura” e l'Opratore Shiatsu non è un “terapista”. Essi sono
infatti aspetti totalmente estranei allo Shiatsu e all'Operatore Shiatsu,
che si pongono obiettivi completamente diversi che vanno ricercati
nel riequilibrio energetico del soggetto ottenuto tramite le capacità di
autoriparazione del suo organismo, per altro ben note anche alla
cultura medico-scientifica occidentale, alle quali l'Operatore Shiatsu
fornisce adatto ambiente e circostanze perché si possano esprimere.
Lo Scrivente appartiene e sente propria questa linea di pensiero e
solo a questa si riferirà di qui in seguito.
Molti altri aspetti dello Shiatsu andrebbero toccati e descritti, ma
questo, come si è detto, esula dagli obiettivi del presente lavoro e
viene lasciato al desiderio di approfondimento da parte del Lettore,
che potrà avvalersi, tra i tanti, di due testi fondamentali scritti dal
Maestro Masunaga, che raccolgono i principi fondamentali [30] e la
filosofia, il messaggio che il Maestro ha voluto lasciare [31].
Dall'esperienza frutto dello studio e della pratica dello Shiatsu, si
possono individuare alcune parti del corpo elettivamente indicate per
indurre un rilassamento generale. Così il trattamento della schiena (si
ricordi che lo Shaitsu non è un massaggio, come comunemente ed
erroneamente riportato, in quanto non investe la sola sfera fisica che
viene utilizzata esclusivamente come tramite), del viso, del collo,
della mani , dei piedi e dell'addome, separatamente o collegati tra
30
loro, può indurre gradatamente la disattivazione del sistema nervoso
simpatico e la corrispondete attivazione di quello parasimpatico,
portando così il soggetto ricevente in un progressivo stato di
rilassamento, sia corporeo che psichico.
Con il termine “trattamento”, si intende una sequenza di pressioni,
portate secondo una tecnica stabilita, tramite l'uso dei pollici, delle
mani, dei gomiti o delle ginocchia, lungo linee prestabilite chiamate
meridiani, secondo gli studi del Maestro Masunaga [32]. La stessa
esperienza di chi pratica Shiatsu come Operatore Professionista,
secondo le regole della Federazione Italiana Shiatsu Insegnanti e
Operatori (FISIEO), ha numerosi riscontri dell'efficacia di quanto
esposto nelle righe precedenti, tuttavia questa mai è stata validata
secondo uno studio scientifico.
Costruirne uno strutturato in modo tale da fornire riscontri
documentabili da parte dei soggetti trattati e numeri statisticamente
significativi (studio multicentrico), porterebbe alla validazione di una
pratica non solo utile nel contrastare gli effetti del distress
lavoro-correlato, ma in grado sopratutto di prevenirli. La promozione
di questo studo in collaborazione e cooperazione con Aziende
Sanitarie, è l'anima del presente lavoro.
Nell'affrontare questa sfida è fondamentale tenere presente i punti di
forza della disciplina che si va a indagare, come pure i suoi punti di
debolezza.
I primi sono costituiti anzitutto dal basso costo di implementazione
della metodica: strutturalmente richiede uno spazio contenuto (una
decina di m2 sono sufficienti) e materiali già normalmente in uso in
qualunque struttura sanitaria (coperte, cuscini). Ma gli altri, da
riscontrarsi nella riduzione dei costi e degli oneri organizzativi, nella
31
diminuzione dei rischi e nel miglioramento del clima organizzativo,
sono secondi non certo per importanza.
I punti di debolezza si potrebbero definire più sottili e insidiosi, in
quanto lo Shiatsu, nella sua essenza, è ancora sconosciuto a livello
generale e, aspetto ancora più negativo, quando è conosciuto, lo è in
modo sbagliato o scorretto, assimilato più a una pratica estetica che a
una disciplina o un'arte per il benessere: come si è potuto osservare
nell'analisi della letteratura, lo stesso ambito scientifico conosce lo
Shiatsu più come antiemetico che come strumento di riequilibrio
psico-fisico. Questi aspetti ne limitano pertanto fortemente
l'introduzione e l'uso in ambito sanitario.
Va inoltre aggiunto, e non certo come fattore secondario, che lo
Shiatsu, per quanto abbia delle regole ben codificate per il
conseguimento dei titoli e l'inquadramento di scuole e insegnanti,
non è normato sotto questo aspetto e di fatto chiunque, che ne
possieda o no i requisiti, può esercitarne la pratica, con conseguenze
che vanno a scapito dello Shiatsu, degli Operatori Professionisti e,
prima di tutti, dei Riceventi. E proprio di Operatori Professionisti
qualificati, sopratutto dal
punto di vista della crescita e
dell'evoluzione personale, che lo studio dovrebbe avvalersi, dovendo
mettere in moto quel meccanismo di collaborazione e cooperazione
tra le due realtà coinvolte (mondo sanitario e mondo delle discipline
bio-naturali).
Affinché ciò possa avvenire deve essere superato un altro dei punti di
debolezza dello studio proposto: le resistenze culturali.
Figlie di stereotipi sociali della più disparata origine (politica,
religiosa, corporativistica), creano una barriera di pregiudizio che
purtroppo trova a volte facile sponda in condotte ben lontane dai
32
dettami dello Shiatsu, sostenute da alcuni praticanti completamente
assorbiti da un costruito aspetto commerciale della disciplina.
Altra resistenza culturale è legata alle personali tendenze individuali
che portano spesso a evitare soluzioni coinvolgenti, anche se efficaci,
di problemi personali profondi: lo Shiatsu è uno strumento molto
efficace, ma non può prescindere dalla volontà del Ricevente di
modificare il suo attuale stato. E questo può a volte richiedere di
ritrattare, rivedere e anche sconvolgere, modi di vedere se stessi e il
mondo circostante, radicati da sempre nel singolo individuo.
Esercizio indubbiamente non facile.
Queste evidenze della pratica, non hanno un riscontro oggettivo, in
quanto questo molto difficilmente è stato cercato. Lo studio, o gli
studi, la cui traccia è stata proposta, potrebbero portare utili dati
anche su questi aspetti, a condizione che vengano eseguiti secondo
quei criteri in grado di garantirne la qualità scientifica, come si
evince da una delle ultime review pubblicate in letteratura a opera di
Robinson, Lorenc, Liao [33] che nelle conclusioni del loro lavoro del
2011 rilevano non tanto un'inefficacia della metodica, quanto
piuttosto una scarsa qualità e quantità degli studi eseguiti.
CONSIDERAZIONI ETICHE
Lo studio che verrà intrapreso non potrà certo trascurare aspetti etici .
Aspetti etici e rispetto della confidenzialità
Gli sperimentatori assicurano che lo studio sarà condotto in piena
conformità a quanto stabilito dalla normativa internazionale [Dir. EU
33
2001/20/EC] ed al suo recepimento nazionale [DM 15 Luglio 1997;
D.Lvo 211/2003; DLvo 46/1997] in merito alla sperimentazione
clinica ed ai principi della Dichiarazione di Helsinki allo scopo di
assicurare la massima protezione dei soggetti coinvolti.
Lo sperimentatore principale si impegna affinché la sperimentazione
sia condotta in conformità a quanto scritto in questo protocollo ed
alle Good Clinical Practice (GCP).
Il promotore dello studio si impegna alla tutela dei dati personali
sensibili, clinici e non, dei soggetti coinvolti nello studio secondo
quanto stabilito in materia dalla normativa nazionale [D.Lgs.
196/2003].
Riservatezza e norme di garanzia
Tutti i dati raccolti verranno trattati in forma aggregata. Il trattamento
dei dati necessari a produrre le elaborazioni previste da questo
protocollo risponde alle vigenti norme sulla privacy (D.Lgs.
196/2003). I dati saranno raccolti in un database il cui accesso sarà
regolamentato dalle normative in materia di privacy.
Comitato etico ed autorita’ competenti
Il protocollo di studio ed ogni altro documento correlato sarà
sottoposto al Comitato Etico di riferimento ed alle Autorità
Competenti. L’approvazione del Comitato Etico e dell’Autorità
Competente dovrà essere ottenuta prima dell’inizio di qualunque
procedura correlata allo studio e dovrà essere documentata tramite
comunicazione ufficiale al responsabile.
Qualora nel corso dello studio, si rendessero necessarie variazioni al
protocollo di studio, verrà presentata al Comitato Etico di riferimento
adeguata richiesta di emendamento al protocollo, la cui approvazione
seguirà le procedure stabilite dal regolamento.
34
CONCLUSIONI
In conclusione le possibilità di raggiungere gli scopi inizialmente
prefissati sembrano estremamente esigue, dati i punti di debolezza
evidenziati. Una più attenta analisi, farà invece emergere come la
realtà sia ben diversa.
Gli ostacoli evidenziati saranno facilmente sormontati se si metterà
in gioco, da ambo i lati, la volontà di lavorare insieme, per il
conseguimento di un obiettivo di comune utilità, come per altro è
anima di ogni ricerca.
Da un lato gli operatori Shiatsu abbandoneranno il proverbiale
ascolto delle mani per dedicarsi per un momento all'ascolto della
razionalità sulla quale la metodologia scientifica è basata, consci del
fatto che questo non comporterà un tradimento degli insegnamenti
dei Maestri, ma un nuovo arricchimento dello Shiatsu stesso, che
non rinuncerà a se stesso in nome di un fantomatico riconoscimento,
ma semplicemente imparerà un nuovo linguaggio per comunicare ad
altri il proprio messaggio.
Dall'altro la cultura scientifica occidentale in ambito sanitario,
accetterà l'innegabile evidenza, forse per troppo tempo volutamente
ignorata, che l'essere umano non è interamente codificabile secondo
ferree leggi razionali e che per comprenderlo a pieno, una parte di
razionale follia è indispensabile, ascoltando quelle persone che, nella
stretta onestà intellettuale, hanno dedicato parte o tutta la loro vita a
questo esercizio. E anche questo non sarà un tradire le proprie
origini, ma solamente un arricchirsi di nuove idee e strumenti.
In questa luce lo studio ipotizzato diventa assai più accessibile da un
punto di vista della fattibilità. Questo comporterà che persone di
35
diversa estrazione culturale e con vissuti differenti, si trovino
insieme per costruire qualcosa di nuovo i cui risultati potrebbero
andare al di là delle rispettive aspettative.
Coloro i quali, per scelta o per caso, sono parte di ambedue questi
mondi oltre al privilegio hanno anche l'obbligo morale di lavorare
affinché questo avvicinamento per questa collaborazione, da
possibile diventi fattivo.
E, peraltro, come un'ampia letteratura potrebbe dimostrare, i grandi
risultati sono sempre e solo frutto della sinergia di più persone con
competenze diverse.
36
BIBLIOGRAFIA
1.
Baumann F, Beck A. Work-related spinal damage in jet pilots
due to extreme acceleration. Z Orthop Ihre Grenzgeb. 1975
Aug;113(4):645-8. German. PubMed PMID: 1210591.
2.
Melton CE, Smith RC, McKenzie JM, Hoffmann SM, Saldivar
JT. Stress
in air traffic controllers: effects of ARTS-III. Aviat
Space Environ Med.
1976 Sep;47(9):925-30. PubMed
PMID: 971168.
3. http://it.wikipedia.org/wiki/Stress_%28parola%29
4. Selye H, A syndrome produce by diverse nocuous agents.
Nature. 1936
5.
138:32
Cardeña, Etzel Butler, Lisa D. Reijman, Sophie Spiegel, David
; In: Handbook of psychology, Vol. 8: Clinical psychology
(2nd ed.). Stricker, George (Ed.); Widiger, Thomas A. (Ed.);
Weiner, Irving B. (Ed.); Hoboken, NJ, US: John Wiley &
Sons Inc, 2013.
6. Work-related stress, Royal College of Nursing, 2009.
7. Selye H. Confusion and controversy in the stress field. J
Human Stress.
1975 Jun;1(2):37-44. PubMed PMID:
1235113.
8.
Chipas A, Cordrey D, Floyd D, Grubbs L, Miller S, Tyre B.
Stress:
perceptions,
manifestations,
mechanisms of student registered
nurse
and
coping
anesthetists.
AANA J. 2012 Aug;80(4 Suppl):S49-55. PubMed PMID:
23248831.
9.
Work-related stress. European Agency for Safety and Health at
Work,
Factsheet 22, 2002
37
10.
Dutton LM, Smolensky MH, Leach CS, Lorimor R, Hsi BP.
Stress levels
of ambulance paramedics and fire fighters.
J Occup Med. 1978
Feb;20(2):111-5. PubMed PMID:
627926.
11.
Palandri S. – Contatto vitale. Applicazioni pratiche e
comunicazione dello
shiatsu nella sanità: conoscerlo,
capirlo, praticarlo e valutarlo – Università di Pisa, Facoltà di
Medicina e Chirurgia, Facoltà di Scienze
matematiche,
Fisiche e Naturali, Facoltà di Lettere e Filosofia,
Osservatorio della Comunicazione Sanitaria – 2008
12. Direttiva CEE 89/391
13. Accordo Europeo 8 ottobre 2004, Bruxelles
14. D.lgs. 626/94
15. D.lgs. 81/08
16. http://it.wikipedia.org/wiki/FMEA
17. European Opinion Poll on Occupational Safety and Health ,
European
18.
European Opinion Poll on Occupational Safety and Health ,
European
19.
Agency for Safety and Health at Work, May 2013
Agency for Safety and Health at Work, 2012
European Risk Observatory Report, European Agency for
Safety and Health at Work, Luxemburg 2009
20.
Kapfhammer HP. [Burnout : illness or symptom?]. Internist
(Berl). 2012
Nov;53(11):1276-7, 1280-2, 1284-6, 1288.
doi: 10.1007/s00108-012-3067-9. German. PubMed PMID:
23052326.
21.
Kingdom SE, Smith AP. Combined effects of work-related
stress in Her
Majesty's Coastguard (HMCG). Int Marit
Health. 2012;63(1):63-70.
PubMed PMID: 22669815.
38
22.
Garofano G, Piscina G, Fantasia D, Bologna I, Murri G, Tobia
L, Paoletti A. [Risk assessment of work related stress:
examination and operative
difficulties in sanitary field]. G
Ital Med Lav Ergon. 2012 Jul-Sep;34(3
Suppl):704-8.
Italian. PubMed PMID: 23405757.
23.
Willert MV, Thulstrup AM, Bonde JP. Effects of a stress
management
intervention on absenteeism and return to
work–results from a
randomized wait-list controlled trial.
Scand J Work Environ Health. 2011 May;37(3):186-95. doi:
10.5271/sjweh.3130. Epub 2010 Nov 8. PubMed PMID:
21057736.
24.
Kortum E, Leka S, Cox T. Perceptions of psychosocial
hazards,
work-related stress and workplace priority risks in
developing countries.
J Occup Health. 2011;53(2):144-55.
Epub 2011 Feb 11. PubMed PMID: 21325734.
25.
Wu TY, Fox DP, Stokes C, Adam C. , Work-related stress and
intention to quit in newly graduated nurses. Nurse Educ
Today.2012 Aug;32(6):669-74.doi:10.1016/j.nedt.2011.09.002
Epub 2011 Oct 8.
26.
Callaghan B. Health and Safety Executive takes the initiative
on
work-related stress for Euro Week, HSE Press Release
E193:02 – 11
27.
October 2002
Hackitt J. Universities Safety and Health Association,
intervento del 14 Aprile 2010
28.
European Agency for Safety and Health at Work, Prevention of
Psychosocial risk and sterss at work, European Week for
Safety and Health at Work, 2002
29.
European Agency for Safety and Health at Work, Motivation
39
for
employers to carry out workplace health promotion,
2012
30. Masunaga S., Zen Shiatsu, Ed. Mediterranee, 1980
31. Masunaga S., Manuale di Sesshin,
traduzione dal testo
originale di Parolin M.S., Ueda H., Ed. Macunix, 2007
32.
Masunaga S., Esercizi Zen per immagini, Ed. Mediterranee,
1996
33.
Robinson N, Lorenc A, Liao X. The evidence for Shiatsu: a
systematic review of Shiatsu and acupressure. BMC
Complement Altern Med. 2011
10.1186/1472-6882-11-88.
Oct
Review.
7;11:88.
PubMed
doi:
PMID:
21982157; PubMed Central PMCID: PMC3200172.
STRINGHE DI RICERCA
1.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 1-2
(work-related[All Fields] AND ("Stress"[Journal] OR
"stress"[All Fields])) AND "humans"[MeSH Terms]
Pubmed 1571 risultati con 174 rev. – Ricerca effettuata il
07/07/13
2.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 3
“stress wikipedia”
Google – 1° risultato Ricerca effettuata il 10/07/13
http://it.wikipedia.org/wiki/Stress_%28parola%29
3.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 4
("syndrome"[MeSH Terms] OR "syndrome"[All Fields]) AND
40
produced[All Fields] AND diverse[All Fields] AND
nocuous[All Fields] AND agents[All Fields]
Pubmed 3 risultati con 1 rev. – Ricerca effettuata il 07/07/13
4.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 5
“definition of stress”
filtri: Reference Available, Published Data
from:20110101-20131231
EBSCO – 6 risultati – Ricerca effettuata il 10/07/13
5.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 6
“work-related stress”
filtri: Order by quality
Tripdatabase – 115 risultati – Ricerca effettuata il 08/07/13
6.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 7-8
"eustress"[All Fields] AND "humans"[MeSH Terms]
Pubmed 39 risultati con 7 rev. – Ricerca effettuata il 02/08/13
7.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 9
“stress lavoro-correlato wikipedia”
Google – 2° risultato, Da citazione interna – Ricerca effettuata
il 16/07/13
http://osha.europa.eu/en/publications/factsheets/22/view
8.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 10
"work-related stress"[All Fields] AND "humans"[MeSH
Terms]
tot. art. 562 con 59 rev. Ricerca effettuata il 16/07/13
9.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 11
Osservatorio per la Comunicazione Sanitaria OCS – Pisa –
0502213646/644
10.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 12
41
“direttiva europea 89/391”
Google – 1° risultato. Ricerca effettuata il 21/07/13
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?
uri=CELEX:31989L0391:it:HTML
11.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 13
“accordo europeo 8 ottobre 2004”
Google – 1° risultato. Ricerca effettuata il 21/07/13
http://www.sicurezzaonline.it/leggi/legmob/legmob20002009d
oc/legmob20002009acc/acc20041008.pdf
12.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 14-15
“ministero del lavoro”
Google – 1° risultato. Ricerca interna al sito nella sezione
“normativa”.
Ricerca effettuata il 21/07/13
http://www.lavoro.gov.it/Pages/default.aspx
13.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 16
“FMEA wikipedia”
Google – 1° risultato. Ricerca effettuata il 24/07/13
http://it.wikipedia.org/wiki/FMEA
14.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 17-18-19
“european agency for safety and health at work eu.osha”
Google – 1° risultato. Ricerca interna al sito nella sezione “LA
salute e la sicurezza sul lavoro in cifre”. Ricerca effettuata il
27/07/13
https://osha.europa.eu/it/safety-health-in-figures
15.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 20-21
"work-related stress"[All Fields] AND illness[All Fields] AND
("2008/07/26"[PDat] : "2013/07/24"[PDat] AND
42
"humans"[MeSH Terms])
Pubmed – 9 risultati con 1 rev. – Ricerca effettuata il 24/07/13
16.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 22-23
"work-related stress"[All Fields] AND ("absenteeism"[MeSH
Terms] OR "absenteeism"[All Fields]) AND
("2008/07/26"[PDat] : "2013/07/24"[PDat] AND
"humans"[MeSH Terms])
Pubmed – 13 risultati con 1 rev. – Ricerca effettuata il 24/07/13
17.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 24
"work-related stress"[All Fields] AND ("wounds and
injuries"[MeSH Terms] OR ("wounds"[All Fields] AND
"injuries"[All Fields]) OR "wounds and injuries"[All Fields]
OR "injury"[All Fields]) AND ("2008/07/26"[PDat] :
"2013/07/24"[PDat] AND "humans"[MeSH Terms])
Pubmed – 6 risultati con 0 rev. – Ricerca effettuata il 24/07/13
18.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 25
"work-related stress"[All Fields] AND (care[All Fields] AND
loss[All Fields]) AND ("2008/07/26"[PDat] :
"2013/07/24"[PDat] AND "humans"[MeSH Terms])
Pubmed – 1 risultati con 0 rev. – Ricerca effettuata il 24/07/13
19.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 26-27
“work-related stress costs”
motore di ricerca del sito HSE. Ricerca effettuata il 29/07/13
http://www.hse.gov.uk/search/
20.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 28-29
“work-related stress costs”
motore di ricerca del sito European Agency for Safety amd
Health at Work – EU.OSHA. Ricerca effettuata il 30/07/13
43
https://osha.europa.eu/it
21.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 30-32
“shizuto masunaga wikipedia”
Google – 1° risultato. Ricerca effettuata il 28/07/13
http://it.wikipedia.org/wiki/Shizuto_Masunaga
22. Stringa di ricerca per voce bibliografica 31
conoscenza diretta dello Scrivente
23.
Stringa di ricerca per voce bibliografica 33
("acupressure"[MeSH Terms] OR "acupressure"[All Fields]
OR "shiatsu"[All Fields]) AND (Review[ptyp] AND
"2008/08/06"[PDat] : "2013/08/04"[PDat] AND
"humans"[MeSH Terms])
Pubmed – 43 risultati con 43 rev. – Ricerca effettuata il
04/08/13
44