Shiatsu in gravidanza: "strumento di armonizzazione e sinergia nella simbiosi madre-feto" - tesi di Erika D’Ottavi, Università delle Marche

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE
FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA
_______________________________________
Corso di Laurea in Ostetricia

Lo Shiatsu in gravidanza:
strumento di armonizzazione e sinergia nella simbiosi madre-feto

Relatore:
Ost. Tania Paoltroni

Tesi di Laurea di:
Erika D’Ottavi

Correlatore:
Ost. Rita Paperi

A.A. 2012/2013
Prefazione.

“Il cuore dello Shiatsu è come l’amore di una madre.” Tokujiro Namikoshi.

L’idea di questa tesi nasce quando, durante le mie brevi esperienze di tirocinio
clinico, ho potuto osservare un numero crescente di donne alla ricerca di
un’assistenza basata su una medicina che fosse più naturale. Questa tendenza
rispecchia una presa di coscienza della donna dei nostri tempi, che vuole tornare
in possesso della propria gravidanza.
Nell’ambito delle terapie complementari, mi sono avvicinata maggiormente allo
Shiatsu, dopo aver partecipato a un corso di formazione sulla sua applicazione in
gravidanza, poiché è, a mio avviso, poco invasiva e molto efficace.
Lo Shiatsu è un’antica arte curativa, che affonda le sue radici nella medicina
tradizionale cinese ma che si è sviluppata soprattutto in Giappone: si basa sulla
pressione di determinati punti, in cui l’energia del corpo si concentra, allo scopo
di riequilibrare corpo e mente di chi vi si sottopone.
Avendo approfondito l’argomento con la lettura di alcuni testi e studi che
dimostrano i benefici dello Shiatsu durante la gravidanza, in travaglio ed in
puerperio, in questa tesi si tratterà delle basi teoriche e delle sue applicazioni, ma
anche dei possibili risvolti nella pratica ostetrica.
L’obiettivo è quello di scoprire se sia possibile, per l’ostetrica, utilizzare
competenze innate, come la capacità curativa di un semplice tocco, e se lo Shiatsu
possa rappresentare un ulteriore strumento verso un’assistenza sempre più olistica
ed empatica.
2Indice.
1. Introduzione.
Pag. 5
Pag. 5
1.1.1. Cenni storici. Pag. 6
1.1.2. Basi dello Shiatsu. Pag. 9
1.2.Lo Shiatsu in gravidanza nella medicina orientale. Pag. 18
1.3.Perché l’ostetrica ha bisogno dello Shiatsu. Pag. 21
gravidanza e in travaglio di parto. Pag. 23
1.4.1. In travaglio. Pag. 24
1.4.2. Durante la gravidanza. Pag. 27
1.4.3. Lo Shiatsu applicato ai neonati e ai bambini. Pag. 29
Pag. 31
2.1.I principi fondamentali delle applicazioni Shiatsu. Pag. 31
2.2.Tecnica. Pag. 35
2.3.Applicazioni in gravidanza. Pag. 39
2.3.1. Trattamento in generale. Pag. 41
2.3.2. Trattamenti per disturbi specifici. Pag. 45
2.3.2.1.In gravidanza. Pag. 45
2.3.2.2.Durante il travaglio. Pag. 54
2.3.2.3.Periodo postnatale. Pag. 62
2.3.2.3.1. Madre. Pag. 62
2.3.2.3.2. Bambino. Pag. 63
Pag. 66
1.1.Cos’è lo Shiatsu.
1.4.Studi che dimostrano i benefici dello Shiatsu in
2. Tecnica ed applicazioni pratiche.
3. Questioni professionali ed aspetti legali.
34. Studio clinico.
Pag. 67
4.1.Obiettivi. Pag. 67
4.2.Materiali e metodi. Pag. 67
4.2.1. Progettazione ed attivazione dello studio. Pag. 67
4.2.2. Raccolta dati. Pag. 67
4.2.3. Analisi statistica. Pag. 70
4.3.Risultati. Pag. 70
5. Conclusioni. Pag. 84
6. Allegati. Pag. 85
6.1.Autorizzazione allo studio e database dati. Pag. 85
6.2.Brochure informativa. Pag. 90
7. Bibliografia. Pag. 92
8. Ringraziamenti. Pag. 94
41. Introduzione.
1.1
Cos’è lo Shiatsu.
Lo Shiatsu è una forma di tocco sviluppatasi migliaia di anni fa. È un’arte
curativa naturale che fa della pressione il suo presupposto principale. tra le varie
tecniche di medicina naturale, lo Shiatsu si è rivelato uno dei metodi più semplici,
pratici e allo stesso tempo efficaci: è in costante crescita ed evoluzione, come
l’energia corporea cui esso è legato e le diverse tradizioni e contesti culturali in
cui oggi è praticato; spazia da una forte attenzione per la concezione occidentale
del corpo alla predilezione per una concezione più esoterica, più orientale. 1
Shiatsu significa, letteralmente, pressione con il pollice.
“Shi” significa pollice: la svolta nell’evoluzione della nostra coscienza e
l’espressione umana coincidono con il momento in cui abbiamo sviluppato
l’abilità di usare la mani, specialmente i pollici. 3 ”Shi” rappresenta anche il cuore,
organo centrale e relazionato con il fuoco, e il plasma, la composizione del nostro
corpo astrale.
“Tsu” significa pressione, condensazione di energia;rappresenta il “cielo di
energia elettromagnetica”, la pressione tiene uniti i campi di energia
elettromagnetica. Questo significa che il terapista nell’applicare una pressione sul
corpo di un’altra persona crea diverse reazioni e cambiamenti nel funzionamento
dell’organismo. 3
Non c’è bisogno di speciali strutture: il terapista Shiatsu fa uso dello strumento
più semplice a disposizione dell’uomo: le mani. Lo Shiatsu è un tocco primordiale
di cui tutti si nutrono e di cui tutti siamo sempre in astinenza. 4 L’uso delle mani
rappresenta una delle qualità che distinguono l’uomo dagli altri esseri. Le mani
sono l’estensione del cuore.
Attraverso l’uso delle dita, la cui struttura
rappresenta un punto di svolta nell’evoluzione biologica della specie, l’uomo può
materializzare la sua immaginazione e i suoi pensieri. 3
Nella pratica Shiatsu vengono usate svariate tecniche di pressione, stiramento,
dondolio, manipolazione. Lo Shiatsu tocca, accarezza, preme, talvolta picchietta
ed eccezionalmente sfrega, cioè ripete quei gesti millenari di cui gli esseri umani
si nutrono e di cui hanno bisogno. 4
5Da sempre l’uomo per recare sollievo a una parte dolorante ha portato
naturalmente e istintivamente la mano a premerla prima ancora di elaborare
qualsiasi intervento a livello mentale o di utilizzare altri strumenti.
7
Lo Shiatsu è un ritmo binario vitale. Ha la cadenza di un ritmo primordiale:
battere e levare, uno-due, uno-due. Il ritmo del respiro. Il ritmo del battito del
cuore. Il ritmo di sonno e veglia. Il ritmo del coito. Tutti i ritmi primordiali binari.
Mettere pressione, togliere pressione. È un tempo ritmico, armonico e mantrico, è
molto bello e piacevole perché è fisiologico, coincide con tutti i ritmi del corpo,
ed è anche rassicurante perché è ripetitivo. La cadenza binaria evoca e fa rivivere
il pulsare rassicurante del cuore della madre. Riappropriarci di questo tempo
primordiale ritmico significa prendere contatto con noi stessi, con le nostre forze
mentali e fisiche che ci costituiscono e che ci danno vita sulla base di questo
ritmo. 4
1.1.1
Cenni storici.
Lo Shiatsu moderno si è sviluppato in Giappone negli anni ’50 del secolo scorso e
si è diffuso negli Stati Uniti e in Europa a partire dagli anni ’70. Lo Shiatsu è un
evoluzione delle teoria medica tradizionale cinese arrivata in Giappone intorno al
VI sec. d.C., dove si è sviluppato attraverso la pratica, mescolando i concetti
teorici cinesi con conoscenze e competenze già esistenti.
Lo Shiatsu si presenta quindi di matrice giapponese […] ma si fonda su un lungo
cammino di pensiero e di pratica che aveva preso le mosse dall’antica Cina e dalla
sua lunga tradizione culturale. 7
In origine lo Shiatsu era una forma di massaggio nota come anma e spesso
praticata dai ciechi. Il termine Shiatsu fu usato per la prima volta da Tamai
Tempaku, professionista anma, nel 1915 nel suo libro Shiatsu Ryoho (Tempaku
1915). A partire dagli anni ’20, degenerò in una forma di massaggio di piacere e
rilassamento usato a corte e nei bagni termali e praticato dai “massaggiatori”,
sebbene fosse già utilizzato dalle levatrici tradizionali (note come sanba). Nel
1925 nacque l’Associazione Terapisti Shiatsu per promuovere
l’anma come
terapia curativa, e venne ufficialmente usato il termine Shiatsu. Il suo fondatore
Tokujiro Namikoshi, che era stato allievo di Tempaku, voleva portare lo Shiatsu
in un contesto occidentale. Per questo preferì favorire un approccio scientifico
6occidentale alla teoria classica, pur sottolineando l’importanza dello Shiatsu come
strumento di collegamento emozionale attraverso il tocco. […] dopo la seconda
guerra mondiale e l’occupazione americana del Giappone, lo Shiatsu fu
temporaneamente vietato dal generale McArthur. Anche se venne poi rapidamente
reintegrato grazie all’intercessione di Hellen Keller, avvocatessa specializzata
nella difesa dei diritti dei ciechi. 1
È nel 1955 che il Ministero della Sanità Giapponese riconosce lo Shiatsu come
“una forma di manipolazione che si esercita con i pollici, le altre dita e i palmi
delle mani senza l’ausilio di strumenti meccanici e di altro genere, consistente
sulla pressione su cute intesa a correggere disfunzioni interne, a migliorare e
conservare lo stato di salute”. 7
Sotto il termine Shiatsu si raggruppano una serie di tecniche. Pur nelle difficoltà
di definire scuole e stili, si possono ravvisare oggi tre filoni principali di Shiatsu:
Lo stile Namikoshi: Tokujiro Namikoshi, uno dei padri dello Shiatsu, ideatore
della Shiatsuterapia Namikoshi, nacque il 3 novembre 1905 nell’isola di Shikoku
in Giappone; pare che quando era in giovane età la sua famiglia si trasferì dal
caldo sud del Giappone al freddo nord. In quell’occasione la madre accusò il
cambiamento climatico e si ammalò probabilmente di reumatismi, che Tokujiro
curò con pressioni istintive e spontanee. Da quell’episodio iniziò la sua ricerca per
trasformare quello che spontaneamente aveva appreso. Nel 1925, dopo aver
studiato il massaggio tradizionale anma e quello occidentale, Tokujiro Namikoshi
fondò ad Hokkaido l’Istituto Shiatsu di terapia. Dopo aver affidato l’istituto ai
suoi allievi, si trasferì a Tokyo, dove aprì lo Japan Institute of Shiatsu e iniziò a
diffondere la sua Shiatsuterapia, riuscendo nel 1955 a farla riconoscere
ufficialmente, anche se inizialmente solo come parte del massaggio anma. Nel
1957 l’istituto cambia nome in Scuola Giapponese di Shiatsu. Nel 1964 lo Shiatsu
ottiene dal Ministero per la sanità e il benessere il riconoscimento ufficiale come
terapia autonoma. La scuola di Namikoshi è la realtà autorizzata più importante in
Giappone. Lo stile Namikoshi può essere considerato una terapia di
digitopressione molto ricercata, con uno stile suo personale che la differenzia da
quella occidentale. Rispettando i principi base comuni a tutte le scuole Shiatsu, si
ricollega alla fisioterapia e al riassetto posturale. 1
Lo stile Iokai: lo stile Shiatsu Iokai, più conosciuto in Occidente come stile
Masunaga o zen Shiatsu, è stato creato da Shizuto Masunaga. Shizuto Masunaga
7(1925-1981) si laurea in filosofia e psicologia nel 1949. Inizia a studiare Shiatsu
quando era ancora uno studente universitario. Nel 1959 insegna psicologia clinica
all’accademia del Japan Institute of Shiatsu, istituto collegato a Namikoshi. Per
dieci anni condivide la direzione della scuola di Namikoshi. I suoi studi di
Medicina Tradizionale Cinese e l’applicazione dei principi filosofici zen lo
portano a codificare uno stile personale di Shiatsu che tiene conto del complesso
sistema dei canali energetici su cui si basa la medicina Tradizionale Cinese. Nel
1960 fonda l’associazione Iokai e nel 1968 l’Istituto Iokai di Ricerca e due
cliniche Shiatsu. Diviene membro della Società Giapponese di Psicologia e di
Medicina Orientale. Inizia la diffusione dello stile Masunaga di Shiatsu, basato
sulla medicina tradizionale giapponese e sui meridiani energetici, rivisitati e
attualizzati secondo le moderne conoscenze energetiche, fisiche e psicologiche.
Masunaga si distacca completamente dello stile Namikoshi e inizia a viaggiare a
Hong kong, in Canada, negli Stati Uniti e in Europa. Nel 1980 viene eletto
consigliere della società giapponese di Medicina Orientale. Muore il 7 luglio
1981. A livello tecnico lo stile Masunaga si caratterizza per l’uso di sue mani
contemporaneamente, chiamate mano madre e mano figlia, per la pressione che è
portata solo dal peso modulato del corpo del praticante, per l’uso dell’hara , il
centro vitale dell’uomo nell’addome, dove nasce la pressione corretta per lo zen
Shiatsu, per l’impiego dei Kata , cioè di sequenze energetiche particolari. 1
Lo Shiatsu MTC: lo Shiatsu, che ha le sue radici nella grande cultura cinese, in
particolare nell’area taoista, è nella sua forma tipicamente giapponese,
completamente autonoma dal contesto culturale cinese. In Europa alcuni istituti e
terapeuti che già di occupavano di MTC hanno compiuto la scelta di utilizzare
tecniche di pressione Shiatsu applicandole alle metodiche specifiche di diagnosi e
di trattamento proprie alla MTC. Questo stile di Shiatsu, nato in Occidente, è
inteso come un intervento di tipo terapeutico che si occupa di problematiche
definite e classificate all’interno della visione cosmologica cinese, secondo
protocolli definiti e codificati appartenenti alla visione e al sistema terapeutico più
generale dell’MTC. La Medicina Tradizionale Cinese infatti è un sistema
complesso di conoscenze che abbraccia un campo vastissimo sia storico, sia
culturale e presenta un aspetto scientifico nel suo genere molto specifico. In
questo stile si elabora una diagnosi in base a elementi classici della diagnostica
cinese che riconosce sindromi da agenti esterni o interni: caldo, freddo, secchezza,
8umidità in eccesso o carenza, e interviene applicando tecniche precise e
selezionate sulla base di una diagnosi e in risposta a sintomi dichiarati e manifesti,
con un principio di causa-effetto molto specifico per l’azione del tocco e della
pressione su punti specificatamente riconosciuti efficaci a realizzare determinate
reazioni di risposta. 1
Gli stili di Masunaga e Namikoshi hanno influenzato molto lo sviluppo dello
Shiatsu al di fuori del Giappone a partire dagli anni ’70. Lo Shiatsu si diffuse
dapprima in America, quindi nel Regno Unito e nel resto d’Europa. Nel 1981, per
sostenere lo sviluppo dello Shiatsu come professione, fu fondata nel Regno Unito
la Shiatsu Society, che da allora tiene un registro dei professionisti, dei corsi di
formazione, delle norme professionali. Gradualmente si è poi sviluppato un
sistema di scuola con un corso triennale di abilitazione alla professione. In
Canada, negli Stati Uniti, in Australia, in Nuova Zelanda e in Europa esistono
associazioni analoghe. (Una di queste è la Federazione Italiana Shiatsu che dal
1991 gestisce un registro professionale in cui gli operatori Shiatsu diplomati
possono iscriversi previo superamento di un esame). 1
1.1.2
Basi dello Shiatsu.
La filosofia che sta alla base della medicina orientale in genere è difficile da
comprendere mediante un approccio scientifico e clinico come quello occidentale,
ma in realtà si tratta semplicemente di un altro modo di osservare il corpo umano.
La differenza principale tra la mappa del corpo orientale e quella occidentale
consiste in questo: quella orientale guarda sempre l’insieme, mentre quella
occidentale lo divide in due parti (mente e corpo). 1
La cura del corpo in oriente è sempre stata anche cura dello spirito: l’essere
umano viene considerato un’unità mente-corpo-spirito. Questa visione dell’essere
umano come uno, ha sviluppato in Oriente una pratica che noi chiameremo
terapeutica, che è rivolta anche alla mente e alla sua coscienza. Mentre in
Occidente le pratiche terapeutiche si sono separate e specializzate occupandosi o
del corpo o della mente o dello spirito, in Oriente ogni arte terapeutica mira a
“ristabilire il benessere globale dell’uomo”. 4
I Cinesi infatti avevano elaborato un pensiero medico basato sull’osservazione e il
rispetto delle leggi della natura e del loro esplicarsi nell’universo e nell’uomo
9stesso in scala microcosmica, secondo un’integrazione uomo-universo che è alla
base di ogni riflessione e implicazione che si fonda sul principio del perenne
divenire e del continuo movimento che li anima, il Ki. 7
Lo Shiatsu si basa sull’assunto che corpo e mente, operanti come una cosa sola,
sono creati, mantenuti i vita e stimolati a funzionare con l’energia, il “Ki”.
L’energia circola attraverso il nostro corpo lungo dei canali ben definiti, chiamati
“meridiani”. Su di essi ci sono dei punti chiamati “tsubo”, che letteralmente
significa “dove l’energia ciclica elettromagnetica si riunisce”. Gli “tsubo” sono
dei punti dove l’energia è particolarmente attiva e si interscambia con l’ambiente.
Nello Shiatsu il terapista entra in contatto con gli “tsubo” in una dimensione di
intensità, profondità e reazione. Mentre nell’agopuntura
gli “tsubo” sono
localizzati in punti specifici situati lungo i percorsi dei meridiani tradizionali,
nello Shiatsu i meridiani possono essere estesi considerando gli “tsubo” in
qualsiasi parte del corpo. Questo è possibile in quanto il corpo è una
manifestazione integrale di energia e una pressione applicata in qualsiasi punto
della pelle avrà effetto su molteplici sistemi di energia del corpo stesso. Qualsiasi
stimolo che entra nel campo d’azione dei nostri sensi viene immediatamente
raccolto e trasmesso al cervello per essere interpretato. Quando si applica lo
Shiatsu, lo stimolo sulla superficie della pelle provoca una risposta del sistema
nervoso creando una reazione e un cambiamento nei meridiani e nei “chakras”:
centri chiave di energia nel corpo a cui sono legate diverse espressioni vitali,
fisiche, emozionali, psicologiche e qualità spirituali; l’essere umano ne possiede
7. 3 Tutti questi cambiamenti creano un assestamento della chimica corporea, dei
sistemi e degli organi. L’energia di cambiamento e assestamento nei meridiani e
nei “chakras” a sua volta influenza il sistema nervoso che a questo punto modifica
la risposta della pelle allo stimolo. Quando si sviluppa una condizione di
squilibrio negli organi o nei sistemi corporei ciò viene trasmesso in superficie
attraverso i relativi meridiani , gli “tsubo” e i rami del sistema nervoso. Questo
può apparire nelle aree correlate in forma di dolore, rigidità, contratture, cambio
di temperatura o cambio di dolore della pelle, oppure intorpidimento e perdita di
mobilità nelle estremità. Questi sintomi possono rappresentare i segnali di
ristagno e squilibrio del corpo. Bilanciando l’energia dei meridiani, le energie
fisiche, emotive, spirituali di una persona raggiungono maggiore armonia.
Attraverso l’uso di varie tecniche di manipolazione si può creare un effetto
10stimolante o rilassante, di riassestamento nei confronti degli organi o dei sistemi
in difficoltà. Tali influenze quando applicate ai meridiani, ai punti oppure alle
relative aree, aiutano a riorganizzare l’intero campo energetico del corpo creando
equilibrio: le condizioni di disagio e i loro sintomi potranno migliorare o
scomparire.
L’approccio tradizionale olistico considera l’irregolarità del funzionamento di
corpo e mente come una conseguenza dello stile di vita delle persone; vale a dire
la somma del loro modo di pensare, mangiare, delle abitudini personali e
prospettive di vita.
Sebbene il corpo sia visto come un tutto, diversi tipi di energia scorrono al suo
interno. L’energia per definizione è il Ki, quella a cui attingiamo ogni giorno,
quella che scorre nei 12 meridiani principali, che si sviluppa dal circuito
endodermico/ectodermico iniziale del Vaso Concezione e del Vaso Governatore
mentre il feto cresce e gli arti si sviluppano. L’altra importante forma di energia è
il Jing, l’Essenza, utilizzata durante la crescita, lo sviluppo, la riproduzione e
l’invecchiamento. Non meno importanti sono lo Xue, lo Spirito, e lo Shen,
l’Energia del sangue. 1
Come già detto, le diverse forme di energia viaggiano lungo il corpo attraverso dei
percorsi noti come “meridiani” o “canali”. Questi uniscono i diversi organi, i
sistemi e le sostanze del corpo, formando una rete di collegamenti. Il regolare
fluire dell’energia regolarizza le funzioni di corpo, mente e spirito. Sono
considerati come ramificazione dell’Origine, il principio unificante che i cinesi
hanno rappresentato con il Tao. I meridiani tradizionali sono 12, hanno percorsi
interni ed esterni.
I meridiani vengono indicati con la sigla dell’organo a loro associato:
 Meridiano del Polmone (P)
 Meridiano dell’Intestino Crasso (IC)
 Meridiano dello Stomaco (ST)
 Meridiano della Milza-Pancreas (MP)
 Meridiano del Cuore (C)
 Meridiano dell’Intestino Tenue (IT)
 Meridiano della Vescica Urinaria (VU)
 Meridiano del Rene (R)
11 Meridiano del Ministro del Cuore (MC)
 Meridiano del Triplice Riscaldatore (TR)
 Meridiano della Vescicola Biliare (VB)
 Meridiano del Fegato (F)
Il pensiero orientale definisce gli organi/meridiani a partire dalle funzioni e esse
associate a differenza di quello occidentale che le definisce a partire dalla struttura
fisica. Ciò significa che hanno una relazione, più che con il corpo fisico, con gli
aspetti emotivi e spirituali. Per esempio, il Polmone non è solo l’organo dei
polmoni, ma riguarda anche tutto il processo di inspirazione dell’aria (che, anche
in questo caso, non si considera solo le molecole dell’aria, ma un’energia di per
sé). Questo processo comprende la pelle, il naso, la trachea insieme ai polmoni.
Da un punto di vista energetico, riguarda il modo in cui prendiamo qualcosa
dall’esterno: è il momento in cui vi è corrispondenza tra i polmoni e i suoi confini,
e la sua forza è la contrazione, è l’energia che entra nel corpo. Ecco perche
convenzionalmente gli organi/meridiani orientali si scrivono con l’iniziale
maiuscola: per distinguerli dal corrispettivo occidentale. Se si prova a pensare al
ciclo di energia di un organo, non è difficile stabilire una relazione con il modo in
cui viene definito nel pensiero orientale. Idealmente, ogni individuo può
esprimere e collegarsi ai 5 elementi, per dimostrare che l’energia scorre bene nel
sistema dei meridiani. Quello che spesso succede è che una persona sentirà
maggiormente un legame con uno o due elementi, mentre sarà più ostile verso
l’energia di un altro elemento. È possibile che ciò determini gli aspetti negativi di
quell’elemento. Equilibrando l’energia nel sistema dei meridiani, le persone
possono iniziare a sentirsi a proprio agio con l’energia di tutti gli elementi ed
esprimere i loro aspetti positivi. Elementi ed organi interagiscono tra di loro, e si
sono sviluppate molte diverse teorie per spiegare le loro complesse relazioni. Per
esempio, come ci si potrebbe aspettare, l’Acqua controlla il fuoco perché lo
spegne. Ciò che è importante è equilibrare gli elementi in squilibrio. 1
121
Fig. 1. I meridiani principali, posteriori, laterali e frontali.
I 12 meridiani sono disposti in coppie. Ogni coppia è legata e uno dei 5 elementi
e ogni componente della coppia esprime l’aspetto Yin o Yang dell’elemento.
Bisogna comunque ricordare che c’è una parte Yin e una Yang in ogni cosa e che
sono concetti relativi. 1 Yin e Yang, secondo il pensiero taoista, sono gli elementi
che producono qualsiasi fenomeno. Ai principi di Yin e Yang vengono associate
caratteristiche contrapposte, ma non bisogna immaginarli come se fossero
indipendenti, bensì come sono due aspetti in stretto rapporto tra loro ed in
continuo movimento. È proprio il continuo movimento che crea l’energia vitale
che tutto alimenta, Ki.
Nel sistema tradizionale, vengono considerati 6 meridiani nelle braccia e 6 nelle
gambe. Di questi, 3 delle braccia, Polmone, Cuore e Ministro del Cuore, sono
meridiani Yin e scorrono dal corpo alla mano nella parte interna, più morbida, del
braccio. Gli altri 3, Intestino Crasso, Intestino Tenue, Triplice Riscaldatore, sono
meridiani Yang e scorrono dalla mano al corpo sulla parte più esterna del braccio,
più solida. I 3 meridiani Yang della gamba, Stomaco, Vescicola Biliare e
Vescicola Urinaria, scorrono dalla parte alta del corpo fino al piede, mentre i 3
13meridiani Yin della gamba, Milza, Fegato e Rene, scorrono dal piede su fino al
corpo. La direzione del flusso è sempre discendente per i meridiani Yang, se una
persona ha le braccia alzate, e ascendente per i meridiani Yin.
I diversi meridiani derivano rispettivamente dall’endoderma ,Cuore e Intestino
Tenue, Rene e Vescica, dall’ectoderma ,Polmone e Intestino Crasso, Ministro del
Cuore e Triplice Riscaldatore, e dal mesoderma , Stomaco e Milza, Fegato e
Vescicola Biliare.
Ci sono diversi tipi di meridiani, molti di più di quelli descritti dal sistema
tradizionale a 12 meridiani, largamente conosciuto. “Non c’è parte del corpo, ne
tipo di tessuto, ne singola cellula che non sia rifornita di canali” (Deadman et al.
1998). 1
Rivestono una grande importanza anche i Vasi Straordinari, cioè i primi meridiani
a svilupparsi nel corpo dalla linea primitiva, considerati l’origine di qualunque
flusso di energia e il serbatoio di energia nel corpo. Sono chiamati “Vasi” per
differenziarli dagli altri meridiani. “I Vasi Straordinari durante lo sviluppo
embriologico e l’infanzia determinano la crescita della forma fisica” (Maciocia
1998). Essi fungono da legame tra il Ki, la nostra energia quotidiana, e l’Essenza,
la nostra energia congenita. Rappresentano un livello più profondo di trattamento
ai 12 meridiani e sono di particolare importanza durante la gravidanza. I Vasi
Straordinari hanno diverse funzioni: diffondere e regolare l’Essenza nel corpo,
agire da serbatoio per il Ki e lo Xue nel corpo, collegare i 12 meridiani principali,
diffondere il Ki difensivo. Esistono in totale 8 Vasi Straordinari, ma il Vaso
Concezione e il Vaso Governatore sono gli unici ad avere punti e percorsi separati
dagli altri 12 meridiani. Gli altri 6 condividono i loro punti con gli altri meridiani
a dimostrazione dello stretto rapporto esistente tra di loro.
Tra i Vasi Straordinari oltre al Vaso Concezione e al Vaso Governatore, ci sono
altri 2 Vasi molto importanti in gravidanza: il Chong Mai e il Vaso Cintura. Il
Chong Mai è importante in quanto è il terzo meridiano a svilupparsi ed è
strettamente legato al Vaso Concezione e al Vaso Governatore; il Vaso Cintura è
l’unico meridiano orizzontale del corpo e, circondando il bacino, è
particolarmente importante durante la gravidanza. Il Vaso Governatore e il Vaso
Concezione sono i primi meridiani a svilupparsi nella cellula dalla linea primitiva
e sono collegati all’ectoderma e all’endoderma. Lo strato mesodermico delle
cellule è collegato al Chong Mai. Questi Vasi hanno origine molto in profondità
14nel corpo umano, nell’area situata tra i Reni e l’Utero, che i Cinesi pensavano
rappresentasse il principio di tutta l’energia del corpo. Questo punto è noto come
Ming Men. Da qui i vasi passano attraverso l’utero nelle donne per emergere nel
perineo, e scorrono lungo i loro rispettivi percorsi esterni. 1
1
Fig. 2. Il percorso del Vaso Governatore, Vaso Concezione, Vaso Cintura e
Chong Mai.
Il Vaso Governatore emerge nel perineo tra la punta del coccige e l’ano. Scorre
quindi dritto per il centro della colonna vertebrale negli avvallamenti tra i processi
spinosi, proseguendo lungo e vertebre cervicali, nel centro dell’occipite, fino alla
cima della testa e nel centro della fronte, per terminare in un punto del labbro
superiore e della gengiva.
15Il Vaso Concezione emerge dal centro del perineo e sale lungo la linea mediana,
nella parte frontale del corpo, e, passando lungo il centro della gola, finisce al
centro del labbro inferiore.
Il Chong Mai segue un percorso complesso e, a differenza dei Vasi Concezione e
Governatore, non ha i punti indipendenti, ma li condivide con alcuni dei 12
meridiani. Inizia al primo punto sul Vaso Concezione nel centro del perineo e poi
scorre in alto fino a un punto del meridiano dello Stomaco. Risale in due percorsi
bilaterali a 1 cun dalla linea mediana dell’addome e a 2 cun dalla linea mediana
del torace, condividendo questo percorso con il meridiano del Rene (il cun è
un’unità di misura relativa, che corrisponde alla larghezza del pollice del paziente
da trattare). Scorre ancora in alto per la gola, gira intorno alla bocca e arriva alla
fronte. Una ramificazione sale lungo la colonna vertebrale, all’altezza della quarta
vertebra lombare, seguendo così parte del percorso del Vaso Governatore. Tutti i
meridiani hanno dei collegamenti con altri percorsi. C’è un’altra ramificazione del
Vaso Concezione che si collega al Vaso Governatore sulla cima della testa,
proprio di fronte alla calotta nel punto GV 20, noto come” l’incontro dei mille
punti”.
Vaso Concezione, Vaso Governatore e Chong Mai formano un circuito che
collega i Reni, il Cuore e il Cervello. Da un punto di vista occidentale, possono
rappresentare l’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio responsabile dell’ovulazione.. 1
Importanti se correlati allo stato di gravidanza sono altri due meridiani, il Cuore-
Utero e il Rene-Utero.
Meridiano Cuore-Utero (Bao Mai): c’è un rapporto diretto tra il Cuore e l’Utero
attraverso questo meridiano, che nutre l’Utero con lo Xue inviato dal Cuore e
funge da legame tra l’elemento Fuoco e l’elemento Terra. In presenza di stress nel
Cuore della madre (per esempio, agitazione o frustrazione emotiva), il meridiano
può soffrire di disturbi che influiranno emotivamente sul bambino in grembo. 1
Meridiano Rene-Utero (Bao Luo): collega i Reni con l’Utero, nutrendolo con
l’Essenza. Funge da legame tra l’elemento Acqua e l’elemento Terra. La sua
energia è minacciata dal troppo lavoro e dalla spossatezza, come dai trattamenti
per la fertilità che stimolano troppo l’Essenza. 1
La ricerca ha proposto diverse idee per spiegare lo Shiatsu e l’agopuntura da una
prospettiva occidentale. Bensoussan (1991) ha riunito molte di queste ricerche ed
è arrivato alla conclusione secondo cui “la prima modalità d’azione
16dell’agopuntura” è quella elettromagnetica (Yan et al.1986), che in seguito
influenza la funzione fisiologica come la cicatrizzazione dei tessuti (Carley e
Wainaple 1985, Wolcott et al. 1969) e la crescita delle ossa (Becher 1967).
Bensoussan (1991) sostiene che “le ricerche neurologiche sono risultato dei
cambiamenti dei campi elettromagnetici”. Anche Kiiko Matsumoto e Stephen
Birch (Matsumoto e Birch 1988) hanno esaminato lo spiegazioni occidentali. Gli
autori evidenziano il lavoro di molti ricercatori in Giappone, dimostrando che i
meridiani si trovano nei tessuti connettivi cutanei, specificatamente nelle fascia
superficiale (Motoyama 1980). Nagahama (1956) definisce l’agopuntura una
”terapia dei tessuti connettivi”. James Oshman, nel suo libro dedicato a i tessuti
connettivi, sottolinea come questi posano influenzare tutti i sistemi del corpo:
“tutti i grandi sistemi del corpo-la circolazione, il sistema nervoso, il sistema
muscolo-scheletrico, il tratto digestivo, i vari organi- sono rivestiti di tessuto
connettivo” (Oshman 1981). Questo può aiutare a spiegare gli effetti ad ampio
raggio dello Shiatsu e dell’agopuntura. La fibre dei tessuti connettivi sono
circondate da fluidi interstiziali che contengono un vasto assortimento di elementi
chimici, particelle cariche di ioni, molecole e atomi, e stabiliscono un contatto con
la linfa e i sistemi capillari; da ciò gli effetti cardiovascolari osservati durante
l’agopuntura (Manata 1980). È stato dimostrato che l’applicazione di una
pressione genera piccole correnti elettriche e che gli tsubo coincidono con le aree
sul corpo in cui c’è una minore resistenza elettrica (Nagahama 1956). Un’altra
teoria sostiene che l’azione sia mediata dagli ormoni (Bensoussan 1991). È stato
dimostrato un rilascio dei neurotrasmettitori e degli ormoni comuni unico per ogni
meridiano, in corrispondenza di ogni organo interno rispetto al punto trattato con
l’agopuntura, la stimolazione elettrica, quella meccanica (incluso lo Shiatsu), la
stimolazione leggera con il laser e il Qui Gong. Per esempio, l’encefalo, un
neurotrasmettitore comune alla mucosa gastrointestinale e al cervello, ha un ruolo
decisivo nel controllo del dolore con l’agopuntura. Sono anche stati dimostrati
collegamenti tra ogni meridiano e le aree dell’organo interno di ogni lato della
corteccia celebrale (Omura 1989). 1
171.2.
Lo Shiatsu in gravidanza nella medicina orientale .
Nel momento del concepimento, è Yang lo spermatozoo che scatena la scintilla di
energia che da avvio
al processo
di trasformazione dell’ovulo
Yin
nell’embrione/feto e poi nel bambino. La gravidanza è lo sviluppo di un essere
materiale nel grembo materno. Per sostenere tale crescita c’è un cambiamento nel
flusso delle energie nel corpo della madre; il feto deve ricevere energia e la madre
deve disporre di tali energie per nutrire il bambino. I Cinesi capirono che
l’interruzione del ciclo mestruale indicava una maggiore disponibilità di Xue,
riscontrabile con un aumento di volume del sangue materno. In gravidanza, la
spinta energetica delle donne tende a essere rivolta verso l’interno,poiché
l’attenzione del loro corpo è rivolta al bambino, rispecchiando così il movimento
Yin dell’energia. Nel Giappone tradizionale e in molte società preindustriali, la
gravidanza era un periodo in cui la donna veniva incoraggiata a prendersi
maggiormente cura di sé. Il massaggio e lo Shiatsu venivano spesso offerti come
supporto. Sebbene le donne continuassero a lavorare lo facevano in ambienti
adattabili ai loro bisogni. Nella nostra cultura, le donne lavorano in ambienti che
ignorano il loro stato spesso considerato un fastidio. La loro energia è allontanata
dai bisogni del corpo, in una sfera più Yang di attività. Le donne, oggi, si trovano
a dover trovare un equilibrio tra le esigenze lavorative, quelle del corpo e quelle
del bambino. Da un punto di vista Shiatsu, l’energia del loro corpo manifesta uno
squilibrio: perciò è molto importante per una donna che lavora fuori casa ricevere
lo Shiatsu.
La donna Yin in gravidanza tende a rallentare: le persone Yin non rendono molto
sotto pressione perciò quando una donna Yin è incinta è più in sintonia con
l’aspetto interiore della gravidanza. Se non ha possibilità di rallentare, apparirà
esaurita dalla sua condizione perché far fronte alla gravidanza e al lavoro è uno
sforzo eccessivo per le sue risorse.
D’altro canto la donna Yang ha tutto sotto controllo, se durante la gravidanza
riesce a rallentare un po’ e a mettersi in ascolto del suo corpo e del suo bambino,
resta comunque molto attiva e non avverte la stanchezza. Se però mantiene gli
stessi ritmi che aveva al di fuori dalla gravidanza, può sviluppare un risentimento
verso il bambino e vivere male il suo stato.
18Sebbene il bambino sfrutti le energie della madre, la gravidanza non
necessariamente indebolisce la donna, perché questo dipende da quanto fosse
positiva la sua energia prima del concepimento. L’attività principale durante la
gravidanza deve dunque tendere a mantenere la migliore e più equilibrata
produzione del Ki, dello Xue e dell’Essenza.
Vediamo come cambia il flusso di energia in gravidanza, in travaglio e nel post-
partum.
Il Vaso Concezione e il Vaso Governatore regolano il flusso di Ki nel corpo,
soprattutto quando questo è sottoposto a mutazioni. Nel primo trimestre ci sono
enormi cambiamenti nel flusso corporeo del Ki perché questo deve essere
mandato all’utero per nutrire la placenta e il bambino. Mentre il bambino cresce,
l’addome si dilata e la pressione aumenta negli organi e nei meridiani addominali,
soprattutto il Cuore-Utero, il Chong Mai e il Vaso concezione; sia il Ki sia i fluidi
corporei hanno maggiori difficoltà a scorrere nel corpo durante la gravidanza.
L’Energia si blocca maggiormente nel Triplice Riscaldatore perché il bambino
ostacola il movimento dell’energia tra loro, e questa tende a fermarsi nel
Riscaldatore Medio, colpendo la digestione. Questo blocca il flusso di energia
verso il Riscaldatore Superiore, le braccia e il torace, colpendo la respirazione. Di
conseguenza si blocca il flusso di energia verso il Riscaldatore Inferiore, colpendo
la Vescica, il Rene e il flusso di energia verso le gambe della madre. 1
Per quanto riguarda lo Xue, una parte di esso, dopo il concepimento, viene
gradualmente trasformata in Latte, in preparazione all’allattamento. Si trasferisce
dal Riscaldatore Inferiore a quello Superiore, e questo contribuisce a provocare la
stanchezza mattutina, la sensazione generale di calore che sale verso la parte
superiore del corpo e la dilatazione delle mammelle. 1
Nell’ambito dell’Essenza, invece, il suo flusso e la sua produzione sono legati
all’energia dei Reni, che la conservano, e ai Vasi Straordinari, che la diffondono.
Il meridiano Rene-Utero è responsabile del flusso dell’Essenza verso l’Utero. Non
è possibile aumentare la quantità di Essenza, ma è possibile bilanciarla nel corpo
trattando questi meridiani, per assicurare che raggiunga il bambino e la madre. La
qualità dell’Essenza è determinata dalle sua interazione con l’energia del cibo,
elaborata principalmente da Stomaco e Milza. 1
Il parto è fondamentalmente un movimento dallo Yin, lo stato di gravidanza con il
bambino all’interno dell’acqua, allo Yang, il momento in cui il bambino viene al
19mondo. All’inizio del travaglio c’è un impeto Yang, attivo, causato dai
cambiamenti nel Vaso Governatore. Il primo stadio è più Yin rispetto al secondo.
La donna del tipo Yin troverà il primo stadio più semplice, mentre troverà più
difficoltà nel secondo stadio. La donna Yang vivrà il travaglio in modo opposto.
Dato che il parto è un momento di grandi cambiamenti, che implica forti
movimenti del Ki, dell’Essenza e dello Xue della madre, l’intero processo è
regolato dal Vaso Concezione e dal Vaso Governatore. Il Vaso Concezione è
legato all’energia Yin e ai vecchi aspetti istintivi del cervello. Se le donne possono
assumere una posizione istintiva durante il primo stadio del travaglio, spesso
scelgono quella carponi o la posizione fetale, con il Vaso Concezione all’interno
del corpo e le energie Yin protette dal Vaso Governatore all’esterno. Più la madre
si avvicina al secondo stadio del travaglio, quello Yang, più sentirà il bisogno di
assumere una posizione eretta e userà l’energia Yang del Vaso Governatore.
L’energia deve poter scendere fino al perineo durante il secondo stadio, e questo
coinvolge il percorso inferiore del Vaso Governatore e del Vaso Concezione.
L’energia del Vaso Governatore deve poter scorrere liberamente per permettere al
coccige di muoversi. Il Cuore-Utero deve mandare lo Xue all’utero e il Rene-
Utero vi deve mandare l’Essenza. Queste energie possono supportare un utero
stanco o che si contrae poco, oltre che dotare il bambino delle energie necessarie
per il suo viaggio. Aiutano entrambe a fissare le emozioni della madre e del
bambino per aiutarli ad affrontare gli enormi cambiamenti che stanno vivendo, e
aiutano la madre a restare in contatto con il proprio piccolo. 1
La forza che serve durante il parto viene attinta dal Ki della donna. La perdita di
sangue colpisce lo Xue e lo Yin, mentre l’espulsione della placenta usa il Ki
originale. Tutto questo comporta una carenza di Ki, Xue e Yin nelle donne dopo il
parto. Il Vaso Concezione e il Vaso Governatore sono consumati, i vasi sanguigni
e i canali sono vuoti e inclini alle invasioni dei fattori esterni quali freddo, caldo
ed infezioni. Anche se la madre ha avuto un parto semplice è molto importante
che si prenda cura di sé nelle settimane successive per permettere alle sue energie
di ricaricarsi. L’energia più importante nel post-partum è quella del Chong Mai
perché controlla le mammelle e lo Xue. Il latte materno è una trasformazione dello
Xue, perciò se il Chong Mai è vuoto, lo Xue è esaurito, il latte sarà scarso. Il
riflesso di eiezione del latte legato all’ossitocina è lo stesso circuito energetico
20legato al secondo stadio del travaglio,ed è legato all’energia del Vaso Governatore
e della Vescicola Biliare.
Anche il bambino deve affrontare dei cambiamenti dopo il parto. Infatti alla
nascita il Polmone e la Milza del bambino devono iniziare a lavorare per produrre
il proprio Ki dal cibo e dall’aria. Il periodo post natale è caratterizzato da uno
sviluppo e da una crescita ancora più veloci di quelli avvenuti nei 9 mesi di
gestazione.
1.3.
Perché l’ostetrica ha bisogno dello Shiatsu.
In tempi passati, il massaggio era uno dei principali strumenti terapeutici e
costituiva una parte integrante delle cure che si ricevevano in gravidanza. Il
contatto può essere molto utile durante il travaglio. Indipendentemente dagli
effetti terapeutici che derivano dal contatto, esso trasmette una forma profonda di
nutrimento spirituale per il corpo. Il maggiore beneficio del massaggio è che
stimola il sistema immunitario e aiuta a combattere l’ansia e la depressione.
Attraverso il massaggio si può ridurre anche il dolore del travaglio: le donne che
si sono sottoposte a massaggi in gravidanza riferiscono una riduzione dei loro
malumori, delle ansie e del dolore, dando prova di minore agitazione ed ansia
anche durante il travaglio. 5 Il massaggio è una terapia primaria, precursore di
terapie moderne come lo Shiatsu.
Lo Shiatsu faceva parte delle competenze delle ostetriche tradizionali in
Giappone, che lo applicavano sia durante la gravidanza che nel post-partum: se la
donna partoriva in casa della levatrice, ad esempio, quest’ultima si prendeva cura
di lei dandole cibi particolari e praticando lo Shiatsu sia alla madre che al
bambino.
Ma quando i nuovi ospedali in stile americano cominciarono ad
ospitare un numero sempre maggiore di parti e dal 1960 divenne ufficiale che il
luogo più sicuro in cui partorire fosse l’ospedale: il ruolo tradizionale delle sanba
fu sminuito dalla diffusione del parto medico e questo passaggio fu seguito da un
cambiamento nella formazione professionale delle ostetriche. Fino al 1947, le
sanba avevano il loro corso specifico di specializzazione. A partire da quell’anno,
entrarono nella categoria infermieristica o di assistenza sanitaria con l’obbligo di
seguire un corso propedeutico da infermiera. Le nuove ostetriche professionali
furono chiamate josanpu. Le conoscenze tradizionali Shiatsu delle sanba si
21persero velocemente, poiché dal 1944 non è stato più dato rilievo al ruolo dello
Shiatsu durante la gravidanza e oggi solo un piccolo numero di sanba anziane o di
ostetriche indipendenti usa ancora queste tecniche (Takahashi 1996). 1
L’uso del tocco, delle erbe e dell’intuito erano le abilità principali delle ostetriche
tradizionali. Nel percorso verso l’accettazione dell’ostetricia come professione,
buona parte di questa antica conoscenza è stata sottovalutata. 1
Il crescente uso della tecnologia in ostetricia durante il Ventesimo secolo è stato il
riflesso del ruolo sempre più importante della tecnologia nella società in
generale. 1 In questa visione moderna, anche il massaggio ha cominciato ad essere
considerata una cosa di lusso sia dalle donne che dagli operatori sanitari.
Negli ultimi decenni, tuttavia, il ricorso a discipline olistiche come lo Yoga,
l’agopuntura e lo Shiatsu, come terapie di sostegno durante la gravidanza , ha
subito un incremento esponenziale. È chiaro ormai che questa tendenza rispecchia
una presa di coscienza della donna moderna, che rifiuta la medicalizzazione e
vuole tornare in possesso della gestione della propria gravidanza.
Ed è proprio in quest’ottica che lo Shiatsu può rappresentare un valido strumento
per l’ostetrica: sia per riscoprire ed utilizzare in modo competente alcune abilità
tradizionali, sia perché, attraverso un tipo di tocco leggero ma efficace, permette
di creare un legame di empatia tra la donna e l’ostetrica.
La Shiatsu può aiutare ad alleviare la maggior parte dei disturbi legati alla
gravidanza, compresi la nausea mattutina, la sindrome del tunnel carpale, il mal di
schiena e il collo. Incoraggia la madre a stabilire un legame con la creatura che
porta in grembo attraverso tecniche che facilitano il passaggio dell’energia
attraverso il ventre materno fino al corpo del bambino. […] Ciò può aiutare
emotivamente la madre ad essere più cosciente dei suoi bisogni e in sintonia con
essi. In questo senso può rappresentare una buona preparazione per il viaggio
verso la maternità e per il momento cruciale del parto, e ciò sia per la madre sia
per il padre. Durante il travaglio si può lavorare sulla paura dell’incognito. Come
tutte le ostetriche sanno, le emozioni non elaborate rischiano di bloccare il
processo del travaglio. Lo Shiatsu può aiutare la donna a sentirsi più in sintonia
con le intense emozioni che il travaglio suscita e può sostenerla mentre è pervasa
da esse. La pressione può essere combinata con lo strofinamento e la respirazione
per alleviare il dolore nei due stadi del travaglio. […] successivamente al parto si
può lavorare con la madre per sostenerla nel primo allattamento al seno, sia per
22favorire il flusso del latte sia per migliorarne la qualità. Il trattamento Shiatsu è
anche estremamente utile per prevenire e curare la depressione postnatale. È
possibile mostrare ai genitori come usare lo Shiatsu sul bambino per fortificare i
legami familiari. […] Gli allungamenti tipici dello Shiatsu sono utili per favorire
lo sviluppo fisico del bambino facilitandone i nuovi movimenti durante i
successivi stadi di crescita. 1
1.4.
Studi che dimostrano i benefici dello Shiatsu in gravidanza e in travaglio
di parto.
Non esiste molta ricerca specifica sullo Shiatsu; la popolarità dello Shiatsu sta
crescendo in tutto il mondo ma è ancora meno diffuso rispetto all’agopuntura,
pratica della quale disponiamo di una letteratura più vasta. La tecnica
dell’agopuntura è stata riconosciuta in tutto il mondo prima dello Shiatsu , quindi
esiste un numero maggiore di professionisti. Questa tecnica ha anche mantenuto
forti radici in Cina, la sua patria di origine, dove le sue tradizioni sono state
oggetto di valutazione e ricerca durante la rivoluzione culturale degli anni ’50 e
’60. La ricerca di base sugli effetti dello Shiatsu è limitata, quindi è necessario
prendere in considerazione gli studi sull’agopuntura e sul massaggio: lo Shiatsu si
basa essenzialmente sullo stesso sistema dell’agopuntura, perciò se quest’ultima
funziona ed è sicura, allora lo è anche lo Shiatsu in termini di modelli di azione.
Infatti molte tecniche dell’agopuntura si basano sulla digito pressione, ovvero la
stimolazione dei punti non con degli aghi ma tramite la pressione, perciò
potenzialmente più sicura dell’agopuntura.
La ricerca sullo Shiatsu e sull’agopuntura solleva dei problemi per gli studiosi
moderni: queste tecniche infatti mirano a bilanciare le energie individuali della
persona più che “curare” una malattia, sono perciò più difficili da analizzare
usando studi controllati randomizzati. Nel momento in cui dei soddisfare dei
criteri di misurazione, la ricerca può diventare semplicistica. Molti studi condotti
sono stati criticati per non aver usato appropriati metodi di ricerca. Le revisioni
Cochrane su alcuni studi di agopuntura e digitopressione durante la gravidanza
non ne hanno approvato nessuno in quanto non rispettavano i loro criteri. Il centro
di ricerca del servizio sanitario nazionale inglese ha prodotto un’analisi sistemica
degli studi sull’agopuntura curati dai revisori del settore complementare
23Cochrane; ha stabilito che molti degli esperimenti sono di bassa qualità in quanto
forniscono dimostrazioni insufficienti per guidare sviluppi clinici ( NHS Centre
for Rewiews 2001 ). 1
Il problema riguardo ad alcuni studi è che sono scarsi ed approssimativi.
Nell’ambito della ricerca è difficile isolare l’effetto placebo. Per provare a farlo, il
gruppo di controllo deve usare un tipo di intervento che non sia specificamente
Shiatsu. In questo modo è possibile effettuare uno studio dettagliato sulla
differenza sia tra un tipo di tocco non mirato e lo Shiatsu, sia tra quest’ultimo e
una completa assenza di intervento. A volte si pensa che lo Shiatsu funzioni per la
durata e per il contatto fisico che implica, dando a questi aspetti la maggiore
importanza. Questo non va necessariamente contro lo Shiatsu in una cultura che
pone sempre più fiducia nella tecnologia. Il semplice contatto tra due persone può
rappresentare una vasta parte degli effetti terapeutici dello Shiatsu, e nessuno può
dimostrare che questa non sia una valida ragione per usarlo. Alcuni aspetti
possono essere valutati quantitativamente. È stata indicata la necessità di condurre
studi più qualitativi, come analisi dei casi o l’uso di trattamenti Shiatsu individuali
per disturbi specifici e lo studio dei suoi effetti piuttosto che di uno specifico
interevento. Uno studio simile è stato condotto su 11 persone che hanno ricevuto
trattamenti Shiatsu una volta alla settimana per 5 settimane. Sono state poi fatte
interviste non strutturate per riordinare le informazioni e i risultati offrono buone
intuizioni che potrebbero essere d’aiuto per le future ricerche (Cheeseman et al.
2001). Lo svantaggio di questo metodo è la difficoltà di svolgere ricerche su
larghi gruppi di popolazione. C’è molto spazio per un contributo da parte delle
ostetriche allo sviluppo della ricerca sullo Shiatsu. Compiendo verifiche pratiche
continue, si fondano le basi per una successiva ricerca controllata. 1
1.4.1.
In travaglio.
Lo Shiatsu è usato da molto tempo come anestesia in Giappone. Nel 1962 è stato
condotto uno studio da T. Utsugi, direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia
del Japan red cross Hospital di Kasaoka, prefettura di Okayama; lo studio ha
dimostrato un’alta media ( 93,3%) di travagli indolore realizzando uno speciale
trattamento combinato di Shiatsu e massaggi che consisteva nell’applicare una
pressione sul coccige, la vita e le regioni inguinali (Utsugi 2001, opera non
24pubblicata). Sono stati condotti molti studi sull’agopuntura, alcuni dei quali
includono l’elettroagopuntura, la digitopressione e l’uso di aghi. Alcune ricerche
hanno coinvolto ostetriche che hanno riscontrato benefici conseguenti alla
frequentazione di corsi brevi. Uno in particolare, su un piccolo campione di 90
donne, ha dimostrato una riduzione della necessità di anestesie epidurali e un
maggior rilassamento senza effetti negativi (Ramnero et al. 2001). […] Uno
studio inglese su 85 donne che hanno ricevuto l’agopuntura ha riferito sensazioni
di calma e benessere, e di un totale controllo del travaglio e del parto, sebbene non
sempre corrispondente a una diminuzione di analgesici. Tuttavia esiste prova che
l’agopuntura offre buoni risultati nei primi stadi del travaglio (Skelton e
Flowerdew 1988). Altri studi sostengono l’effetto analgesico dell’agopuntura
senza controindicazioni (Arkatov et al. 1992, Seccherelli et al. 1996, Kvorning
Ternov et al. 1998, Oberg et al. 1991, White 1999). Uno studio russo (Oberg et al.
1991) ha dimostrato l’eliminazione del dolore preliminare, la normalizzazione
della funzione del sistema nervoso centrale, le reazioni autonome, la contrattilità
uterina, una riduzione dell’uso di agenti farmacologici e della durata del
trattamento e un parto migliore. […] Un altro studio, condotto su 32 gestanti
primipare che avevano ricevuto trattamenti ripetuti con agopuntura durante
l’ultimo mese di gravidanza, ha concluso invece che l’agopuntura non riduce la
necessità di analgesici durante il travaglio (Lyrenas et al. 1990) diversi studi
hanno cercato di indagare su come si possa ottenere l’effetto analgesico. Uno in
particolare ha suggerito che l’agopuntura può ridurre la sostanza P nel siero della
gravida (Ma et al. 1992). Uno studio sul massaggio condotto su 28 donne ha
dimostrato che se viene effettuato per i primi 15 minuti di ogni ora del travaglio,
diminuisce l’ansia e il dolore, così come il bisogno di medicine e la durata del
travaglio (Field et al. 1997).
Benché la Revisione Cochrane non abbia rilevato nessuno studio controllato
randomizzato che rientrasse nei propri criteri di inclusione sono state condotte
diverse ricerche sull’argomento che hanno evidenziato la necessità di ideare uno
studio controllato randomizzato che stabilisca il ruolo dell’agopuntura
nell’induzione al travaglio (Smith e Crowther 2002). In Australia è stato condotto
un piccolo studio sull’uso dei punti MP 6 e F 3 che ha dimostrato un aumento
della frequenza delle contrazioni di alta intensità, per quanto in nessuna donna
abbia provocato il travaglio (Dunn et al. 1989). Altri lavori hanno indicato gli usi
25dell’agopuntura nell’induzione al travaglio e nell’aumento dell’intensità delle
contrazioni (Kubista et al. 1975, Malkov Ialu Biserova 1989, Rabl et al. 2001,
Tsuei et al. 1974). Un intenso studio condotto a Yunnan, in Cina, su un gruppo di
donne in lista per l’aborto o l’induzione del travaglio ha concluso che il
trattamento con gli aghi dei punti Hegu ( IC 4) e Sanyinjiao ( MP6) può avviare le
contrazioni uterine in qualunque stadio della gravidanza, compreso il primo
trimestre (Li 1981). Un piccolissimo studio su 5 donne ha verificato come si
potesse rapidamente indurre il travaglio, con nessuna variazione del dolore, e
abbreviarne la durata (Ricci 1997). Un altro studio ha dimostrato l’efficacia nella
brevità del primo stadio (Lin 1998). Un altro ancora ha usato l’agopuntura
all’orecchi per dilatare la cervice nei casi in cui, data la tensione della cervice,
l’aborto e il raschiamento di fossero dimostrati impossibili (Zhang e Lu 1984).
Uno studio sui topo ha dimostrato l’effetto opposto, per esempio, nell’interruzione
del travaglio pretermine. Il trattamento con agopuntura del punto IC 4 sui topi in
gravidanza si è dimostrato utile nella cessazione delle contrazioni uterine indotte
da ossitocina.
Se l’agopuntura avesse un efficacia simile sulle gestanti per
contrastare gli effetti dell’ossitocina, potrebbe dunque essere un valido
trattamento medico alternativo nel travaglio pretermine (Pak et al. 2000). Ciò è
molto interessante perché dimostra che i punti lavorano da supporto al corpo per
metterlo in condizione di fare ciò che è giusto: per esempio, se è giusto iniziare il
travaglio, il trattamento di determinati punti permetterà al corpo di entrare in
travaglio, e se è giusto interromperlo, l’uso degli stessi punti lo interromperà.
Uno studio ha dimostrato che l’agopuntura diminuisce la durata del primo stadio
del travaglio: 196 minuti in media rispetto ai 321 del gruppo non sottoposto allo
studio (Zeisler et al. 1998). Un altro ha trattato con agopuntura il punto IC 4 per
ridurre i tempi del secondo stadio del travaglio e l’emorragia postnatale (Shang et
al. 1995). Uno studio su 56 donne ha concluso che questa pratica potrebbe
prolungare la gravidanza ed il travaglio , ma analizzando nel dettaglio i dati
emerge che il secondo stadio si prolunga solo di 0,3 ore e il primo stadio risulta
abbreviato ( Lyrenas et al. 1987). Su un gruppo di 80 donne a rischio di
anormalità nello sviluppo del travaglio è stato condotto uno studio che ha
dimostrato che l’agopuntura favorisce il processo di travaglio normale, riduce le
perdite ematiche e tende a migliorare l’attività del sistema nervoso autonomo con
la predominanza della componente colinergica (Aleksandrina et al. 1992). Uno
26studio retroattivo ha infine dimostrato che l’agopuntura è un metodo efficace,
semplice e sicuro per favorire l’espulsione della placenta (Chauhan et al. 1998). 1
Uno studio condotto a Teheran ha confrontato gli effetti del massaggio con il
ghiaccio e dell’agopressione nel ridurre il dolore del travaglio. Le 90 donne che si
sono sottoposte a tale studio erano divise in tre gruppi che avrebbero ricevuto,
rispettivamente, il massaggio con il ghiaccio, l’agopressione o il placebo.
L’intervento è stato applicato sul punto Hegu e la valutazione del dolore è stata
fatta sulla scala VAS prima dell’intervento, a tempo 0, a 30 minuti e ad un’ora. lo
studio ha concluso che sia il massaggio con il ghiaccio che l’agopressione
riducono il dolore del travaglio; se applicato durante la prima fase di travaglio
sono metodiche efficaci, accessibili e non invasive (Hajiamini et al. 2012).
Uno studio su 75 donne in travaglio ha indagato l’effetto dell’agopressione del
punto SP6. Il dolore è stato misurato sulla scala VAS e la lunghezza del travaglio
in due fasi: da 3 cm a dilatazione completa e dalla dilatazione completa
all’espulsione del feto. Lo studio ha dimostrato che l’agopressione del punto SP 6
è efficace nel ridurre il dolore ed i tempi del travaglio (Lee et al. 2004).
Uno studio ha valutato gli effetti dello Shiatsu sulla gravidanza post-termine,
mettendo a confronto due gruppi di donne: a un gruppo sono state insegnate
tecniche Shiatsu da parte di un’ostetrica, all’altro no. Lo studio ha dimostrato che
le donne post-termine che avevano usato le Shiatsu avevano più possibilità (17%)
di entrare in travaglio spontaneo rispetto alle donne a cui non erano state
insegnate tali tecniche (Ingram et al. 2005).
1.4.2.
Durante la gravidanza.
Gli studi condotti sulla correzione della presentazione fetale mostrano risultati
promettenti (Wang et al 1998). Uno ha dimostrato una percentuale di successo
dell’83,3 %, un risultato significativamente più alto rispetto al trattamento
mediante la posizione prona ginocchia-torace (Qin e Tang 1989). In un altro
studio, 24 soggetti nel gruppo di controllo e un soggetto nel gruppo di intervento
sono stati sottoposti alla versione cefalica esterna, ma alla nascita 98 (75,4%) dei
130 feti del gruppo di intervento erano cefalici alla nascita rispetto agli 81
(62,3%) dei 130 feti del gruppo di controllo (Cardini e Weixin 1998).
Recentemente sono stati condotti tre buoni studi sull’argomento (Carlsson et al.
272000, Smith et al.2002, Steele et al. 2001) uno di questi ha preso in esame 593
donne australiane in gravidanza da meno di 14 settimane; si è trattato di uno
studio controllato randomizzato in cieco singolo, che ha dimostrato che
l’agopuntura è un trattamento efficace per le donne che soffrono di nausea e
vomito nei primi mesi di gravidanza (Smith et al. 2002). Un’altra ricerca (anche in
questo caso uno studio controllato randomizzato) ha rilevato un significativo
beneficio dato dall’agopuntura manuale (senza l’uso di stimolazione elettrica)
nella riduzione dell’iperemesi gravidica. Il gruppo placebo non è stato trattato in
modalità completamente placebo ma in modalità quasi placebo e non sono stati
osservati effetti collaterali durante o dopo lo studio (Carlsson et al. 2000). In
precedenza, erano stati condotti diversi studi sugli effetti della digitopressione e
dell’agopuntura con risultati positivi (Bayereuth et al. 1994). La Revisione
Cochrane (Jewell e Young 2002) ha ritenuto questi studi ambigui ed ha stabilito
che erano necessarie ulteriori ricerche in merito, per quanto non ci fosse prova di
teratogenicità. Alcuni studi che hanno dimostrato effetti positivi erano incompleti
o soggettivi (Cong-lian 1999, Dundee 1988, Hyde 1989, Rongjun 1987). Due
studi non hanno verificato alcun beneficio (Knight et al. 2001, O’Brien et al.
1996). Vickers ha fornito una rassegna delle ricerche eseguite in questo ambito
(Vickers 1996). Esistono infine studi che documentano un probabile beneficio
nell’uso della digitopressione per alleviare la nausea durante e dopo il parto
cesareo (Duggal et al. 1998). Esiste prova di altri benefici legati allo Shiatsu e al
massaggio in gravidanza. Uno studio condotto su 26 donne che hanno ricevuto un
massaggio di 20 minuti due volte alla settimana ha dimostrato una diminuzione
dell’ansia e un abbassamento del livello degli ormoni dello stress (norepinefrina)
durante la gravidanza, un umore migliore, un sonno più sereno, un affievolimento
del mal di schiena, migliori complicazioni ostetriche e post-natali , compresa una
riduzione dei parti prematuri (Field et al. 1999). […] è stato anche presentato un
caso a dimostrazione dei benefici dell’agopuntura nel dolore pelvico cronico alla
ventisettesima settimana di una gravidanza che è poi terminata con un parto
normale (Napolitano 2000). Ci sono poi diversi studi sui benefici dei massaggi e
dello Shiatsu nella riduzione del mal di schiena in pazienti non in gravidanza
(Brady et al. 2001, Hernanez-Reif et al. 2001), che accennano anche all’uso di
queste pratiche in gravidanza. È stato infine completato un lavoro sull’agopuntura
per il trattamento del mal di schiena (Wadenbegh et al. 2000). 1
28Uno studio condotto ad Oslo ha dimostrato che un trattamento intensivo di
agopuntura migliora le condizioni fisiche, sociali e psicologiche delle donno che
soffrono di dolori cronici alle spalle e al collo (Hostmark et al. 2005).
1.4.3.
Lo Shiatsu applicato ai neonati e ai bambini.
Secondo la Revisione Cochrane, la prova che il massaggio sui neonati pretermine
abbia effetti benefici sullo sviluppo è inconsistente (Vickers et al. 2002), ma
alcuni studi hanno mostrato che potrebbero esserci benefici degni di ulteriori studi
(Harrison et al. 2000), come l’aumento di peso (Dieter et al.), uno sviluppo
cognitivo e motorio ottimale (Field et al. 1987) e una diminuzione dei disturbi del
sonno (Scafadi et al. 1986). Uno studio ha indicato che il massaggio può alleviare
lo stress nei neonati in terapia speciale (Field 1990); un altro ha dimostrato che il
tocco non è dannoso per i neonati pretermine come si pensava in precedenza
(Adamson-Macedo 1997). Uno studio condotto sui neonati ha provato che il
massaggio con oli ha effetti positivi (Field et al. 1996 b). altri studi mostrano che
è possibile potenziare il coinvolgimento e la nascita di un legame affettivo con il
padre (Culle net al. 2000, Scholtz e Samuels 1992). Uno studio sui neonati con
madri depresse ha dimostrato che il massaggio li aiuta a dormire meglio, ma
soprattutto a trascorrere più tempo nello stato di veglia attiva e a piangere di
meno; hanno livelli più bassi di cortisolo nella saliva, indice di stress minore ;
mostrano anche un miglioramento nelle dimensioni di emotività, socialità e
tranquillità e una diminuzione sostanziale degli ormoni/catecolamine urinarie
(norepinefrina, epinefrina e cortisolo) (Field et al. 1996 a). uno studio ha
verificato i dati sugli effetti del massaggio su neonati e bambini in condizioni
mediche diverse, compresi neonati prematuri, esposti alla cocaina e all’HIV, con
madri depresse, oltre a neonati a termine senza problemi medici. Le condizioni dei
bambini comprendevano : l’abuso (fisico e sessuale), l’asma, l’autismo, ustioni,
cancro, ritardi nello sviluppo, dermatite (psoriasi), diabete, disordini alimentari
(bulimia), artrite reumatoide giovanile, disordini da stress post-traumatico e
problemi psichiatrici. In generale, l’uso del massaggio ha avuto buoni risultati
nella diminuzione dell’ansia, sugli ormoni dello stress e nel favorire un decorso
clinico migliore. La pratica del massaggio da parte di genitori e nonni accresce il
loro benessere e rende il trattamento vantaggioso anche dal punto di vista
29economico (Field 1995). Un’altra ricerca ha studiato il massaggio sui neonati con
madri sieropositive, mostrando una prestazione superiore su quasi tutti i gruppi
della scala di Brazelton; i neonati hanno avuto un maggior aumento di peso
giornaliero alla fine del periodo di trattamento a differenza del gruppo di controllo
che ha rivelato una prestazione calante (Scafidi e Field 1996).
302.
2.1
Tecnica ed applicazioni pratiche.
I principi fondamentali delle applicazioni Shiatsu.
Lo Shiatsu si basa su quattro pilastri: il respiro, la postura, la perpendicolarità e la
pressione.
Per praticare lo Shiatsu è necessario recuperare il respiro originale, un respiro
completo, totale, profondo e addominale. Quando nasciamo non ci risparmiamo e
respiriamo a pieni polmoni: il pianto del bambino serve anche ad espandere la
capacità polmonare, a imparare a usare tutta l’aria che respiriamo. Crescendo poi
iniziano le prime paure, i primi rimproveri, le prime frustrazioni e con esse
incominciamo a trattenere il respiro, a respirare più lievemente, più
timorosamente. Con il passare del tempo, il nostro corpo si abitua a respirare
sempre meno ampiamente, il respiro diviene corto, debole, con poca forza, la
respirazione non è più addominale e completa, ma diventa toracica, limitata sola
ad una parte dei polmoni: una corta ed incompleta respirazione comportano una
scarsa ossigenazione. Quando la respirazione non è completa il cervello non può
svolgere al massimo le sue funzioni. Dobbiamo perciò tornare a respirare a pieni
polmoni. La respirazione addominale spinge verso il basso il diaframma,
comportando una pressione verso il basso di tutti i visceri sotto-diaframmatici,
creando una sorta di auto-Shiatsu naturale che stimola l’eliminazione dei ristagni
di sangue e mantiene l’elasticità di tutto il contenuto addominale. La respirazione
addominale, nella fase di inspirazione , crea anche un campo di forze nel nostro
basso ventre, il quale verrà utilizzato proprio per portare la pressione Shiatsu. Il
respiro profondo addominale, quando è portato lentamente, stimola il sistema
nervoso parasimpatico, che ha nell’addome uno dei suoi maggiori centri di
innervazione, e che è il principale responsabile del nostro rilassamento. 4
31La postura del corpo è naturalmente molto importante. Le principali posture sono
seiza, seduti sui talloni, birmana, a gambe incrociate, e arciere, in ginocchio. La
postura seiza ci da la possibilità di rimanere stabile a terra ma con un buon
movimento nella parte alta del corpo, quanto basta per portare la pressione dello
Shiatsu all’interno del raggio di apertura delle nostre braccia. Sedetevi con il
cuscino sui vostri talloni, in ginocchio e con gli alluci sovrapposti, così da tenere
le ginocchia leggermente scostate e non creare tensione alla schiena. La postura
birmana è più statica e viene usata quando dobbiamo esercitare una pressione più
lunga nel tempo e in un area più circoscritta. La postura dell’arciere è molto usata,
anche perché, oltre ad essere di facile mantenimento per tutti, consente un agile
spostamento del corpo per portare la pressione Shiatsu là dove c’è bisogno. 4
Uno degli assunti comuni a tutte le scuola di Shiatsu riguarda la pressione, che
deve essere portata in maniera perpendicolare al punto trattato. La pressione
perpendicolare evita lo spostamento laterale dei tessuti, che semplicemente
ricevono la pressione attraverso gli strumenti di contatto: palmo, pollice, gomito.
Così facendo non stimoliamo la cute o il corpo in superficie, ma arriviamo in
profondità, diretti al cuore energetico del meridiano. La pressione portata
perpendicolarmente permette al sistema nervoso parasimpatico di mantenere le
sue funzioni di rilassamento di tutto il corpo, così che la pressione ha effetto su
tutto il meridiano energetico che trattiamo e su tutto il corpo. Una pressione non
perpendicolare sposterebbe lateralmente i tessuti epidermici e muscolari,
generando subito una risposta del sistema nervoso simpatico, che è deputato a
mettere in allerta il corpo e a reagire; pertanto la pressione rischierebbe di
rimanere localizzata solo all’area di trattamento, e riporterebbe il ricevente a uno
stato di attenzione e veglia superficiale, la condizione meno adatta per la
comunicazione empatica profonda fra operatore, la sua pressione e il corpo fisico,
mentale ed energetico del ricevente. 4
32Se il nostro corpo è in posizione corretta, molto probabilmente la respirazione è
profonda e addominale, quindi il nostro gesto può avvenire in maniera
perpendicolare senza sforzo; ne risulta una pressione senza sforzo, senza
intenzione muscolare. La pressione avviene spostando leggermente in avanti il
baricentro del corpo, in modo che venga portata dalla quantità di peso che
vogliamo scaricare sul paziente senza l’aggiunta di altra forza muscolare. La
pressione nasce dall’hara, centro energetico più importante dell’uomo, che si
trova nel’addome. Solo con una respirazione profonda addominale creiamo una
buona attivazione dell’hara e un campo energetico di forza nell’addome , e sarà
questa forza che, in armonia con la nostra schiena nella zona lombare, farà
muovere il nostro corpo per esercitare la pressione corretta. Questo se il corpo è
accordato correttamente , altrimenti l’energia si bloccherà nella schiena o nelle
spalle, con il risultato, non solo di danneggiare l’operatore ma anche chi riceve
Shiatsu. 4
L’hara è il centro dell’essere, il centro del corpo: si estende dall’osso pubico, gira
intorno al fianco, delimitato dalla spina iliaca e arriva fin sotto della gabbia
toracica. Lavorare con il proprio hara permette di rilassarsi durante i trattamenti,
perché comporta l’uso di tutto il peso del corpo per evitare che le spalle a le
braccia si sforzino troppo. Si lavora con l’ hara facendo esercizi di respirazione.
In una società che dà molta importanza all’inspirazione, la parte Yang del respiro,
perché essa rappresenta il prendere nuove cose, è necessario riappropriarsi della
parte Yin del respiro, che è l’espirazione, il lasciar andare, il rilassamento.
L’espirazione è la parte del respiro con cui è più difficile entrare in contatto.
Mentre si pratica lo Shiatsu bisogna sempre essere consapevoli della respirazione
del ricevente. Spesso porre una mano su un’altra persona e concentrarsi sulla sua
espirazione aiuta a rilassarla. Un professionista Shiatsu esperto sa dove
appoggiare le mani, quanto tempo tenerle e quanta pressione esercitare: è il
contatto energetico tra il praticante e l’altra persona. 1
Dato che lo Shiatsu tende a bilanciare l’energia nel corpo, l’efficacia del nostro
lavoro è determinata dalla condizione dell’energia che sentiamo. Ci sono due tipi
opposti di energia chiamati Kyo e Jitsu: Kyo è la condizione di energia carente,
ipotonia, Jitsu è la condizione di energia eccessiva, o ipertonia. Nello Shiatsu si
dice che il problema è il Jitsu mentre la causa è il Kyo. 1
33Per riequilibrare la situazione si lavora sul Kyo per fornirgli energia, che deve
venire dalle zone Jitsu in cui ce n’è troppa. In casi più gravi è necessario lavorare
anche sulle zone Jitsu. Vedere e sentire il Kyo e il Jitsu è sempre una reazione
istintiva.
Molte persone trovano abbastanza semplice distinguere queste due qualità
dell’energia e persino sentirle equilibrarsi solo tenendo le mani sulle due zone. Il
corpo tende ad equilibrare naturalmente i due estremi dell’energia.
1
Lo scopo da raggiungere nelle zone Kyo è nutrire, rafforzare e portare energia:
tonificazione. Mentre nelle zone Jitsu è necessario spostare l’energia: sedazione o
dispersione.
La gravidanza è più Yin del travaglio, che è più Yang; perciò durante il travaglio
si useranno maggiormente tecniche sedanti mentre in gravidanza si preferiranno
quelle tonificanti. L’operatore deve sapere quando l’energia è Jitsu o Kyo, o
quando più semplicemente è piena o vuota. Questo è uno dei motivi per cui
un’ostetrica professionista Shiatsu ha dei vantaggi rispetto ad un semplice
operatore Shiatsu senza nessuna competenza ostetrica. Durante la gravidanza, l’
hara si sente pieno perché contiene il bambino. Questa pienezza non è Jitsu
perché è necessaria. Nella gravidanza più avanzata questa pienezza dell’hara
potrebbe invece assumere qualità Jitsu . durante il travaglio, la piena energia
dell’utero deve spostare il bambino verso il basso, se si blocca, quest’energia
potente deve essere supportata con tecniche sedanti o tonificanti. Bisogna sempre
ricordare che, come lo Yin e lo Yang, il Kyo e il Jitsu non sono statici. Durante la
gravidanza cambiano talmente tante cose che una madre potrebbe non capire
esattamente cosa sta succedendo nel suo corpo. Lo Shiatsu durante la gestazione
serve a rendere le donne più consapevoli. 1
Solo l’esperienza sviluppa il senso di quanto tempo occorre soffermarsi su una
zona. Non esiste una durata prestabilita per tenere un punto. Perché tale durata
potrebbe essere troppo lunga per alcuni e troppo breve per altri. Quando si
comincia a praticare lo Shiatsu, si sente la necessità di ricevere feedback frequenti
dalle persone che si stanno trattando: sono loro che diranno cosa è piacevole e
cosa non lo è più. 1
342.2
Tecnica.
Per applicare la pressione si usano diverse parti del corpo; le dita, il palmo della
mano, il gomito, il ginocchio e i piedi.
Le mani rappresentano una delle parti più sensibili del corpo: il senso del tatto
trova nella mano il suo apice. È solo quando le mani toccano, entrano in contatto,
che la nostra mente si sente sicura della realtà fino ad allora percepita con gli altri
sensi. 4
Questo è dimostrato da quanto sia ampia la dimensione che nella corteccia
cerebrale è riservata esclusivamente alla mano .
Alla base dello Shiatsu c’è una tecnica che implica l’uso delle mani. Questo segue
il principio di Kyo- Jitsu, in cui una mano assume un ruolo di supporto, o Yin, e
l’altra un ruolo attivo, o Yang. La mano Yin è nota come mano madre, che tende a
stare ferma, mentre l’altra mano, la mano figlia, si muove lungo il corpo. Usando
le due forze contemporaneamente, si favorisce l’equilibrio dell’energia del corpo.
Usando le due mani si lavorano le zone sotto ogni mano e anche quella tra i due
punti specifici. Bisogna pensare alla mano madre come ad una spina elettrica
collegata all’energia del corpo. Se solo una mano è in contatto non si ottiene un
circuito. Se si usano entrambe le mani su un punto, si considera la mano che sta
sotto come la mano figlia, mentre se si lavora con i pollici, il resto della mano
deve fungere da mano madre. 1
Il palmo della mano lavora sempre. Possiamo fare pressione con un pollice, con
un gomito o anche con un ginocchio, ma una mano è sempre in ascolto con il
palmo. La parte che principalmente usiamo per la pressione, anche se tutto il
palmo aderisce al corpo, è la regione ipotenare inferiore, perché è questa che
riceve il peso del corpo e può trasmetterlo senza tensione alcuna. 4
354
Fig. 3. Come applicare la pressione.
Il pollice è una delle parti del corpo più usate nello Shiatsu, deve essere usato
dalla parte terminale sino all’articolazione della falange, senza però coinvolgere
quest’ultima, perché in questo caso metteremmo in tensione la mano e il polso.
Quando lavora il pollice, le altre dita devono sostenerlo senza esercitare una
pressione eccessiva.
1
Fig. 4. L’uso di un pollice sopra l’altro.
361
Fig. 5. L’uso della nocca sul punto da trattare. La mano madre avvolge la mano
figlia per sostenerla.
L’uso del gomito per la pressione, come quella del ginocchio, è una tecnica
avanzata. Il gomito ha un ruolo importante nello Shiatsu perché, contrariamente a
quanto si pensa, è una parte del corpo molto sensibile. Si usano differenti parti del
gomito: punta, la parte più sporgente, semipunta, la parte vicina alla punta in
direzione dell’avambraccio, e il piatto, la parte dove inizia l’avambraccio. 4
Le pinzature sono da considerarsi pressioni Shiatsu esercitate con tutte le dita.
Quando
si
esercitano
le
pinzature
si
fa
sempre
con
due
mani
contemporaneamente. Dobbiamo aprire bene la mano tenendo le dita vicine e non
scostate, poi chiuderle attorno alla parte che vogliamo trattare come fosse un
cerchio che si chiude, stando attenti a far aderire bene la mano senza lasciare
spazio tra il palmo e la parte trattata, mentre il pollice si stringe in opposizione
come quando afferriamo una pallina. La direzione esercitata dalle dita nella
pinzatura è sempre perpendicolare verso il centro della parte trattata. 4 È una
tecnica usata prevalentemente negli arti inferiori e sulle braccia.
374
Fig. 6. La tecnica della pinzatura.
Tra le varie tecniche troviamo anche il metodo rocking e le tecniche di stiramento.
Il primo consiste in una serie di dondolii da applicare ad ogni parte del corpo in
base alla sua capacità ed estensione. Per praticare questa tecnica il ricevente deve
completamente lasciarsi andare. Le tecniche di stiramento, invece, sono ottime per
aumentare la flessibilità e la circolazione sanguigna e prevedono stiramenti,
appunto, degli arti e della colonna vertebrale.
1
Fig. 7. L’uso della tecnica di rotolamento della nocca per trattare l’osso sacro.
Lo Shiatsu è sempre stato praticato attraverso i vestiti, poiché l’energia da
stimolare non è legata alla pelle o al muscolo ma a qualcosa di più profondo.
Tuttavia se la donna ha piacere che le sia praticato in travaglio, mentre è svestita,
si può praticare ugualmente.
38Se si decide di utilizzare degli oli, è meglio scegliere quelli spremuti a freddo o
organici; è sconsigliabile utilizzare oli minerali, come la paraffina. È possibile
usare oli vegetali: durante la gravidanza, l’olio di germe di grano o quello di
enotera, ricchi di vitamina E, possono essere miscelati con un olio a base vegetale.
Durante il travaglio è bene usare gli stessi oli impiegati in gravidanza.
Per quanto riguarda l’utilizzo di oli sul bambino, se la pelle è abbastanza idratata,
poiché lo Shiatsu prevede un tocco leggero, non è necessario usare oli; ma se se
ne presenta la necessità vanno bene gli stessi oli che andavano bene per la madre.
Solo quello di mandorla va usato con prudenza. 1 Quello d’oliva presenta notevoli
benefici, ma ha un odore troppo forte per essere usato con frequenza.
Accordato il corpo e la mente, la pressione si trasforma in contatto. Relazione e
comunicazione sono il cuore dello Shiatsu e si esprimono attraverso il contatto. Il
contatto incontra il flusso energetico e la risposta vitale dell’altro. Per contatto
intendiamo la presenza, l’esserci impregnato d’affetto, calore, considerazione,
rispetto e partecipazione. Lo Shiatsu ha fatto del contatto la sua ragione di
esistenza, e attraverso questo si occupa di riequilibrio dell’energia vitale
dell’essere umano in tutto il suo complesso mente-corpo-spirito. 4
La pratica Shiatsu, con questa cadenza ritmica delle pressioni, ricrea le condizioni
di ambiente dello stato prenatale. Le pressioni continue ed avvolgenti su tutto il
corpo ricostruiscono la pressione del liquido che ci circonda prima di nascere. 4
2.3
Applicazioni in gravidanza.
La gravidanza è un momento in cui il corpo della donna si adatta alle necessità del
feto. Ecco quindi cambiare l’assetto della struttura muscolo-scheletrica, i tessuti
tendersi per accogliere l’aumento di peso, il sistema ormonale influire sullo stato
emotivo. Accompagnare la donna in questo periodo è molto gratificante, ma
anche impegnativo perché il trattamento è doppio, essendo rivolto alla madre a
anche al figlio. Nell’affrontare il trattamento della donna in gravidanza portiamo
attenzione a tre zone che risultano essere le più interessanti e nelle quali
riscontriamo gli effetti dei mutamenti nel corpo. Queste zone sono strettamente
correlate con i cambiamenti in corso, ma sono anche “luoghi” dove possiamo
instaurare un dialogo tattile con il nascituro, arricchendo la nostra esperienza
professionale di nuove sensazioni e percezioni. 1
39Lo Shiatsu in gravidanza non differisce molto dallo Shiatsu comune. La differenza
sostanziale è nella particolare condizione in cui si trova la persona che riceve il
trattamento. La donna in gravidanza si apre alle modalità arcaiche di
comunicazione e al suo sapere antico. Il praticante deve entrare in contatto con
l’energia della madre.
Praticando lo Shiatsu, “agiamo da mediatori” 1 : è l’energia dell’altra persona che
decide di cambiare oppure no.
Uno dei principi più importanti è la relazione tra la donna e l’ostetrica. Le
sensazioni che si provano praticando lo Shiatsu verranno trasmesse alla madre: se
ci si sente tesi o poco sicuri, lei vivrà le stesse tensioni e la stessa insicurezza. Se
l’energia del praticante non scorre nemmeno quella della madre scorrerà bene. È
necessario perciò che l’operatore impari ad utilizzare il proprio corpo in modo da
rendere lo Shiatsu rilassante. 1
È bene verificare come si sente la madre per avere un riscontro immediato e per
svolgere un lavoro sicuro. In questo modo il ricevente partecipa in modo nuovo e
coinvolgente alla scoperta di se stesso, attraverso il recupero della percezione
della propria struttura energetica.
Per agire localmente nei diversi periodi della gravidanza, la pressione va calibrata
adeguandola alle fasi e alle necessità della ricevente.
Nel primo trimestre di gravidanza la pressione va mantenuta leggera e sostenente:
intensità di pressione da adottare è simile a quella necessaria per reggere una
coppa piena d’acqua controbilanciando la forza di gravità. Nel secondo trimestre e
nella prima parte del terzo, la pressione diventa più profonda e stimolante ,
coinvolgendo anche l’energia del feto.
Talvolta le pressioni profonde negli spazi intervertebrali riscontrano una
contropressione scarsa e una consistenza molle. 1
Le pressioni devono essere effettuate con lentezza assestando il peso nei vari spazi
intraossei.
In questo periodo talvolta è possibile percepire tensione e attività nella zona
sacrale ed è opportuno lavorare con maggiore leggerezza ma a lungo, portando il
peso fino a che si realizza il contatto tra pressione e contropressione e
successivamente mantenendo una pressione costante accompagnata da leggere
spinte oltre la soglia di contatto: ciò favorisce la regolarizzazione e
l’ammorbidimento della zona. 1
40Verso il termine di gravidanza, il trattamento diventa un accompagnamento al
parto. La pressione è più leggera rispetto a quella della seconda fase ma più
penetrante di quella che si esercitava nel primo trimestre; è una pressione di attesa
e di accompagnamento, in cui il contatto non è mantenuto a lungo, ma viene
intercalato dal contatto con altre parti del corpo, trattando più volte la stessa zona
si da uno stimolo simile al ritmo delle contrazioni uterine.
È utile trattare la zona sacro coccigea, mantenendo il contatto con una pressione
sostenente per qualche minuto e poi spostarsi su altre zone, come spalle o gambe. 1
Ritornare quindi 2 o 3 volte sulla parte sacrale. Si può svolgere questo lavoro una
volta a settimana durante la gravidanza e più frequentemente man mano che ci si
avvicina al giorno del parto.
2.3.1
Trattamento in generale.
All’inizio del trattamento portiamo attenzione alla prima zona, il Vaso Cintura,
che come il suo nome lascia intendere, è quella linea di congiunzione tra il punto
VG4 e la zona sottombelicale. Collega tutti i meridiani che attraversano
quest’area. Agisce sostenendo il Ki dell’utero e li Jing; ha inoltre influenza sulla
capacità di radicamento emotivo. 1
Ponete la ricevente in posizione supina, appoggiate le mani sul ventre e
concentrate la vostra attenzione sull’ascolto. Con le mani appoggiate, seguite i
movimenti e le pulsazioni del feto, entrando in contatto con esso; mantenete il
contatto negli spostamenti per fargli sentire la vostra presenza. L’obiettivo del
lavoro è di stabilire un collegamento di energia in cui le mani agiscano come due
poli tra cui far fluire il Ki: mentre l’una entra in contatto con l’energia del feto,
l’altra fa da supporto. Si innescherà così un circuito in cui assecondare il
movimento del Ki tra il feto e la madre e di conseguenza rinvigorirne la qualità e
la quantità. Mantenere un contatto rispettoso, non invasivo per il tempo necessario
a sostenere l’effetto di ricarica; quando il feto rallenterà i suoi movimenti, potete
considerare conclusa questa parte del lavoro. L’effetto del circuito creato è di
ricaricare ed equilibrare la zona. Lavorate con l’obiettivo di lasciare alla donna
una sensazione di benessere e di collegamento con il feto. 1
411
Fig. 8. Trattamento del Vaso Cintura.
La seconda zona, importantissima, è lo snodo lombosacrale. In questa parte del
corpo sono comprese sia le vertebre lombari e sacrali sia le ossa del bacino.
Durante l’accrescimento del feto la curva fisiologica lombare si accentua. Allora
la donna avverte un senso di pesantezza e di affaticamento che può essere
alleviato eseguendo una serie di pressioni localizzate. 1
Per far assumere alla ricevente una posizione comoda, fatele appoggiare le braccia
su uno sgabello o su una palla di circa 60 cm di diametro, in modo da scaricare il
peso in aventi, oppure fatela mettere in decubito laterale. Indirizzate le pressioni
del palmo e delle dita sulla regione lombosacrale, lavorando con attenzione tutte
le zone in cui riuscite a percepire che potete affondare le dita in tutte le
angolazioni possibili. Iniziate a palpare la zona sacrale per individuare quali parti
devono ricevere una pressione sostenente, restando con una mano in appoggio
mentre con l’altra, usando il pollice o le nocche delle dita, effettuerete delle
pressioni sul bordo del sacro, negli spazi intervertebrali, a lato dei processi
spinosi, sopra le creste iliache, laddove riuscite a penetrare comodamente sia
perpendicolarmente sia lateralmente. Lavorate con continuità fino a che la zona
risponderà al tocco in modo energicamente uniforme. L’intensità della pressione
da esercitare è diversa da punto a punto; la sensibilità dell’operatore è perciò
essenziale nel percepire qual è la giusta pressione in funzione della risposta che il
Ki da alla quantità e alla qualità della pressione. In generale la differenza
principale alla quale prestare attenzione è se un punto sia in condizione di
pienezza o di carenza del Ki: la carenza, infatti, richiede una pressione
mediamente statica, prolungata, profonda, che attende la risposta del Ki. 1
421
Fig. 9. La ricerca dei punti sacrali mediante i pollici. Il resto della mano funge da
mano madre.
La terza zona si situa tra le scapole. Lo spazio infra-scapolare può risultare
dolente o teso al tatto, perché la tensione nasce da un nuovo assetto della colonna
vertebrale e da un accentuato carico energetico che si manifesta a livello degli
organi del torace, in particolare del Cuore. La tecnica che è preferibile adottare in
questa zona è quella dell’azione bivalente di tonificazione/sedazione, in cui si
agisce spostando l’eccesso (Jitsu) di Ki, laddove vi è maggiore necessità (Kyo). 1
Con la ricevente in posizione reclinata sulla palla, palpate la zona infrascapolare
usando le dita distese per impastare separatamente i muscoli dorsali ai due lati
della colonna vertebrale. Questa manovra può essere dolorosa, in modo
particolare dal lato che risulterà più teso e contratto. Appoggiate il palmo sul lato
più teso. Con una pressione sostenente, restate fermi con il palmo su questa parte
mentre con l’altra mano effettuate una pressione stimolante lungo il meridiano di
Vescica Urinaria e lungo il bordo scapolare. Trattate con vigore il lato più
morbido, utilizzando anche il gomito se lo ritenete necessario. Successivamente
appoggiate la mano aperta sulla scapola dal lato più rigido della schiena e
afferrate con l’altra la testa dell’omero. Fate scivolare la scapola, spingendola e
tirandola in senso rotatorio o, se preferite, nelle quattro direzioni cardinali e , in
più, avanti e indietro. Ripetete diverse volte questa modalità di trattamento finché
l’articolazione risulterà più mobile. Controllate nuovamente i due lati della zona
infrascapolare. Se il lato rigido persiste o è ancora doloroso, ripetete la sequenza
di trattamento dall’inizio. 1
431
Fig. 10. Il trattamento della scapola.
Dato che queste tre tecniche richiedono mediamente 20 minuti ciascuna, possono
essere inserite singolarmente all’interno di un trattamento con valutazione
energetica o, ancora meglio, costituire un trattamento mirato completo. 1
La pressione perpendicolare esercitata nel trattamento Shiatsu provoca
cambiamenti tissutali che sono percepiti dal feto come vibrazioni, un po’ alla
stessa stregua dei suoni e della musica, come attestato da pratiche diffuse in
diverse parti del mondo: egli può avvertire il ritmo delle pressioni così come il
suono della voce del praticante. È infatti dimostrato che in presenza dell’operatore
che praticava lo Shiatsu alla madre in gravidanza, i bambini riconoscano ed
ascoltino con particolare attenzione quella voce che li ha accompagnati nel
periodo del loro sviluppo endouterino. Se poi è il padre a praticare basilari
trattamenti Shiatsu, l’associazione dei suoni della voce, con le pressioni e il
contatto con il flusso energetico durante la gravidanza, contribuisce a instaurare
un legame affettivo che può superare le difficoltà di interpretazione delle esigenze
del neonato, incapace di esprimere in maniera intellegibile i suoi bisogni, ma
capace di reagine al tocco dei genitori e di manifestare apprezzamento ed essere
rassicurato da un cullamento attento, adeguato, consapevole. 1
442.3.2
Trattamenti per disturbi specifici.
2.3.2.1 In gravidanza.
Rischio di aborto o una vera minaccia: si consiglia di trattare il Rene, il Rene-
Utero, il Vaso Concezione, il Vaso Governatore, il Chong Mai e il Vaso Cintura;
è consigliabile lavorare anche sul meridiano della Milza per tenere il Ki
nell’Utero, sul Ministro del Cuore e sul Cuore-Utero per calmare e il punto ST 28,
la porta dell’utero. 1
1
Fig. 11. Il trattamento del meridiano Cuore-Utero.
1
Fig. 12. Pressione lungo il Vaso Concezione, usando la parte laterale dei palmi.
Affaticamento: i punti ST 36, F 13, Vaso Concezione 4, TR 3 e Vaso Governatore
20 aiutano le energie durante la gravidanza. 1
451
Fig. 13. Allungamenti laterali.
Affanno: è consigliabile lavorare sul Vaso Concezione, sul Chong Mai e sul
Rene-Utero, sui punti del Rene nella schiena e sul Polmone; trattare il Ministro
del Cuore, compreso il punto MC 6. Usare le tecniche degli allungamenti laterali
per aprire le costole, i movimenti e gli allungamenti delle braccia per aprire il
Polmone. 1
1
Fig. 14. Il trattamento del meridiano del Polmone lungo il braccio.
Anemia: per risolvere questa condizione è necessario lavorare sul Sangue, quindi
sui meridiani dello Stomaco, della Milza e del Chong Mai e sul Cuore-Utero. Il
punto V 18 aiuta il Fegato, il punto V23 aiuta il Rene e il punto V20 la Milza, il
punto V17 aiuta il Sangue, il punto V33 favorisce la formazione del Sangue, il
punto V52 aiuta il Rene e l’Essenza, il punto V4 aiuta Rene e Utero. 1
Ansia: il punto VC 4 calma la paura profonda, i punti C7, MC 8 e R1 sono
calmanti. 1
46Bruciore di stomaco: i punti V21 e VB12 aiutano lo Stomaco, il punto ST 36
sostiene lo Stomaco e richiama l’energia verso il basso, il punto MC 6 può aiutare
lo Stomaco. Trattare il punto TR 7 nella schiena per liberare il riscaldatore
centrale e il punto V17 per liberare il diaframma. Il punto P1 può favorire lo
spostamento dell’energia verso il basso. 1
Costipazione: il punto ST 36 nutre il Ki e il Sangue e favorisce il movimento
intestinale, il punto V23 aiuta il Rene, il punto V20 aiuta la Milza. 1
Crampi alle gambe: trattare con tecniche dolci tutti i meridiani Yang, fare gli
allungamenti del meridiano Stomaco e Vescica nelle Gambe, soprattutto V67 e
V57 perché alleviano gli spasmi. Sul piede trattare il particolare il punto R1. 1
Diabete: lavorare su Milza, Chong Mai e Stomaco. Il punto ST 36 regola il Ki,
soprattutto quello legato alla digestione. 1
1
Fig. 15. Il trattamento del Chong Mai con la parte laterale dei palmi.
Dolore addominale: i punti VC 3 e VC 5 e tutti i punti dell’utero alleviano il
dolore addominale; in caso di dolori superficiali praticare pressioni delicate e lo
strofinamento dell’addome, in caso contrario e quindi in presenza di dolori interni
profondi trattare verso l’alto il Vaso Governatore e la Milza. 1
Dolore ai legamenti: in particolare quelli uterini, trattare la Milza e il Vaso
Cintura e i punti della Vescicola Biliare nelle gambe. Praticare pressione attorno
alla zona colpita dal dolore per bilanciare Kyo e Jitsu. 1
471
Fig. 16. Il trattamento del meridiano della Vescicola Biliare sulle gambe.
Dolore alla costole: praticare leggeri allungamenti sulle braccia e sul torace.
Praticare allungamenti laterali per aprire il riscaldatore centrale; il punto V 17
apre il torace e il punto V18 sostiene il riscaldatore centrale. 1
Edema: da trattare solo se non accompagnato da ipertensione e proteinuria. Per
quanto riguarda le gambe, il punto V22 favorisce la trasformazione e
l’eliminazione dei liquidi nel riscaldatore inferiore, il punto V23 sostiene i Reni e
il punto ST 36 tonifica il Ki e allevia l’edema. Nelle braccia trattare il punto V18
che sposta il Ki del Fegato, il punto V15 che sostiene il Cuore e V16 che aiuta il
Vaso Governatore e sposta l’energia del riscaldatore superiore. I punti TR 4 e TR6
servono a sbloccare l’energia e i liquidi nel polso. Praticare il drenaggio linfatico
per stimolare i linfonodi inguinali e ascellari. 1
1
Fig. 17. Il drenaggio linfatico.
481
Fig. 18. Il drenaggio linfatico della gamba.
Emorroidi: i punti VC 20, V57, V58 e V32 fanno risalire l’energia, mentre il
punto V20 aiuta la Milza. 1
Riduzione dei movimenti fetali: trattare delicatamente il punto V67 in modo da
non provocare lo spostamento completo del bambino, ma solo per favorirne il
movimento. 1
Ritardo di crescita intrauterina: il bambino non viene nutrito dal Ki, dal Sangue e
dall’Essenza; garantire il flusso dell’Essenza lavorando su Rene-Utero, Vaso
Concezione e punto R1; il punto ST 36 nutre il Sangue del Fegato, il punto VC12
tonifica lo Stomaco e la Milza, per produrre il Ki e il Sangue. 1
Insonnia: trattare il Ministro del Cuore e il Cuore-Utero, i punti MC 6 e MC 8
calmano l’energia del Fuoco. 1
1
Fig. 19. I punti MC8 e MC6.
49Ipotensione o ipertensione: trattare il Vaso Governatore e in particolare il punto
VG 20 per spostare l’energia verso il basso nel caso di ipertensione o verso l’alto
nel caso di ipotensione. 1
Polidramnios o oligoidramnios: vanno trattati i meridiani della Vescica, del rene,
del Ministro del Cuore e il Triplice Riscaldatore, che regola i fluidi. Trattare il
punto V23 che aiuta il Rene, il punto V25 che aiuta la Vescica, il punto V22 che
aiuta il Triplice Riscaldatore, il punto VC4 ce favorisce l’Essenza. 1
Mal di schiena: nella zona dorsale, usare la tecnica di rilassamento della spalla e
della scapola e trattare i punti VB20, V10 e Vaso Concezione 20 che consentono
di liberare l’energia nel collo e nella zona dorsale. Nella zona lombare, lavorare su
Rene-Utero; fino alla 16° settimana evitare di lavorare sull’osso sacro,
successivamente praticare la tecnica di apertura e chiusura sacrale e trattare i punti
V31 e V34. Il punto V23 aiuta i reni, V47 e V48 alleviano la sciatica e il dolore
lombo-sacrale. 1
Mal di testa: i punti V10, VB 20 e Vaso Concezione 20 favoriscono la liberazione
dell’energia bloccata, mentre il punto R1 porta l’energia verso i piedi. 1
3
Fig. 20. Il punto R1.
501
Fig. 21. Il trattamento del meridiano della Vescicola Biliare sul collo.
Nausea mattutina: la combinazione dei punti MC6 e MP4 sostiene il Vaso
Penetrante, ST 34 e ST36 sono importanti per lo Stomaco e per portare l’Energia
verso il basso, il punto V21 sostiene lo Stomaco, il punto V20 sostiene la Milza. 1
Preeclampsia: trattare il rene, il Vaso Concezione e il VG 20 fino all’utero,
trattare con i palmi verso l’alto fino al punto R1, praticare trattamenti per rilassare
collo e spalle, trattare il punto VB20 per mandare l’energia verso il basso e
diminuire la pressione del sangue, trattare il punto F3 se a termine per portare
l’energia del Legno verso il basso. 1
Ritenzione urinaria, infezione delle vie urinarie: i punti Vaso Governatore 20 e ST
36 tonificano e sollevano il Ki, V28 supporta la funzione della Vescica, V32
elimina l’umidità e allevia il calore, VC 3 e VC 5 regolano la Vescica, il punto
MP6 aiuta la Vescica e i punti V39 e V40 favoriscono la minzione. 1
Sanguinamento vaginale: lavorare sul meridiano della Milza nella gambe, trattare
verso l’alto il Vaso Concezione e il Chong Mai. Il punto VC 20 porta l’energia
verso l’alto, il punto ST36 rafforza il Ki, i punti VC 3 e VC5 e V34
contribuiscono a fermare l’emorragia uterina. 1
Sindrome del tunnel carpale: i punti MC6, MC7, TR4, TR5, TR6 liberano le
energie e i fluidi nel polso. 1
Sinfisi pubica: il punto VC2 sostiene la sinfisi pubica. Strofinare il Vaso Cintura
per portare l’energia alla parte anteriore, fino alla sinfisi pubica e trattare l’osso
sacro. 1
511
Fig. 22. Il trattamento dell’osso pubico.
Vene varicose: trattare la Milza, ma non esercitare pressione diretta sulle vene
varicose. 1
Vertigini: il punto VB20 calma il Fegato e le vertigini; F3 porta l’energia verso il
basso, ma bisogna trattarlo delicatamente con pressioni leggere; tenere i piedi e
trattare il punto R1 per stabilizzare l’energia. 1
Posizione podalica: cominciare i trattamenti tra la 32° e la 34° settimana. Il punto
principale da trattare è il V67 su cui vanno utilizzate tecniche riscaldanti come lo
sfregamento. Trattarlo fino a 5 volte al giorno per alcuni minuti. È possibile
trattare tutto il meridiano della Vescica nella schiena e nelle gambe, trattare tutte
le dita e l’intero piede. 1
521
Fig. 23. Il meridiano e i punti della Vescica nella gamba.
Induzione: trattare i punti principali controindicati in gravidanza, cioè IC4, VB21,
MP6, F3, V60; lavorarli in modo intenso e prolungato. Esercitare forti pressioni
sacrali sui punti V31 e V34. 1
1
Fig. 24. La ricerca dei punti sacrali con i pollici.
531
Fig. 25. Apertura e chiusura sacrale.
2.3.2.2 Durante il travaglio.
In travaglio o anche in sala parto, l’ostetrica con un’adeguata preparazione Shiatsu
può intraprendere alcune semplice manovre che facilitino il processo naturale
della nascita. A monte di questo evento c’è una preparazione della gestante. Al
momento del parto, la madre che ha ricevuto lo Shiatsu in gravidanza, può
riceverlo anche nel periodo finale.
Difficoltà fetale: trattare il Cuore-Utero, il Rene-Utero, il Vaso Cintura e i punti
MC8 e VC4. 1
Posizione fetale: lavorare sui punti V31 e V34 sull’osso sacro, sui punti VB 20 e
V10 nel collo e i punti del Vaso Concezione 15 e VC16; trattare i punti del
meridiano della Vescica nelle gambe e nell’osso sacro, in particolare V67 e V60.
Se la testa del bambino è alta trattare in particolare i punti VB21, F3 e i punti del
Vaso Governatore. 1
Aiuto alla respirazione: trattare il meridiano del Polmone, soprattutto il punto P7,
e usare il palmo sul meridiano della Vescica. 1
Diarrea: trattare il punto IC4. 1
54Nausea e vomito: trattare IC4 e MC6. 1
Paura e ansia: trattare i punti del Rene, della Vescica e del Vaso Governatore nella
schiena, lavorare la Vescica lungo le gambe fino ai piedi. Trattare i punti R1,
MC8 e V60 per calmare le emozioni. 1
1
Fig. 26. Il trattamento delle gambe.
Rilassamento: i punti VG20, R1 e MC8 sono calmanti. 1
Spossatezza: trattare i meridiani di Vescica e Rene e il Vaso Governatore nella
schiena verso l’utero, strofinando o comprimendo leggermente i punti; lavorare
sul Rene-Utero. I punti ST36 , VG20 e R1 aiutano in casi di spossatezza. 1
Tensione al collo: trattare i punti V10, VB20, VG20,VG15 e VG14. 1
551
Fig. 27. Il trattamento del punto V10.
3
Fig. 28. Il punto di Vescicola Biliare 20.
Tensione o mancanza di energia alla schiena: lavorare l’osso sacro e sui punti nel
gluteo di Vescica, Rene, Vaso Cintura e Vaso Governatore, e il punto V60. 1
1
Fig. 29. La tecnica per bloccare l’energia del Vaso Governatore.
56Tensione alle spalle: praticare lo strofinamento e trattare il punto VB21. 1
1
Fig. 30. Il trattamento dei punti della spalla.
Tremore alle gambe: trattare i punti VB30, VB31 e V60. 1
Rigidità della cervice: trattare il punto VB34. 1
1
Fig. 31. I punti Vescicola Biliare 34 e Stomaco 36.
Gonfiore della cervice: trattare il punto VC3. 1
57Fase di transizione: se la madre manifesta rabbia o irritabilità trattare i punti
VB21, VB20, trattare Vaso Concezione e Vaso Governatore, lavorare per portare
l’energia alla schiena passando attraverso il Vaso Governatore, la Vescica, il Rene
e i punti V67, V60, V10, R1, VG20. 1
1
Fig. 32. I punti del piede.
1
Fig. 33. Il trattamento della parte superiore del Vaso Governatore con il pollice.
Stimolo a spingere prima della dilatazione completa: trattare il Vaso Governatore
verso l’alto con particolare attenzione sul punto Vaso Governatore 20. 1
581
Fig. 34. Il trattamento del punto Vaso Governatore 20.
Stimolare le contrazioni: nel primo stadio del travaglio, trattare VB21, F3, MP6,
V60, V67, IC4 e VC4. Nel secondo stadio del travaglio, trattare prevalentemente i
punti VB21 e F3, quindi gli altri punti. 1
1
Fig. 35. Il punto Intestino Crasso 4.
1
Fig. 36. I punti MP6, V60 e VB37-39.
591
Fig. 37. Tecnica di rilassamento delle spalle.
Aiutare la discesa del bambino: stimolare i punti VB21 e F3. 1
1
Fig. 38. Trattamento del punto Vescicola Biliare 21.
Concentrare l’attenzione della madre sul perineo: contattare il Vaso Governatore e
il Vaso Concezione. 1
601
Fig. 39. Il collegamento tra Vasco concezione e Vaso Governatore.
Difficoltà nel secondamento: trattare per primo il punto VB21, quindi passare ai
punti F3 e IC4. Infine trattare VC3, VC4, VC6 e V60. 1
Emorragia e sanguinamento: il punto V32 stimola il Ki a spostarsi verso l’alto; i
punti VC 3 e VC5, MP1, F1, V34 e MP6 alleviano il sanguinamento uterino. 1
1
Fig. 40. I punti MP6 e MP1.
Shock: tenere i piedi per portare l’energia verso il basso, trattare i punti C7 e
MC8. 1
612.3.2.3
Periodo postnatale.
Si tenga a mente che durante il periodo postnatale, il Ki della madre è esaurito;
per questo lo Shiatsu quindi prevede numerose tecniche di tenuta.
2.3.2.3.1 Madre.
Allattamento e seni: in caso di carenza di latte, trattare il Chong Mai e lo
Stomaco; in caso di ingorgo mammario, trattare il meridiano della Vescicola
Biliare e del Fegato ed eseguire il drenaggio della linfa, per favorire la
circolazione del Ki; i punti ST36 e MP6 aiutano il Ki e il Sangue, come V20 e
V23; i punti ST18 e ST12 influenzano il flusso di energia nelle mammelle; VC17
tonifica il Ki all’interno del torace; VB34 e F3 spostano il Ki; VB21 sposta il Ki
del Fegato; TR3 sposta il Ki e rimuove gli ostacoli del riscaldatore superiore. 1
1
Fig. 41. Il trattamento del meridiano dello Stomaco sul seno.
Costipazione: il punto F8 nutre il Sangue del Fegato; i punti P7 e R6 controllano il
Vaso Concezione che nutre lo Yin e i fluidi corporei; il punto V25 stimola
l’intestino. 1
Depressione: il punto VG20 alza l’umore; il punto VC4 nutre il Sangue e rafforza
l’Utero, i punti MC6 e R1 calmano la mente. 1
62Dolore addominale, contrazioni: se il dolore è causato dalle eccessive contrazioni
uterine o dall’incapacità dell’utero di contrarsi, trattare VB21. Il punto MP6
allevia il dolore addominale. 1
Febbre: trattare il Vaso Concezione per sostenere lo Yin. 1
Lochiazioni: in caso di presenza di coaguli, trattare verso il basso le gambe fino ai
piedi. Il punto ST36 consente di portare l’energia verso il basso. In caso di perdite
molto consistenti, bisogna rafforzare l’energia del Sangue usando la combinazione
dei punti del Chong Mai e trattando il punto VG20 in modo da portare l’energia
verso l’alto, e il punto MP1 per fermare l’emorragia uterina. 1
Perineo: contattare i punti Vasco Concezione 1 e Vaso Governatore 2, che aiutano
l’energia a scorrere nel perineo e favoriscono il processo di guarigione. 1
2.3.2.3.2
Bambino.
Coliche: praticare un massaggio circolare addominale in senso orario per nutrire
le zone Kyo e alleggerire le zone Jitsu; trattare i piedi per portare l’energia verso il
basso. I punti VC12 e ST 36 regolano lo Stomaco; il punto MC6 calma l’energia. 1
1
Fig. 42. Il trattamento dei punti MC6 e MC8 nel neonato.
Costipazione: anche se è normale che i neonati non abbiano peristalsi tanto
frequenti, in presenza di feci dure si può provare con dei trattamenti delicati
sull’addome e intorno all’ano; i punti V25 e ST 25 aiutano l’Intestino Crasso. 1
631
Fig. 43. Il trattamento dell’hara nel neonato.
Eczema: trattare i meridiani dello Stomaco e della Milza nelle gambe, e il
meridiano del polmone nelle braccia. 1
1
Fig. 44. Il trattamento del meridiano dello Stomaco nel neonato.
Infezioni polmonari: trattare i meridiani della Milza e del Polmone, in particolare
P1 e P2. 1
Insonnia: i punti MC8 e R1 sono calmanti; il punto ST36 è stabilizzante ed aiuta
la digestione; VC12 regola lo Stomaco. 1
Problemi di alimentazione: se il bambino è riluttante a mangiare, trattare i punti
dello Stomaco e del Ministro del Cuore nelle braccia. 1
Traumi intrapartali: usare pressioni leggere e trattare il Vaso Governatore nella
testa e nella schiena, soprattutto nei casi di parti operativi. Se il trauma è troppo
intenso, trattare le stesse zone con semplici sfioramenti. 1
641
Fig. 45. Il trattamento della testa nel neonato.
Vomito: trattare i punti VC12, ST 36, ST34 che regolano lo Stomaco. 1
1
Fig. 46. Il trattamento della schiena nel neonato.
653. Questioni professionali ed aspetti legali.
Le terapie complementari non rientrano ancora nel percorso formativo della
maggior parte dei corsi di laurea in Ostetricia. Anche se alcuni corsi di primo
livello offrono moduli di terapie complementari, si tratta solo di un’introduzione
generale, più che di corsi approfonditi sulle specifiche discipline.
In Italia, per acquisire una formazione specifica, è necessario frequentare un
master in Medicine Naturali o quello in Medicine Complementari e Terapie
Integrative, oppure frequentare corsi professionali specifici come quello per
diventare Operatore Shiatsu.
Sebbene è sempre auspicabile una formazione continua, non è dimostrato che
esista la necessità che le ostetriche seguano un corso specifico in una disciplina
olistica per essere in grado di usare certi aspetti di quella tecnica nella loro pratica
professionale: le ostetriche usano già la capacità di ascolto pur non essendo
counselor professionisti e visitano il neonato sano pur non essendo pediatri 1 ;
suggeriscono la posizione yoga del gatto per favorire il rivolgimento del bambino
podalico anche se non sono insegnanti yoga e utilizzano la pressione sacrale per
alleviare il dolore delle travaglio, anche senza aver intrapreso un corso di Shiatsu,
perché sono tecniche che fanno parte dell’arte ostetrica. Inoltre il corso triennale
per diventare operatori Shiatsu non tratta approfonditamente gli aspetti relativi
alla gravidanza. Ciò non toglie che le ostetriche debbano possedere le basi
teoriche adeguate, essere in grado di mettere in pratica ciò che hanno studiato e di
saperne riconoscere i limiti 1 .
È consigliabile chiedere l’autorizzazione al direttore del reparto o al datore di
lavoro prima di inserire tali procedure nel proprio ambito lavorativo.
È possibile che molte ostetriche vogliano usare lo Shiatsu come strumento
aggiuntivo per rendere più efficace il loro lavoro 1 , oppure come alternativa ai
trattamenti abituali per affrontare alcuni disturbi minori della gravidanza, per
insegnare ai genitori tecniche di auto-aiuto in travaglio o di tocco da praticare sui
bambini 1 , oppure per proporre l’inserimento dello Shiatsu nei corsi di
accompagnamento alla nascita.
664. Studio clinico.
4.1
Obiettivi.
L’obiettivo primario di questo studio è dimostrare il grado di interesse delle donne
riguardo l’uso dello Shiatsu, come terapia complementare nella gestione della
gravidanza, del travaglio e del puerperio.
In seconda istanza è mia volontà dimostrare che le donne vorrebbero che questa
particolare arte entri a far parte del percorso nascita.
4.2 Materiali e metodi.
4.2.1 Progettazione e attivazione dello studio.
Per vagliare la conoscenza che le donne hanno dello Shiatsu e per valutare il loro
grado di interesse circa l’argomento, è stato distribuito un questionario a 104
donne in gravidanza, che afferivano al P.O. “Mazzoni” di Ascoli Piceno nel
periodo che va dal 20/05/2013 al 26/07/2013.
4.2.2
Raccolta dati.
Le donne che hanno accettato di partecipare allo studio, dando il loro consenso
verbale, hanno compilato il seguente questionario.
Età_________Nazionalità_____________Titolo di studio___________________
1- Numero di gravidanze?
 1
 2
 3
 Più di 3
672- Conosce lo Shiatsu?
 Si
 No (in questo caso vada direttamente alla domanda n. 15)
3- In quale categoria lo collocherebbe?
 Una medicina cinese
 Una scuola di pensiero occidentale
 La digitopressione di punti specifici
 Una tecnica per favorire il tono fisico
4- Com’è venuta a conoscenza dello Shiatsu?
 Internet
 Centro benessere
 Medico
 Ostetrica
 Altro
____________________________________________________________
5- La ritiene una procedura invasiva?
 No
 Poco
 Abbastanza
 Molto
6- Si è mai sottoposta ad una seduta di Shiatsu fuori della gravidanza?
 Si
 No
7- Se si, per quale ragione vi si è sottoposta?
____________________________________________________________
___________________________________________________________
688- Si è mai sottoposta a una seduta di Shiatsu in gravidanza?
 Si
 No
9- In questo caso, a quale operatore si è rivolta per ricevere il trattamento?
 Operatore Shiatsu
 Osteopata
 Ostetrica
10- Pensa che lo Shiatsu possa essere applicato da un’ostetrica?
 Si
 No
11- Crede nell’efficacia dello Shiatsu per alleviare i disturbi della gravidanza?
 No
 Poco
 Abbastanza
 Molto
12- Crede nell’efficacia dello Shiatsu se applicato in travaglio?
 No
 Poco
 Abbastanza
 Molto
13- Se si, quale tra i seguenti benefici dello Shiatsu ritiene che sia il più
importante?
 Regolarizzare le contrazioni
 Accelerare la dilatazione cervicale
 Favorire la progressione della parte presentata
 Ridurre la tensione muscolare
 Alleviare il dolore
 Attivare il travaglio
6914- In quale altro caso ricorrerebbe allo Shiatsu?
 Massaggio al neonato
 Riabilitazione perineale
 Favorire la montata lattea
 Recupero psico-emotivo nel puerperio
 Altro
____________________________________________________________
15- Le piacerebbe approfondire la tecnica dello Shiatsu?
 Si
 No
16- Le piacerebbe se lo Shiatsu fosse inserito all’interno del Percorso Nascita
della sua struttura ospedaliera di riferimento?
 Si
 No
4.2.3
Analisi statistica.
L’elaborazione dei dati raccolti e le analisi statistiche sono state effettuate
utilizzando Microsoft Excel 2007. Nelle analisi statistiche sono state incluse le
medie e i range di appartenenza. La visualizzazione grafica dei dati analizzati è
stata effettuata con aerogrammi e con istogrammi.
4.3
Risultati.
L’88,5% delle intervistate erano italiane, il restante 11,5% straniere, così ripartite:
0,96% di nazionalità polacca, 0,96% macedone, 0,96% dominicana, 0,96%
uruguaiana, 0,96% russa, 0,96% albanese, 0,96% brasiliana, 0,96 % cinese, 0,96%
giordana e 2,9% rumena (grafico 1).
70Sul totale delle straniere, le percentuali delle nazionalità sono le seguenti: 8,3%
polacca, 8,3% macedone, 8,3% dominicana, 8,3% uruguaiana, 8,3% russa, 8,3%
albanese, 8,3% brasiliana, 8,3% cinese, 8,3% giordana e 25% rumena.
Nazionalità
brasiliana
0,96%
italiana
88,5%
giordana
0,96%
albanese
0,96%
rumena
2,88%
non italiana
11,5%
cinese
0,96%
russa
0,96%
uruguaiana
0,96%
polacca
0,96%
dominicana
0,96%
macedone
0,96%
Grafico 1.
Nel gruppo esaminato ci sono: 92 donne italiane, di cui 70 primi gravide (76,1%),
15 secondi gravide (16,3%), 6 terzi gravide (6,5%) e 1 che ha avuto più di tre
gravidanze (1,1%); 1 donna polacca, secondi gravida; 1 donna macedone, terzi
gravida; 1 donna dominicana, terzi gravida; 1 donna uruguaiana, primi gravida; 1
donna russa, primi gravida; 3 donne rumene, tutte primi gravide; 1 donna
albanese, che ha avuto più di tre gravidanze; 1 donna brasiliana, primi gravida; 1
donna cinese, terzi gravida; 1 donna giordana, che ha avuto più di tre gravidanza.
Sul totale abbiamo, dunque, il 73,1% di primi gravide, il 15,4% secondi gravide, il
8,6% di terzi gravide e il 2,9% che ha avuto più di tre gravidanze (grafico 2).
71Numero di gravidanze
2,9%
8,7%
15,4%
1 gravidanza 73,1%
2 gravidanza 15,4%
3 gravidanza 8,7%
più di 3
2,9%
73,1%
Grafico 2.
L’età media è di 32,5 anni.
Sul totale, 58 donne possiedono il diploma di scuola media superiore (55,8%), 33
sono laureate (31,7%) e 10 hanno la licenza di scuola media inferiore (9,6%).
Sul totale delle laureate 32 sono italiane (97%) e 1 straniera (3%); sul totale delle
diplomate, 50 sono italiane (86,2%) e 8 sono straniere (13,8%); sul totale delle
aventi la licenza media inferiore, 8 sono italiane (80%) e 2 straniere (20%).
Tra le italiane, il 34,8% è laureata, il 54,3% è diplomata, il 8,7% possiede la
licenza di scuola media inferiore e il 2,2% non ha risposto; mentre tra le straniere,
il 8,3% è laureata, il 66,7% è diplomata, il 16,7% possiede la licenza di scuola
media inferiore e il 8,3% non ha risposto (grafico 3).
3 donne, di cui 2 italiane e 1 rumena non hanno reso noto il loro titolo di studio, il
2,9% del totale.
72Titolo di studio
italiana
laurea
34,8%
diploma sup.
medie
nd
non italiana
8,3%
54,3%
66,7%
8,7%
16,7%
2,2%
8,3%
Grafico 3.
In riferimento al totale, 60 donne (57,7%) non hanno conoscenza dello Shiatsu
mentre 44 donne affermano di conoscerlo (42,3%); tra coloro che lo conoscono,
28 (63,6%) riescono a inserirlo nel giusto ambito di competenza, 13 (29,6%) lo
inseriscono nell’ambito errato e 3 (6,8%) non hanno risposto (grafico 4). Tra
queste 28, le laureate sono 7 (25%), le diplomate 18 (64,3%) e quelle aventi la
licenza media inferiore 3 (10,7%), inoltre, 27 sono italiane (96,4%) e 1 straniera
(3,6%).
Conoscenza dello Shiatsu
no
58%
giusto
ambito
63,6%
si
42%
ambito
errato
29,5%
nd
6,8%
Grafico 4.
73Tra le 28 donne che conoscono lo Shiatsu e che lo collocano nel giusto ambito di
competenza, 1 ne è venuta a conoscenza tramite un’ostetrica (3,6%), 5 tramite
internet (17,8%), 8 in centro benessere (28,6%), 1 sia su internet che in un centro
benessere (3,6%), 1 sia su internet che tramite altri mezzi (3,6%), nessuna tramite
un medico (0%) e 12 per altri motivi (42,8%), come dimostra il grafico 5.
Fonti (1)
45,0%
40,0%
35,0%
30,0%
25,0%
20,0%
5,0%
10,0%
15,0%
0,0%
medico 0% internet e altro 3,6%
internet e centro benessere 3,6% ostetrica 3,6%
internet 17,9% centro benessere 28,6%
altro 42,9%
Grafico 5.
Delle 44 donne che affermano di conoscere lo Shiatsu, indipendentemente che lo
collochino nel giusto ambito di competenza oppure no, 11 ne sono venute a
conoscenza tramite internet (25%), 13 in un centro benessere (29,5%), 0 da un
medico (0%), 1 da un’ostetrica (2,3%), 15 per altri motivi (34%); 1 donna afferma
di esserne venuta a conoscenza sia tramite internet che in un centro benessere
(2,3%), 1 sia su internet che per altri motivi (2,3%), 1 sia tramite internet che in
74un centro benessere che da un medico (2,3%); 1 donna non ha risposto (2,3%).
(grafico 6)
40%
35%
30%
Fonti (2)
25%
20%
15%
2,3%
5%
10%
0%
medico 0% ostetrica 2,3%
internet e centro benessere 2,3% internet e altro 2,3%
internet, centro benessere e medico 2,3% nd 2,3%
internet 25% centro benessere 29,5%
altro 34%
Grafico 6.
Sempre sul totale di quelle che lo conoscono (44), nessuna la ritiene una
procedura invasiva (0%), 34 non la ritengono una procedura invasiva (77,3%), 3
la ritengono abbastanza invasiva (6,8%), 4 la ritengono poco invasiva (9,1%), 3
non hanno risposto (6,8%), come si evince dal grafico 7.
75Invasività
0,0%
6,8%
6,8%
9,1%
molto invasiva 0%
abbastanza invasiva 6,8%
poco invasiva 9,1%
non invasiva 77,3%
nd 6,8%
77,3%
Grafico 7.
35 donne, il 79,5% di quelle che lo conoscono, non si sono mai sottoposte ad una
seduta Shiatsu, al di fuori della gravidanza, 1 donna (2,3%) non ha risposto,
mentre 8 (18,2%) vi si sono sottoposte; di queste 1 vi si è sottoposta per
dimostrazione, 1 per risolvere dei dolori articolari, 1 per prova, 1 come tecnica di
rilassamento e 1 per motivi di studio; 2 donne non hanno fornito alcuna
spiegazione. I valori sono descritti nel grafico 8.
76Trattamento Shiatsu
nd
2,3%
18,2%
si
79,5%
0,0%
20,0%
40,0%
60,0%
80,0%
no
100,0%
Grafico 8.
2 donne si sono sottoposte ad una seduta Shiatsu in gravidanza, il 4,5% di quelle
che affermano di conoscere questa tecnica e l’1,9% del totale. 41 donne, 93,2%,
affermano di non averne usufruito, mentre 1 donna (2,3%) non ha risposto
(grafico 9).
Trattamento Shiatsu in gravidanza
n
d
2,3%
si
4,5%
93,2%
0,0%
20,0%
40,0%
60,0%
80,0%
n
o
100,0%
Grafico 9.
Sebbene 30 donne, il 68,2% di quelle che lo conoscono, ritengano che lo Shiatsu
possa essere applicato da un’ostetrica, 12 donne (27,3%) non lo ritengano
possibile e 2 donne (4,5%) non abbiano risposto, delle 2 donne che si sono
77sottoposte ad una seduta Shiatsu in gravidanza, 1 si è rivolta ad un operatore
Shiatsu ed 1 ad un’ostetrica (grafico 10).
L’ostetrica può praticare lo Shiatsu?
80,00%
70,00%
60,00%
50,00%
si
40,00%
no
nd
30,00%
20,00%
10,00%
0,00%
Grafico 10.
Riguardo all’efficacia dello Shiatsu in gravidanza, 3 donne pensano che non sia
efficace (6,8%), 10 lo ritengono poco efficace (22,7%), 24 abbastanza efficace
(54,6%) e 4 molto efficace (9,1%); 3 donne, 6,8%, non hanno risposto (grafico
11).
Nel gruppo che la ritiene una pratica molto o abbastanza efficace troviamo 25
donne italiane (89,3%) e 3 donne straniere (10,7%); in questo gruppo troviamo,
inoltre, l’unica donna che si è rivolta ad un’ostetrica per ricevere un trattamento in
gravidanza.
78Efficacia in gravidanza
molto efficace 9,1%
6,8% 9,1%
6,8%
abbastanza efficace 54,6%
22,7%
poco efficace 22,7%
54,6%
non efficace 6,8%
nd 6,8%
Grafico 11.
Nell’ambito dell’efficacia in travaglio di parto, il pensiero delle donne si esprime
così: 2 donne non lo ritengono efficace (4,5%), 15 lo ritengono poco efficace
(34,1%), 22 lo ritengono abbastanza efficace (50%) e 3 molto efficace (6,8%); 2
donne non hanno risposto (4,5%). Nel gruppo che la ritiene una pratica molto o
abbastanza efficace troviamo 23 donne italiane (92%) e 2 donne straniere (8%). I
dati sono espressi nel grafico 12.
Efficacia in travaglio
molto efficace 6,8%
4,5%
4,5%
6,8%
abbastanza efficace
50%
poco efficace 34,1%
34,1%
non efficace 4,5%
50,0%
nd 4,5%
Grafico 12.
79Dalla domanda su quale beneficio è ritenuto il più importante in gravidanza, si
evince che nessuna donna lo ritiene utile per accelerare la dilatazione cervicale
(0%) né per favorire la progressione della parte presentata (0%); invece 9 donne
(20,4%), lo riterrebbero utile per alleviare il dolore del travaglio, 3 (6,8%), per
attivare il travaglio, 1 (2,3%) per regolarizzare le contrazioni, 14 (31,8%) per
ridurre la tensione muscolare, mentre 1 donna (2,3%) ritiene che i benefici più
importanti siano l’alleviare il dolore del travaglio combinato all’attivazione del
travaglio, 1 (2,3%) l’alleviare il dolore del travaglio e accelerare la dilatazione
cervicale, 2 (4,6%) il ridurre la tensione muscolare e l’accelerare la dilatazione
cervicale, 7 (15,9%) il ridurre la tensione muscolare e l’alleviare il dolore; 6
donne (13,6%) non hanno risposto (grafico 13).
80Il beneficio più importante in travaglio
35%
20%
4,6%
5%
10%
15%
25%
30%
0%
accelerare la dilatazione cervicale 0%
favorire la progressione della parte presentata 0%
regolare le contrazioni 2,3%
alleviare il dolore e attivare il travaglio 2,3%
alleviare il dolore e accelerare la dilatazione cervicale 2,3%
ridurre la tensione muscolare e accelerare la dilatazione cervicale 4,6%
attivare il travaglio 6,8%
nd 13,6%
ridurre la tensione muscolare e alleviare il dolore 15,9%
alleviare il dolore 20,4%
ridurre la tensione muscolare 31%
Grafico 13.
Riguardo alla domanda sulla necessità che le spingerebbe a ricorrere allo Shiatsu,
la percentuale delle intervistate è così divisa: 5 donne (11,4%) vi ricorrerebbero
per favorire la montata lattea, 11 (25%) per il recupero psico-emotivo nel
puerperio, 7 (15,9%) per la riabilitazione perineale e 7 (15,9%) per il massaggio
neonatale, mentre 2 donne (4,5%) vi ricorrerebbero sia per il massaggio neonatale
che per il recupero psico-emotivo in puerperio, 1 (2,3%) sia per la riabilitazione
perineale che nel recupero psico-emotivo, 1 (2,3%) sia per la riabilitazione
perineale che per favorire la montata lattea, 1 (2,3%) sia per il massaggio
81neonatale che per favorire la montata lattea che per il recupero psico-emotivo nel
puerperio e 2 (4,5%) per altro; 7 (15,9%) donne non hanno risposto (grafico 14).
Ricorso allo Shiatsu
30,00%
5,00%
10,00%
15,00%
20,00%
25,00%
0,00%
riabilitazione perineale e recupero psico-emotivo 2,3%
riabilitazione perineale e montata lattea 2,3%
massaggio neonatale, recupero psico-emotivo e montata lattea 2,3%
massaggio neonatale e recupero psico-emotivo 4,5%
altro 4,5%
montata lattea 11,4%
massaggio neonatale 15,9%
riabilitazione perineale 15,9%
nd 15,9%
recupero psico-emotivo 25%
Grafico 14.
Un valore interessante è quello delle donne a cui piacerebbe approfondire questo
argomento, 80, cioè il 76,9 % del totale. Tra queste, 76 (95%) avrebbero piacere
di approfondirlo durante i vari incontri del percorso nascita, 3 (3,75%) non
vorrebbero approfondirlo nel percorso nascita e una donna (1,25%) non ha
risposto, come si evince dal grafico 15.
82Sul totale delle intervistate, quelle a cui piacerebbe approfondire la conoscenza
dello Shiatsu durante gli incontri del percorso nascita, sono 82, cioè il 78,8%.
A 21 donne non interessa approfondire l’argomento, il 20,2%, e 13 di queste non
desiderano nemmeno che sia inserito nel percorso nascita, il 12,5%; mentre sul
totale sono 16 le donne che non avrebbero piacere che lo Shiatsu fosse inserito nel
percorso nascita, il 15,4% del totale.
3 donne non hanno risposto al quesito se interessa approfondire l’argomento, 6
non hanno risposto alla domanda sul percorso nascita.
Interesse ad approfondire l’argomento
nd; 2,9%
percorso nascita
si; 95%
no; 20,2%
si; 76,9%
percorso nascita
no; 3,75%
nd; 1,25%
Grafico 15.
835. Conclusioni.
Alla luce della positiva percentuale di donne che desidera approfondire
l’argomento e di quella che vorrebbe che lo Shiatsu fosse inserito all’interno del
percorso nascita della propria struttura sanitaria di riferimento, ho pianificato un
possibile inserimento dello stesso nei corsi di accompagnamento alla nascita,
proponendo una brochure informativa completa di programma.
846. Allegati.
6.1
Autorizzazione allo studio e database dati.
85Record età nazionalità
1 28 italiana
2 43 italiana
titolo di
studio
diploma
sup.
diploma
sup.
come è
venuta a
conoscenza
dello
Shiatsu
approfondire
nel percorso
nascita
no no no
si no nd
no no
si si
conoscenza
dello
Shiatsu
3 1 3 30 italiana diploma
sup. 4 35 italiana diploma
sup. 5 32 italiana 6 38 polacca 7
8
9
10 34
41
38
35 italiana
italiana
italiana
italiana diploma
sup.
diploma
sup.
medie
laurea
laurea
laurea 11 30 italiana laurea 2 no
12
13 26
38 macedone
italiana medie
laurea 3
3 no
no
14 41 italiana diploma
sup. 1 si
conosce
l’ambito
corretto
è ritenuta
una
procedura
invasiva
ha fatto una
seduta non in
gravidanza
per quale
ragione
ha fatto
una seduta
in
gravidanza
pensa che lo
Shiatsu
possa essere
applicato da
un’ostetrica
approfondir
e
l’argoment
o n° di
gravidanze
a quale
operatore
si è rivolta
ridurre la
tensione
muscolare
alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
in quale altro caso
ricorrerebbe allo
Shiatsu
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
si internet no no no 1 no no internet +
ostetrica no no no 2 no si si
2 no si si
2
2
2
2 no
no
no
no si
si
no
si si
si
no
si
15 36 italiana medie 1 si
16 32 italiana diploma
sup. 1 si
si
no
altro
internet +
altro
no
no
no
no
no
altro poco si
internet abbastanza no
dimostrazion
e
dolore
articolare
no
si
poco
beneficio più
importante
si
operatore
Shiatsu
poco
efficacia in
travaglio
1
si
si
efficacia in
gravidanza
abbastanza
no
no si no no no no
no si abbastanza abbastanza
17 32 italiana diploma
sup. 1 si si altro no si 18 37 italiana diploma
sup. 2 si si centro
benessere no no 2 si si altro no no no
no
operatore
Shiatsu
no
19 37 italiana diploma
sup. 20 39 italiana diploma
sup. 2 si si altro no si no
21 37 italiana diploma
sup. 1 si no internet no no no
operatore
Shiatsu
abbastanza
massaggio al
neonato
no
abbastanza
si abbastanza abbastanza
si abbastanza abbastanza
ridurre la
tensione
muscolare
alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
alleviare
dolore
ridurre la
tensione
muscolare
ridurre la
tensione
muscolare
si abbastanza poco si abbastanza abbastanza no poco poco attivare il
travaglio
22 34 italiana diploma
sup. 2 si si centro
benessere no no no si abbastanza abbastanza alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
23 27 dominicana diploma
sup. 3 si si internet no no no si abbastanza poco regolarizzare
le contrazioni
1 si si altro no si 24 25 italiana diploma
sup. 25 30 italiana laurea 1 si si altro no no
26 30 italiana laurea 2 si no internet no no
studio
86
no
operatore
Shiatsu
no poco poco
no si abbastanza abbastanza
no si abbastanza abbastanza
ridurre la
tensione
muscolare
ridurre la
tensione
muscolare
ridurre la
tensione
muscolare
si si
nd
si nd
si
riabilitazione
perineale si si
altro no si
si si
si si
si si
no si
si si
si si
si si
si si
altro si si
riabilitazione
perineale si si
recupero psico-
emotivo nel
puerperio si si
massaggio al
neonato
massaggio al
neonato +
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
massaggio al
neonato +
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
recupero psico-
emotivo nel
puerperioRecord età nazionalità titolo di
studio n° di
gravidanze conoscen
za dello
Shiatsu
27 28 italiana laurea 1 si
conosce
l’ambito
corretto come è
venuta a
conoscenza
dello
Shiatsu è ritenuta
una
procedura
invasiva ha fatto una
seduta non
in
gravidanza
si altro no no
si centro
benessere
si si altro
si no altro
28 30 italiana laurea 1 si
29 33 italiana laurea 1 30 36 italiana laurea 1
no
no
si
per quale
ragione
ha fatto una
seduta in
gravidanza
a quale
operatore si
è rivolta
no
prova
no
no no
no no
pensa che
lo Shiatsu
possa
essere
applicato da
un’ostetrica efficacia in
gravidanza efficacia in
travaglio beneficio più
importante in quale altro
caso
ricorrerebbe
allo Shiatsu approfondire
l’argomento approfondire
nel percorso
nascita
si poco poco alleviare il dolore favorire la
montata lattea si si
riabilitazione
perineale si si
si si
si si
si si
no si
si si
si no
si si
si si
si si
si si
no si
si si
si si
si si
si si
si si
no si
si si
si si
si abbastanza abbastanza accelerare la
dilatazione cervicale +
ridurre la tensione
muscolare
si molto molto ridurre la tensione
muscolare
abbastanza alleviare il dolore +
ridurre la tensione
muscolare
31 39 italiana laurea 1 si si altro abbastanza no no si abbastanza 32 30 italiana medie 1 si si internet no no no no poco 33 36 italiana medie 1 si si altro no no no si no no no no abbastanza abbastanza alleviare il dolore
no no no si no poco alleviare il dolore
centro
benessere
centro
benessere
poco
abbastanza
34 30 italiana medie 2 si no 35 30 italiana diploma
sup. 1 si si 1 si no internet poco no no no poco no
alleviare il dolore
ridurre la tensione
muscolare
36 25 italiana diploma
sup. 37 41 italiana diploma
sup. 1 si si altro no no no si abbastanza abbastanza alleviare il dolore
38 33 italiana diploma
sup. 1 si si internet no no no si abbastanza abbastanza ridurre la tensione
muscolare
italiana diploma
sup. si centro
benessere poco ridurre la tensione
muscolare
poco accelerare la
dilatazione cervicale +
alleviare il dolore
39
34
40 35 italiana
41 29 italiana
42 32 italiana
diploma
sup.
laurea
diploma
sup.
1
si
1 si
1 no
1 si
si
centro
benessere
no internet
43 34 italiana laurea 1 si si centro
benessere
44 30 italiana diploma
sup. 1 si si altro
italiana diploma
sup. no centro
benessere
italiana diploma
sup. italiana diploma
sup.
45
46
47
27
30
26
48 28 italiana
49 27 italiana
50 28 italiana
51 30 uruguaiana
52 33 italiana
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
1
1
si
si
no
no
altro
internet
no
no
no
poco
si
prova
no
no
no
no
si
no
no
si
no
rilassamento
dorsale
no
no
si
no
no
poco
no no abbastanza poco si operatore
Shiatsu no no poco attivare il travaglio
alleviare il dolore +
attivare il travaglio
no
operatore
Shiatsu
no abbastanza abbastanza si abbastanza abbastanza alleviare il dolore
poco ridurre la tensione
muscolare
poco
riabilitazione
perineale
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
massaggio al
neonato
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
riabilitazione
perineale
riabilitazione
perineale
favorire la
montata lattea
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
riabilitazione
perineale
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
1 si 1 no si si
1 no si si
1 no si si
1 no si si
1 no no nd
87
si
massaggio al
neonato
poco
accelerare la
dilatazione cervicale +
ridurre la tensione
muscolare
no
no
poco
operatore
Shiatsu
no
no
abbastanza
massaggio al
neonato
riabilitazione
perineale +
favorire la
montata latteaRecord età nazionalità
53 34 italiana
54 32 italiana
titolo di
studio
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
55 38 russa 56 36 italiana 57 38 italiana 58 32 italiana 59 33 italiana 60 34 italiana 61 34 italiana 62 23 italiana 63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77 34
23
22
24
28
37
40
37
39
33
33
35
35
32
34 italiana
rumena
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana
italiana diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
medie
nd
nd
nd
medie
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
laurea
78 35 italiana laurea
n° di
gravidanze conoscenza
dello
Shiatsu
1 1
conosce
l’ambito
corretto
come è
venuta a
conoscenza
dello
Shiatsu
è ritenuta
una
procedura
invasiva
ha fatto una
seduta non
in
gravidanza
no si si
no si si
si si
centro
benessere
recupero
psico-
emotivo nel
puerperio
no si si
no si si
1 no si si
1 no no no
1 no si si
1 no si si
1 no no no
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1 no
no
no
no
no
no
no
no
no
no
no
no
no
no
no no
si
no
si
si
si
si
no
si
si
si
si
si
si
si no
nd
si
si
si
si
si
no
si
si
no
si
si
si
si
1 si si si
centro
benessere
no
no
si
no
88
no
ridurre la
tensione
muscolare
1
no
no
beneficio
più
importante
1
poco
no
efficacia in
travaglio
no
altro
no
efficacia in
gravidanza
1
si
no
a quale
operatore si
è rivolta
in quale
altro caso
ricorrerebbe
allo Shiatsu
approfondire
nel percorso
nascita
no
ha fatto una
seduta in
gravidanza
pensa che lo
Shiatsu
possa
essere
applicato da
un’ostetrica
approfondire
l’argomento
per quale
ragione
poco
operatore
Shiatsu
si
abbastanza
poco
abbastanza
altro
alleviare il
dolore
favorire la
montata
latteaRecord età nazionalità titolo di
studio
79 33 italiana laurea
80 35 italiana
81 34 italiana
82 39 italiana
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
n° di
gravidanze conoscenza
dello
Shiatsu
3 no
1 si
1 no
3 no
conosce
l’ambito
corretto
si
come è
venuta a
conoscenza
dello
Shiatsu
altro
è ritenuta
una
procedura
invasiva
no
ha fatto una
seduta non
in
gravidanza
per quale
ragione
no
ha fatto una
seduta in
gravidanza
a quale
operatore si
è rivolta
no
pensa che lo
Shiatsu
possa
essere
applicato da
un’ostetrica
no
efficacia in
gravidanza
poco
efficacia in
travaglio beneficio
più
importante
poco alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
83 23 italiana diploma
sup. 1 si si internet +
centro
benessere poco no no si abbastanza abbastanza alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
84 35 brasiliana diploma
sup. 1 si no internet +
centro
benessere +
medico no no no si molto abbastanza alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
85 37 rumena 1 no no altro abbastanza no no no poco poco 86 35 rumena 1 no no no no centro
benessere
diploma
sup.
diploma
sup.
riabilitazione
perineale +
recupero psico-
emotivo nel
puerperio
massaggio al
neonato +
favorire la
montata lattea
+ recupero
psico-emotivo
nel puerperio
altro
no
si
si si
si si
si si
si si
no no
nd nd
medie più di 3 si nd nd
giordana
italiana
italiana più di 3
più di 3
3 no
no
no no
si
si no
si
si
91 33 italiana 1 no no no
92 32 italiana laurea
laurea
laurea
diploma
sup.
laurea 1 no si si
93 33 italiana laurea 1 no no no no no si si
94 22 italiana 1 no si no no no si si
95 30 italiana 1 no si no
96 23 italiana 1 no no no
97 36 italiana 2 no si si
98 30 cinese 3 no no no
1 no si si
1 si si centro
benessere no no no si si
si ostetrica no no si si si
si si
massaggio al
neonato si si
massaggio al
neonato si si
italiana italiana 101 29 italiana laurea 2 si
102 30 italiana diploma
sup. 2 no
no
ostetrica
abbastanza
si albanese 23
abbastanza
no
41
38
39 34
no
no 29 99
no
ridurre la
tensione
muscolare
approfondire
nel percorso
nascita
88
89
90 100
no
favorire la
montata lattea
approfondire
l’argomento 87
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
laurea
diploma
sup.
diploma
sup.
diploma
sup.
abbastanza
operatore
Shiatsu
in quale altro
caso
ricorrerebbe
allo Shiatsu
si abbastanza abbastanza
si molto abbastanza
103 27 italiana medie 1 si si internet no no no si molto molto
104 30 italiana diploma
sup. 3 si no centro
benessere no no no si abbastanza molto
89
favorire la
montata lattea
no
alleviare il
dolore
attivare il
travaglio
ridurre la
tensione
muscolare
alleviare il
dolore +
ridurre la
tensione
muscolare
favorire la
montata lattea
massaggio al
neonato6.2
Brochure informativa.
90917. Bibliografia.
1- “Shiatsu per la gestante e per il neonato”
Susanne Yates con Tricia Anderson
Ed. it. A cura di Giampiero Brusasco
Edizioni RED
2- D&D n°78 “Medicine naturali in ostetricia”
AA. VV.
Scuola Elementale di Arte Ostetrica
3- “Il libro dello Shiatsu
Guida pratica al massaggio”
Saul Goodman
MACRO EDIZIONI
4- “Zen Shiatsu”
Tetsugen Serra
Fabbri Editori
5- “Come Madre Natura
Terapie alternative per la gravidanza e il parto”
Pat Thomas
6- “Il dolore”
Piera Maghella, Vittoria Pola
MACRO EDIZIONI
7- “Guarire con lo Shiatsu
Dall’antica tradizione orientale una guida pratica per curarsi da soli e
ritrovare il benessere”
D. Gattini, M. Agazzi
Piemme
92Sitografia per le immagini della brochure.
1- http://www.dydmedicinaintegrativa.it
2- http://www.eventiculturalimagazine.wordpress.com
3- http://www.gbShiatsu.wordpress.com
4- http://www.mandalacomo.it
938.
Ringraziamenti.
A chi è orgoglioso di me, nel bene e nel male.
A chi mi ha sostenuto e continuerà a farlo.
A chi non ha mai smesso di ripetermi: “Credici!”.
Alla mia famiglia, perché c’è stata e ci sarà.
Alle mie sorelle, che non immaginano nemmeno quanto sia importante la loro
approvazione.
Alle ostetriche che mi hanno condotto per mano fino al significato più profondo
dell’essere custode della nascita.
A Tania, solare e positiva.
A Malisa e Melissa, perché senza di loro non sarebbe stata la stessa cosa.
Al dolore, al coraggio e alla dolcezza delle donne.
Ai bambini, che aspettano solo di essere accolti, e alla luce nei loro occhi.
Alle mie mani, che, sorprendentemente, hanno imparato presto a stringere forte
altre mani, a consolare i pianti, ad assistere chi si affaccia dolcemente e per la
prima volta a questo mondo .
Al privilegio di assistere al miracolo della vita.
Al desiderio di diventare la migliore ostetrica possibile.
94